Gobo so pare, Goba so mare…

Forse l’ormai stanco Umberto Bossi gà vuo na reminisiensa dela so vecia moroxa de Vigodarxere che ghe cantava na cansoneta che la dixeva:

“gobo so pare, goba so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
la fameja dei gobon.”

O forse proprio non gli veniva in mente nessun altro, si sarà detto “ma in Veneto chi abbiamo? Calderoli? No, l’è de Berghem, dopo ci tirano fuori di nuovo ste balle della Serenissima e delle Terre di San Marco…Borghezio, no è a nordovest, Maroni mi serve qui a darmi ordini, Speroni non capise un’ostrega de politica…Ah sì, come si chiama quello lì, quello grosso?”.

Ecco che allora la canzoncina diventa:

“gobo xe sindaco, gobo segretario nasional,
gobo anca a bruxelles,
e deso gobo lo femo ministro
la fameja dei gobon.”

D’altra parte il panorama della liga veneta è vario e colorato, spazia da un postino senza patente che ha occupato a lungo gli scranni parlamentari per poi passare ai consigli di amministrazione della Poste Italiane Spa, ai pr di discoteca che vengono dipinti come i nuovi messia e governatori, almeno a leggere le recensioni murali, ai bancari senatori specializzati in apologia dei forni crematori. Effettivamente il buon Umberto Bossi aveva qualche difficoltà a scegliere, ma doveva pur dare un’alternativa al Calearo veltroniano.

Bon, queo che conta xe che deso naltri veneti podemo dormir soni tranquili, ghemo el nostro caro sindaco de Trevixo (el mariga come che dirìa el bon Rocchetta, ma cosa te situ perso caro Franco? Bastava star un fià pì boni…) che pensarà a tuto. Un consiglio: el terso stipendio no sta spendarlo tuto a ofrir onbre e paneti ai romani, me racomando!

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts

Comments are closed.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!