Il PNV denuncia la senatrice Poli Bortone per boicottaggio anti-veneto

La senatrice pugliese ora rischia fino a tre anni di prigione

In merito alle gravi affermazioni rese dalla senatrice Poli Bortone, si rende noto che il Partito Nazionale Veneto ha deciso di presentare un esposto-denuncia verso la stessa per aver sollecitato forme di boicottaggio verso i prodotti Veneti, dimostrando una forma di razzismo verso tutto il Veneto, in chiara violazione con quanto previsto all’art. 507 del codice penale in tema di boicottaggio, vieppiù aggravato dall’essere la stessa Poli Bortone presidente di un movimento politico.

Risulta pretestuosa la motivazione adotta dalla politica pugliese e si aggiunge a una forma di mancanza di rispetto verso tutto il Popolo Veneto, già duramente discriminato dalle recenti dichiarazioni del vicepresidente della Regione Calabria che ha dichiarato non graditi in Calabria i turisti vicentini.

Il PNV diffida ogni politico di ITA a mettere in atto azioni, o a fornire dichiarazioni che siano lesive dei diritti fondamentali dell’uomo, anche quando quest’uomo sia Veneto.
Se questi politici abituati al parassitismo italico hanno dichiarazioni da fare contro esponenti politici veneti, vedano di rivolgersi a loro direttamente, senza tirare in ballo i cittadini Veneti, già costretti contro la loro volontà a mantenere uno stato colabrodo e “inventato” con il terzo debito pubblico al mondo.

Partito Nasional Veneto

Basta-Rasixmo-contro-i-veneti

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts