Archive for month: dicembre, 2009

Il PNV esprime solidarietà a RyanAir

Tweetgovernment,politics news,politics news,politicsITA attua misure…

Read more

Il drago e il leone: percorsi paralleli verso la libertà

di Paolo L. Bernardini

Si conclude un 2009 pieno di speranza e di eventi lieti per la futura Venetia libera. Anche se con modesti risultati, per ora, il PNV si è presentato per la prima volta ad un agone elettorale. Occorre ricordare che anche realtà adesso centrali per i futuri assetti d’Europa, come lo Scottish National Party, hanno avuto esordi altrettanto incerti e stentati. Ma quando l’idea è buona, e giusta, e l’unica concepibile, prima o poi si afferma. La storia inoltre accelera i processi, probabilmente il Cristianesimo non ci metterebbe tre secoli per divenire religione tollerata dell’Impero, e quasi quattro per divenirne l’unica, ufficiale. Non dubito che vi sarà una grande crescita alle regionali prossime venture, anche se la pluralità dei soggetti politici che invocano l’indipendenza, e ne fanno la giusta base dei propri programmi, credo nuoccia in questo caso: da storico, certamente, non posso non vedere la medesima pluralità, ahimé in quel caso non foriera di belle cose, di idee e ideologie, ma soprattutto di persone e di gruppi, in coloro che fecero il risorgimento, e portano alla creazione di uno Stato che ora è giunto al naturale crepuscolo, dopo un secolo e mezzo di una vita periclitante, ove i momenti fulgidi sono stati assai meno di quelli oscuri.
Read more

Read more

Catalonia 4:2 Argentina ( All Highlights! 22.12.2009 )

Tweetgovernment,politics news,politics news,politics

Read more

Mozzarelle e Bufale di fine anno nulla possono contro l’indipendenza

Tweetgovernment,politics news,politics news,politicsLa finta guerra…

Read more

Bon Nadal 2009 a tute łe Venete e a tuti i Veneti

Tweetgovernment,politics news,politics news,politics(e speremo l’ultimo…

Read more

Buon Natale

di Claudio Ghiotto

Con la neve anche l’anno stà per concludersi. Pare che la neve per i politici sia una sorpresa, addirittura una calamità naturale. Forse non si sono accorti che da qualche giorno siamo entrati in inverno, fatto stà che ora la spolveratina di neve paralizza città come Milano o anche Parigi, quando un tempo si ridicolizzava Roma. Era uno spasso, una delle rare occasioni in cui guardare i telegiornali delle tv romane RAI per farsi quattro grasse risate sul finimondo che pareva scatenarsi per qualche millimetro di neve. Pare che si siano romanizzati tutti. Una volta le FTV (Ferrovie Tramvie Vicentine) non si fermavano mai, magari arrivavano in ritardo, ma prima o poi arrivavano, catenoni alle gomme e via. Era normale, con un territorio per l’80% montagnoso, aspettarsi la neve d’inverno. Adesso invece anche gli Eurostar si piantano sotto il “chunnel”. Un anno da dimenticare, qualcuno penserà.
In effetti le cose sono andate proprio storte, molto peggio di quello a cui ormai eravamo abituati da qualche anno. L’anno per alcuni si è concluso con uno sprint finale, che ha ridato un filo di fiducia, ma per molti altri c’è la cassa integrazione. Eppure và lo stesso. Io so di più di una famiglia completamente nel lastrico: sono entrambi senza lavoro, in cassa integrazione, ma agiscono come quel tizio che si è lanciato dal grattacelo da 10mila piani, e dopo i primi 100 si tranquillizza e comincia a divertirsi per tutta quella velocità.
D’altra parte, questo è vero, vivere in modo cupo non aiuta a trovare nuove opportunutà. Il punto è se si è a caccia di nuove opportunità o si stà tranquilli sperando che qualche cosa accada.
Ecco, è questo fatalismo che non mi convince, è questo sentimento molto mediterraneo che sento estraneo.

Read more

Read more

XE’ NADAL 2009: INTEROGHEMOSE sora el nostro futuro.

di Gianluca Panto

El Veneto, e no sol ke kuesto, ga’ da dimandarse incosa far intea fase del post-sviupo.
Ea Itaja ciapada insieme no la ga’ interese de kuesto, parke’ el nostro teritorio el ga’ ” tanto pa scomisiar” da render , ninporta a kual costo.
Par cui da na parte se vede come kel sia un mucio ciaro ke xe’ deventa’ importante svilupar novi raporti streti e de comercio coi nostri visini de Carinsia Slovenia Croasia e Bosnia , da kealtra xe’ komunque anka indispensabie ea conquista anka de na indipendensa poitica , parke’ kuesta xe’ la unica strada percoribie pa svilupar dei novi modei de societa’ ke i sipia pi’ adati a nu.
In entrambi i casi el apartener al stato Yugo-Italia no ne favorise par gnente.
Read more

Read more

Nadal xe senpre pì visin!

Tweetgovernment,politics news,politics news,politics

Read more

Indipendensa subito col PNV, par rilanciar el Veneto in soferensa

MANIFESTO-2010-inovasionŁibaremose dai parasiti da un stato dixastrà e dai so incantadori par poder inovar e far ripartir el motor Veneto

Bon, deso i xoghi i xe ciari.
L’indipendensa ła xe senpre de pì l’unica sołusion che ne resta. E in presia, parché no ghe xe pì margini de sopravivensa economega e siviłe par i Veneti.
Indipendensa vol dir PNV, i xe ła stesa roba. Ła prima ła xe l’obietivo, el secondo el xe el strumento par otegnerla. Deso i gà moso i tochi da 90 (se fa par dir), pur de frenar ła voja veneta de łibararase dal pexo de un sistema marso e oprimente.
Ma i truchi iluxionisti dei aprendisti stregoni tałiani i durarà ben poco, i xe come a neve co ła se volta in piova.
Intieri setori industriałi i xe ndai farse benedir e noi tornarà pì come prima, inutiłe iludarse. El suicidio de tanti inprenditori veneti el xe un canpaneło de alarme inpresionante, par chi che ło vol sentir. Co se copa un inprenditor, vol dir che xe morta ła voja de far, de ndar vanti, co sta Italia małedeta.
Ałora parlemoghe a sti pori inprenditori e a tuti i Veneti che i xe drio perdar łe speranse.
L’unica salvesa che ne resta xe de scumisiar a capir che se gà da inovar.
Par inovar ghe vol schei. Risorse da dedicar ala riserca, ałe università, a un novo sistema de venture capital dedicà ai inovatori de procesi, ai inventori de modełi de business baxai suła dixintermediasion e suła digitałixasion deła magior parte dełe atività economiche, rispeto a come che łe ghemo conosùe fin ancuò.
Read more

Read more

Finanziare il parassitismo

parassitiIl cosiddetto “rimborso elettorale” ai partiti politici è un classico esempio di come il sistema parassitario chiamato Stato italiano sia attivo, funzionante e in buonissima salute, lui.
La spina dorsale di questo sistema parassitario, ossia di questo Stato che sopravvive grazie al parassitismo che esercita ai danni dei ceti produttivi, sono i partiti politici italiani. Ossia quelle istituzioni private che reclamano e ottengono tonnellate e tonnellate di soldi pubblici, cioè soldi rubati a noi. Soldi che usano per perpetuare il loro malato sistema di potere che prevede, in ultima analisi, che il cittadino di questo sistema parassitario sia continuamente derubato per il “bene pubblico”, dicono.

Quando io sento il termine “finanziamento pubblico”, in automatico ho un sussulto perché per mia indole rifuggo dal concetto di prelevare con la coercizione a X per dare, arbitrariamente, a Y; non so a voi,  ma a me questo ricorda tanto quell’azione detta “rapina”. Se poi Y è un componente di quella cupola partitica italica che, nonostante tutti i voti e tutti i chiari desideri della maggioranza di questo Stato parassitario, continua impunemente a fare la bella vita con i soldi che ci ruba, beh, ogni ipotetica remora contro il finanziamento pubblico ai partiti cade. Il bello poi, è che non viene nemmeno chiamato finanziamento pubblico, infatti, come scritto all’inizio, trattasi di rimborso elettorale.
Read more

Read more