SERENISSIMA E POTERE ROMANO

Nel 1606 il Papa Paolo V e il Doge Leonardo Donà regnavano rispettivamente a Roma e a Venezia. Si avvicinava la Guerra dei Trent’anni e il Pontefice intendeva estendere il predominio romano sugli altri Stati usando ogni possibile pretesto. Non si trattava propriamente di questioni religiose. Si intendeva piuttosto infiltrare nelle Istituzioni altrui nipoti e favoriti paracadutati, per i quali Paolo V divenne celebre nella storia. L’esportazione di burocrati a senso unico è sempre una tendenza radicata. Il Viceré di Napoli, il Duca di Savoia, le Repubbliche di Genova e Lucca accettarono. Non così Venezia!
Nell’aprile 1606 il Papa scomunicò dunque lo Stato Veneziano. In segno di obbedienza i Gesuiti abbandonarono la città, mentre la gente imprecava in “lingua veneta” (come informa l’intellettuale europeo Frà Paolo Sarpi), usando il noto invito con complemento di moto a luogo “Andè in ma£òra”.
Il clero veneto si schierò con la Repubblica e non con Roma, dopo che il Doge aveva proclamato che Venezia era perfino più cattolica di Roma, meritandosi peraltro la qualifica di “uomo senza timor di Dio”. I parroci continuarono regolarmente le loro funzioni nonostante le minacce curiali.- Dopo due anni l’interdetto vaticano fu ritirato.

Il recente libro di Gino Benzoni “Lo Stato marciano durante l’interdetto 1606 – 1607” (Ed. Minelliana, Rovigo) racconta quei tempi e quegli eventi.- Se ne consiglia vivamente la lettura per prendere finalmente coscienza che il gallo è spesso arrogante solo perché le galline gli danno troppa importanza.

Nerio De Carlo

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts

Comments are closed.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!