Pronto soccorso: Istat, il Veneto la peggiore regione del nord

Download comunicato: Pronto soccorso: Istat, il Veneto la peggiore regione del nord

Un’indagine pubblicata ieri dall’Istat rivela che la nostra politica regionale è la peggiore del nord e di molte altre regioni anche del centro. La politica leghista non sembra premiare l’efficienza neanche nell’accesso alle ASL.


Treviso, lì 27 novembre 2007

Una indagine Istat pubblicata ieri su una ripartizione dell’indagine sui Consumi delle Famiglie 2006 dimostra come le regioni dello stato italiano con maggiori difficoltà di utilizzo del pronto soccorso (valori superiori alla media ripartizionale) sono il Veneto (8,7%), la Valle d’Aosta (7,1%) e l’Emilia Romagna (6,6%); il Veneto e l’Emilia Romagna mostrano, tra le regioni settentrionali, la maggiore difficoltà di utilizzo anche rispetto alla ASL (5,7% e 5,0%).

Il Veneto in particolare sembra dimostrare imbarazzanti risultati molto simili a quelle del Molise.

Con l’auspicio che l’Istat venga smentita, ci chiediamo le ragioni di quella che sembra essere una pessima performance. E speriamo che non ci venga riproposta solo l’eterna lamentela contro lo stato centrale che, per quanto situazione veritiera, da sola non basta a spiegare tale dato, soprattutto se raffrontato con altre regioni che hanno una situazione simile alla nostra.

Sembra in realtà che la politica (che qualche maligno ha definito nepotista) della Lega Nord in Regione nel dipartimento sanità, portata avanti dall’attuale assessore Martini, ma anche quella del suo illustre predecessore ora primo cittadino di Verona non abbia portato i frutti che tutti si aspetterebbero dalla nostra Nazione Veneta, che pur vanta una tradizione di eccellenza nel settore e un aiuto fondamentale dal grande apporto di volontariato. Il comitato per un Partito Nazionale Veneto si augura che la Giunta Regionale sappia dare una sterzata all’attuale mala gestione dell’accesso ai Pronto Soccorsi e alle ASL, di cui maggiormente risentono le famiglie disagiate.

In ogni caso il Comitato per un Partito Nazionale Veneto sarebbe anche disponibile a chiudere un occhio su tale pessima conduzione della politica sanitaria, se nel contempo almeno i nostri rappresentanti regionali si decidessero finalmente a porre le basi concrete per l’indizione di un referendum per l’indipendenza dei veneti, prima che i nostri conti correnti siano magari congelati per il prossimo raggiungimento del collasso finanziario di uno stato centrale di cui ormai non possiamo più fidarci.

Per informazioni
Portavoce: Gianluca Busato
Web: www.pnveneto.org – E-mail: info@pnveneto.org
Telefono: 348.8827427 – Fax: 0422.1830131

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts