Elezioni comunali di Treviso 2008: corre il comitato per un PNV. Indipendenza entro il 2012.

articolo pubblicato sul Corriere del Veneto il 22 novembre 2007

CorVeneto

download comunicato originale

Comunicato stampa

Elezioni comunali di Treviso 2008: il comitato per un PNV sarà presente con propria lista in appoggio a sindaco indipendentista. Indipendenza del Veneto entro il 2012.

I trevisani potranno finalmente avere una proposta politica esclusivamente veneta. Stop alla casta che ci sta portando al disastro politico, economico e sociale. Basta alla miope gerontocrazia italica, sì a una Treviso sicura, moderna, europea ed internazionale. Indipendenza del Veneto unica soluzione politica per uscire dal rischio “Argentina”.

_____________________ 

Treviso, lì 21 novembre 2007

Dopo il Veneto-Day, Treviso e il Veneto si svegliano con una proposta politica indipendentista. 

Il Comitato per la fondazione di un Partito Nazionale Veneto annuncia infatti la propria intenzione di non schierarsi con i blocchi antiveneti del centro-destra e del centro-sinistra italiani. Il comitato lavorerà alla creazione di una coalizione nazionale veneta per offrire ai trevisani una conduzione della città che favorisca l’autogoverno del popolo veneto, in forme rispondenti alle caratteristiche e tradizioni della sua storia. L’invito a partecipare alla coalizione è ovviamente esteso alle forze politiche attualmente presenti in città più sensibili all’indipendenza veneta, prima tra tutte Łiga Veneta, Progetto Nord-Est, Liga Fronte Veneto, i movimenti e soggetti politici indipendentisti veneti, ma anche alle liste civiche e a tutti gli altri soggetti politici o che intendessero abbandonare il legame di sudditanza ai partiti centralisti italiani. 

Il programma politico completo sarà elaborato assieme ai cittadini che lo definiranno in una serie di appuntamenti fissi bisettimanali in preparazione delle elezioni. Vengono anticipati alcuni punti chiave qualificanti della campagna elettorale, in fase di maggiore definizione: 

  1. Costruzione di una Treviso sicura, moderna e con spirito europeo e internazionale
  2. Riqualificazione urbanistica dei quartieri per evitare la crescita di ghetti etnici criminogeni
  3. Istituzione di servizi di polizia privata e coordinamento con le polizie dei comuni limitrofi
  4. Creazione di un museo d’arte moderna nell’ex Coni, o in area stadio
  5. Bilinguismo veneto-italiano (segnaletica stradale, esame di lingua veneta per residenti, corsi di veneto obbligatori per i dipendenti pubblici)
  6. Istituzione di un ufficio comunale antirazzismo per veneti discriminati
  7. A bilancio verranno stanziati appositi fondi per politiche a favore della nazione veneta (ad esempio, saranno riconosciute aliquote ICI agevolate a chi esporrà il gonfalone di San Marco dalla propria casa)
  8. Istituzione di una Patente civica per ottenere la residenza. Una patente a punti sul modello australiano che permetta di attestare la capacità del residente di inserirsi nel tessuto sociale e che verifichi la presenza di aspetti fondamentali di convivenza, come la presenza di un reddito minimo di sussistenza, ma anche la conoscenza della lingua veneta e italiana, come pagare le tasse e la conoscenza delle ordinanze comunali in tema di viabilità e di raccolta differenziata. La strada da seguire anche per il Veneto è quella percorsa da quei Paesi che hanno saputo far rispettare tali norme minime di civismo, come Australia, Svizzera, Canada, Svezia, o Catalogna solo per fare qualche esempio.
  9. Dall’ombralonga all’Ombrabona: stop al saccheggio della città, sì alla valorizzazione turistica
  10. Ringiovanimento della classe politica trevisana e creazione strumenti di democrazia diretta 

Il comitato e le liste civiche indipendentiste oltre a Treviso saranno presenti in diversi comuni del Veneto fin dalle prossime elezioni di primavera. L’obiettivo è la creazione di una vasta coalizione nazionale veneta che si presenti alle elezioni regionali del 2010. I tentativi in corso per mantenere in vita il sistema politico italiano ormai marcescente sono ormai un inutile accanimento.

Il comitato per un PNV si rifà al programma “Le Ragioni dell’indipendenza”  pubblicato dal movimento “Veneti” e presentato al Veneto-Day, che ridisegna in chiave veneta i percorsi politici indipendentisti europei e mondiali che hanno visto una enorme accelerazione nel 2007. Anche per il Veneto, il comitato per un PNV prevede l’ottenimento dell’indipendenza politica in un lasso di tempo ragionevole di 3-5 anni. Tale soluzione politica è l’unica percorribile per noi veneti, prima di essere risucchiati dalla sindrome argentina e della bancarotta finanziaria italiana.

Per informazioni

Portavoce: Gianluca Busato

Web: www.pnveneto.org – E-mail: info@pnveneto.org

Telefono: 348.8827427 – Fax: 0422.1830131

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts

Comments are closed.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!