E l’Italia (sci)vola via

Riflessioni per l’anno che verrà

“E’ Capodanno. Speriamo che passi senza danno”. Così Umberto Curti, poeta genovese. L’anno si chiude con segni di immenso degrado. Chi (forse) è un assassino viene invitato da chi (forse) è un imprenditore a firmare una linea di occhiali, e cedere per € 50.000 i diritti sulle sue memorie. Intanto i pezzi del fresco cadavere di una giovane donna attendono ancora di essere ricomposti, era un corpo ed è divenuto un puzzle. Mi insegnava Edoardo Sanguineti – per un libertario aver avuto un maestro marxista è un grande vantaggio, evita la ripetizione di errori – che in alcuni periodi di degrado non l’arte imita la vita, ma la vita l’arte. E chissà che Fusaro – se è lui l’autore del delitto – non si sia ispirato a Derek Raymond, giallista noir tra l’altro tradotto in Italia da un editore patavino, Meridiano Zero. I cadaveri smembrati nei sacchetti, il furetto, o meglio gli occhi da furetto, di Aprile è il più crudele dei mesi. Poi qualcuno spiegherà anche che il “business è business” alla famiglia Tassitani e alla comunità di Castelfranco. Ma forse saranno più i giovani colti da orrore, piuttosto che quelli che compreranno gli occhiali con cotali griffe. Perché credo che un sentimento morale covi nella gioventù e questa sia la speranza del futuro, dell’individuo, delle comunità, della Venetia. L’anno si chiude, oltre che con morti ammazzati, con una bella serie di insulti alla Venetia e al popolo veneto giunti dai rappresentanti del governo centrale: Amato, Veltroni, e in ultimo Visco si sono cimentati in codesto nobile esercizio, infamare una regione e un popolo senza le quali la chiattona – grande chiatta, ma non solo –  Italia andrebbe alla deriva. Deboli le reazioni dei Veneti istituzionali: che vi sia una diabolica novella alleanza tra Stato e notabili veneti per umiliare vieppiù questo popolo, contentandolo poi con “autonomie”, “federalismo fiscale” e altre graziose e penose concessioni à la lumbard? Vale solo, in ultimo, iniziare l’anno riflettendo sui nomi delle “nostre” campionesse di sci. Denise Karbon e Nicole Gius appartengono a quella parte del mondo “italianizzata” da una guerra bestiale e immonda, e non solo nel nome, perfino nell’accento conservano tratti germanici, di culture altre. Non è assai più “italiana” la seconda classificata, Julia Mancuso, che invece il mondo “nazionalizzato” e disumanizzato dai passaporti ci propina per “americana”? Chi di loro è più “italiana”? E, più che altro, cosa vuol dire veramente “essere italiani”? Non siamo forse tutti cittadini del mondo? E così, forse è meglio non mettersi ad indagare seriamente su quel che accadde con i plebisciti del 1866. “Chi ha avuto ha avuto ha avuto – i Savoia – chi ha dato ha dato ha dato – la Venetia…scordiamoci il passato…” E’ meglio non farlo perché forse avrebbero dovuto farlo gli storici da tempo, ma essendo tutti asserviti al carro dello Stato centrale, i loro libri sono busse per il lesso, ovviamente vedono positivamente il plebiscito, sarebbero pronti a baciare la tavola bronzea che ne ricorda i risultati in Riva degli Schiavoni (si rifletta su dove con involontaria, grandiosa autoironia, è stato messo, più schiavi di così…). Ma sotto ogni cenere covano le braci. Queste diverranno tizzoni. E come dice una canzone di Peter Gabriel, “you can blow out a candle, but you can’t blow out a fire…” E continua: quando la fiamma ha preso, il vento la spinge sempre più in alto.

Paolo Bernardini

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts

Comments are closed.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!