Archive for month: agosto, 2009

Perché chi si oppone all’indipendenza la definisce “secessione”?

Tweetgovernment,politics news,politics news,politicsGli oppositori…

Read more

Il regime di ITA censura i blog liberi: si inizia da ByoBlu. A quando il blog del PNV?

Ecco i primi sintomi del regime di ITA: censura censura e ancora censura per bloccare la diffusione delle informazioni tra persone libere. Oggi è toccato a ByoBlu. Quando toccherà al blog del PNV? Riportiamo sotto l’intervento di denuncia del gravissimo fatto.

Almeno noi Veneti che possiamo farlo in tempi brevi, andiamocene da ITA prima che sia troppo tardi, conquistiamo la nostra indipendenza!

Le mie prigioni

Sequestro Byoblu

Questa mattina mi ha telefonato la Polizia Postale di Milano. Vogliono che vada a ritirare un’ordinanza di sequestro per Byoblu.Com. Hanno provato a farlo fare al gestore del server, Aruba, ma si è chiamato fuori: dovrò autosequestrarmi da solo.   Read more

Read more

Il bluff della Lega Nord Italia e il ruolo del PNV per la Libertà Veneta

Da vent’anni la stessa storia, promesse e grandi sogni per tenere ingabbiato il Popolo Veneto dentro ITA. Solo l’indipendenza ci può salvare dai nostri carcerieri

bob_poker_bluffC’è un grande enorme equivoco nella politica veneta. Una colossale e taciuta menzogna che di ripete ormai da vent’anni. Si tratta del ruolo svolto dalla Lega Nord-Łiga Veneta, diramazione territoriale della centralista Lega Nord Italia.

Oggi la grande bufala assume toni nuovi e sembra scuotere e animare le speranze anche di molti sinceri amici impegnati per la salvaguardia dell’identità veneta. Diciamo che è in atto un tentativo camaleontico da parte dei dirigenti veneti del partito lombardo che mira da un lato a nascondere il furto continuato con scasso delle risorse venete da parte di ITA e dall’altro a darci un contentino perché, ad esempio, la RAI, in teoria servizio pubblico e in realtà strumento di controllo dell’opinione pubblica, potrebbe trasmettere – magari all’una di notte – qualche programma con sottotitoli in Veneto, oppure fiction nella nostra lingua.

Allora diciamo chiaramente che, se da un lato è molto positivo e encomiabile lo sforzo di ogni politico veneto per la salvaguardia della nostra identità negata da ITA, dall’altro ciò non può essere merce di scambio con la salvaguardia della nostra libertà economica. Read more

Read more

Google News, il monopolista

di Michele Boldrin, 28 Agosto 2009, pubblicato su noisefromamerika.org

All’Antitrust hanno scoperto che il settore pubblicitario, in Italia, rischia di essere monopolizzato da … Google. Sì, Google.

google_girlNon da RAI e Fininvest, o da RCS e Repubblica/Espresso. Da Google: sembra gliel’abbia suggerito quel baluardo della concorrenza e dell’imprenditorialità che rischia in proprio che è la FIEG. Read more

Read more

ITA contro Google, il potere della casta odiosa nella repubblica delle banane


Il Veneto è ingabbiato in un regime illiberale e contrario all’innovazione

L’altro giorno in uno stupendo articolo, Lodovico Pizzati mostrava come la possibilità per il Veneto nel ritornare ad essere una locomotiva trainante dell’economia fosse legata alla capacità di innovare e come ciò sia negato al Veneto inserito nell’inferno fiscale di ITA.
Ciò oggi appare con ancor più evidenza, data la notizia, che ha dell’incredibile, della decisione dell’Antitrust, di aprire un’inchiesta su Google per abuso di posizione dominante.
google-china-censura-censorshipPer citare il comunicato dell’authority, che altro non è se non un’emanazione partitica e politicizzata, l’inchiesta ha l’obiettivo di

“verificare se i comportamenti della società, in considerazione della sua indiscussa predominanza nella fornitura di servizi di ricerca online, siano idonei a incidere indebitamente sulla concorrenza nel mercato della raccolta pubblicitaria online e a consolidare la sua posizione nella intermediazione di spazi pubblicitari”.

Il comunicato sembra scritto dal più grande ignorante di internet del mondo.
Read more

Read more

Veneto è chi il Veneto fa

Scaricate Veneto è chi il Veneto fa. Indipendenti e Contenti.

