INNO DI MAMELI. NOTE INFORMATIVE

Autore presunto : Goffredo Mameli
Autore reale : un religioso Barnabita
Data di composizione : anno 1847

Musica : Michele Novaro
Tempo : Allegro moderato

Prescrizione per gli uditori:

Ascoltare con prudenza e con i dovuti scongiuri.
(L’autore e il musicista sono finiti male: il primo morì poco più che ventenne; il secondo finì i suoi giorni in miseria).

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLA COMPOSIZIONE

  1. Il testo richiama quattro volte la morte.
  2. “Scipio” sarebbe stato un tipo poco raccomandabile. Egli fu, infatti, esiliato dal Senato Romano a Villa Literno, che allora era una località malsana. Motivazione: malversazione e complicità in reati commessi da parenti.
  3. “Schiava di Roma” è una poco felice attribuzione, non esente da parzialità, che coinvolge a sua insaputa, si spera, nientemeno che l’Onnipotente. Per chi crede, si tratta di blasfemia.
  4. “Siam pronti alla morte!”: in verità, secondo le Scritture, bisognerebbe tenere sempre presente tale eventualità. Essa potrebbe, tuttavia, verificarsi una sola volta e l’esperienza non sarebbe da ripetere. L’insistenza è sospetta, visto che chi la sostiene non solo non muore, ma non si ammala nemmeno.
  5. Il richiamo alla “coorte” rimanda ad una romanità posticcia.
  6. Il fatto che dalle Alpi alla Sicilia sia tutta una Legnano, è inverosimile. Il territorio dalla Sicilia alle Alpi sarebbe piuttosto diventato una colonia dell’Aspromonte, di Corleone, di Scampia…- Se allora avesse vinto il piccolo esercito di Federico Barbarossa, non sarebbe andata così.
  7. Non esiste alcuna definitiva dichiarazione ufficiale quale inno nazionale. La proposta risale al novembre 2005, ma decadde per la fine anticipata della legislatura. Non risulta che l’istanza sia stata ripresentata.

Nerio De Carlo

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts