Digital divide e il dialogo impossibile con i dinosauri

dinosauri

Indipendenza per liberarci dall’ignoranza digitale di ITA

È ammirevole l’intervento distensivo di facebook nei confronti del vicecapo di stato di ITA. Il numero 2 di questo stato che sopravvive a sé stesso ieri si è lanciato in una filippica che ha quasi accomunato i gruppi terroristici degli anni ’70 con facebook, il social network che sta diventando la naturale valvola di sfogo per molte persone.
Le parole pronunciate ieri nel senato di ITA sono risuonate in rete come una bestemmia in Chiesa. È incredibile che il rappresentante di una istituzione di uno stato che si vuole definire libero dimostri una tale ignoranza – nel senso tecnico di nescienza – in ciò che dice. Non c’è nulla da dire sul piano politico, perché se questo è il numero 2 di ITA, la politica in ITA è morta e defunta.
Non ci possono essere parole adeguate per commentare un tale abisso.
Nel sentire tali parole ieri come prima reazione mi è gelato il sangue, come se mi fossi trovato di fronte a un dinosauro sopravvissuto alla propria estinzione.
Dopodichè ho provato pena, pena per un uomo del passato che non può capire il presente.
È privo degli strumenti culturali minimi. Al suo confronto mi sono sentito come poteva sentirsi un Galileo che di fronte alla stupidità dell’inquisizione dicesse “eppur si muove”: è ammirevole pertanto che Richard Allan, responsabile europeo di Facebook abbia espresso la propria disponibilità “a discutere ulteriormente con Schifani o con chiunque altro del suo staff e di conoscere il suo punto di vista su come noi possiamo agire ancora più efficacemente in futuro”.
Il signor Allan forse non sa che rischia di essere imprigionato come sovversivo, magari per costituzione di associazione antinazionale, o simili beltà presenti nel codice penale di ITA.
È vero, sono articoli ormai desueti e forse privi di significato, ma intanto esistono e io, se fossi il signor Allan, ci penserei due volte ad andare a Roma in questi giorni. Potrebbe anche essere costretto a dire “eppur si muove”.
Sì, a sentire le parole di Schifani di ieri ho pensato a quei berlinesi dell’est che 6 mesi prima della caduta del muro ancora erano oppressi dai dinosauri politici del passato.

L’unica differenza, perdonatemi la battuta, è che forse qui il muro è da costruire, non da abbattere: un muro tutto tondo per rinchiudervi dentro l’ignoranza e lasciare noi Veneti liberi da simili stupidaggini digitali grazie all’indipendenza.

Gianluca Busato
Segretario PNV

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts