Panem et circenses. Presi a calci dall’Italia, ma con gioia

C.v.d., come volevasi dimostrare (chi ha studiato un pò di geometria dovrebbe ricordarselo).
Un secolo fa c’era la tassa sul macinato e bastava aumentare il prezzo del pane per scatenare le sommosse popolari.
Oggi, invece, per farci dimenticare il prezzo del pane, ma soprattutto del petrolio e dei carburanti alle stelle, la distruzione del potere d’acquisto di salari e pensioni e i capibastone della criminalità organizzata (i veri segretari dei partiti che contano), basta una partita di calcio. Anzi, oggi passa tutto, ma proprio tutto, compresa l’ennesima legge-truffa fatta ad personam per chi può, il chavez-berluskaiser re signore e padrone del nostro etere, ora inviolabile in tutto e per tutto (speriamo almeno che la morte se lo porti via un giorno, lui e tutti belzebù maledetti di questo stato parassita).
I campionati europei di calcio finiranno il 29 di giugno, vedremo se dal giorno dopo, da quando forse i camionisti entreranno in sciopero, questa burletta di stato pallonaro reggerà il pressing moda mare estivo del blocco che si preannuncia ben peggiore dell’ultima sfilata autunno-inverno, che forse diede la vera spallata definitiva ai prodi comunisti, prima di Mastella.
Questa volta magari ricominceranno a circolare le tessere del pane e del latte?
O forse già gireranno già per le strade le pattuglie armate dell’esercito?
Sarà allora il caso che i soldati facciano la scorta di benzina, almeno loro, o forse sarà meglio schierare i bersaglieri in bicicletta per umiliare la polizia, forse colpevole di essersi un po’ troppo regionalizzata. Forse oggi un poliziotto veneto è troppo veneto per servire al meglio l’Italia, allora è bene fargli capire chi comanda nello stato di pulcinella e di mussolini, pardon, di bossi e di berlusconi, dove anche pantalone ormai è diventato povero, almeno a giudicare dal livello di reddito spendibile pro-capite, che pone il Veneto al livello dei popoli duosiciliani e dell’Europa ex comunista.
Godetevela pure, tanto dura poco la festa: l’italia la partira vera la sta facendo perdere a tutti.
In primis, al Popolo Veneto. Ci resta solo l’indipendenza, ma in fretta, prima che tutto sia perduto

Wento

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts

Comments are closed.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!