Articolo originale

Read more

Read more

ITA distrugge lo sport Veneto

Simeoni_olyPietro Mennea: atletica italiana gestita militarmente come nei vecchi regimi dell’est

Il fallimento dell’atletica azzurra ai recenti campionati mondiali di Berlino dimostra quanto sia assurda la gestione con metodi sovietici di questo sport da parte di ITA. Non siamo noi indipendentisti veneti a dirlo stavolta, ma il pugliese Pietro Mennea.

In un’intervista a Repubblica, l’ex campione olimpico a Mosca nel 1980 e detentore del record del mondo sui 200 metri per ben 17 anni dal 1979 al 1996, ha detto che

”lo sport italiano è una struttura piramidale obsoleta e per questo arrivano scarsi risultati, non è colpa degli atleti”.

Il problema, secondo l’ex atleta azzurro, è l’assoluta immobilità dei vertici federali.

“Il 75% delle medaglie olimpiche vengono da atleti appartenenti a gruppi militari – ha concluso Mennea – L’Italia dal punto di vista sportivo è simile a un vecchio paese dell’Est. Se lo sport italiano fosse gestito da persone di buon senso si proverebbe a cambiare. Ma non ci sono uomini giusti. Ci sono le stesse persone da venti anni mentre noi che abbiamo fatto bene allo sport siamo tutti fuori”.

Read more

Read more

Risorgimento Veneto

Risorgimento Veneto

de Lodovico Pizzati

St’ano ke vien ła crixi global ła ga da finir anca pai abitanti rento el contenitor Italia. Dopo ver perso on –6% del Pil ntel 2009 se tornarà a cresar a na media de zero virgoła on suco de fruta: ła media mediocre a cui se semo abituà in sti ultimi 10 ani.

Sta ki almanco ła xe ła speransa dei governanti de ITA, e cioè de parasitar in gropa a atività produtive (venete) trainà da l’economia mondiałe. No inporta se l’ospite de sto parasita el xe drio sofegar perdendo colpi rispeto a staltre economie europee. I ne ciuciarà el sangoe fin ke i połe, ciavandose de darne posibiłità de cresita e benesere.

Sta olta però i ga sbalià i so miopi calcołi, parké pasà ła pestiłensa i stati pì sani i se riciapa, e invese i pì fiapi, co masa parasiti in corpo, i tirarà łe foje. Metafore a parte, sto kive xe el problema struturałe ke vedo mi. Read more

Read more

20 anni dopo: indipendenza e libertà nei Paesi Baltici, il Popolo Estone e la rivoluzione cantante

Tallinn_EstoniaCome ci ricorda Luca De Biase, il 22 agosto 2009 sono passati vent’anni da una straordinaria manifestazione che ha visto concretizzarsi il sogno dell’indipendenza dei Popoli Baltici, Estonia, Lituania e Lettonia, che hanno vissuto una lunga interminabile guerra di 50 anni, durante i quali i loro popoli sono stati violentati, deportati, sterminati, alternativamente, dai nazisti e dai sovietici. Qui la guerra è finita solo nel 1989.

Ecco che proprio il 22 agosto 1989, un’immensa e pacifica folla di circa due milioni di persone ha realizzato una lunghissima catena umana di 600 chilometri, che idealmente univa Vilnius, Riga e Tallin. Era l’inizio della fine dell’occupazione sovietica di Lituania, Lettonia ed Estonia.

L’evento fu epocale, poiché si trattò di una manifestazione non-violenta meravigliosa, il cui ricordo resta ancora forte dopo vent’anni. Read more

Read more

Basta ladri, indipendenza per uscire dall’inferno fiscale di ITA

L’oscurantismo culturale della Lega crea danni all’immagine del Veneto e ci distrae dal furto con scasso dei nostri soldi da parte di ITA

inferno

L’attuale situazione socio-economica veneta non lascia spazio a molte interpretazioni. Siamo in balìa di uno stato canaglia (che chiamiamo ITA) che non può e non vuole fare le riforme necessarie per poter competere nel mondo odierno. Il risultato è che il Veneto si trova accerchiato da nuovi stati indipendenti molto più flessibili nel prendere decisioni ed efficienti nel saper interpretare le occasioni che la nuova economia globale mette a disposizione, oltre ai rischi e alle minacce per chi invece sta fermo, oppure si ostina a specchiarsi in un passato che non tornerà più.
Ecco che allora assistiamo ogni giorno alle pantomime di una classe dirigente veneta fallita e fallimentare che, pur di continuare a ritagliarsi fette di potere mietendo come vittime la verità, la giustizia, il buon senso e l’interesse generale veneto, decide di portarci nel regno dell’oscurantismo culturale pur di mantenere i propri privilegi di casta politica di ITA. Read more

Read more