Archive for month: ottobre, 2010

Récordi in Léngoa Vèneta – primo toketo.

Racuanti àni pasà, el primo inverno ke mi jèro in Lusènburgo la me fameja la jèra  oncora in Patria (prima de venhere a Lusènburgo a viveimo inte la zona de ‘l Antico Dogado). Cusì, par poder pasare cualke dì in fameja inte i fine setimana, el venare sera o el sabo matina de frecuente a jèro a la stasiòn de i treni de Luxembourg-ville da indove ke ‘l pasèa el bus ke ‘l portèa a ciapare el aèreo a ‘l aèroporto ke se trova in Alemanha.

Read more

Read more

Sto Venare tuti a Padova par l’università veneta

Tweetgovernment,politics news,politics news,politicsTolto da venetostato.com…

Read more

Bechi e bastonai

Basta lega, basta italia. VENETO STATO SUBITO!

Xè incredibiłe constatar ogni dì cuanto che semo bechi e cuanto che semo bastonai. I bołetini de informasion de regime dei tełegiornai ogni dì i par aver l’unico conpito de mantegnerne musi e sciavi de un stato małedeto chel ne roba sensa pauxa i nostri schei e łe nostre speranse.

Da ultimo i tałiani i se gà anca inventà un partito-bluff come ła Lega Nord par darne el contentin inte l’urna eletoral. Cusì gavemo l’inpresion che votando lega a se libaremo dei furfanti.

Ma semo sicuri? Ma semo proprio convinti che votando xente come Zaia a se femo i nostri intaresi? Naltri da un toco ripetemo che l’unica strada reale e concreta pa far i nostri intaresi e costruirse un futuro degno de sto nome xe cueła de darse da far a ogni liveło par la reałixasion del VENETO STATO, INDIPENDENTE.

Ma xe ben vardar parò a cuel che ne roba sta Italia, par convinsarse mejo, anca se magari ne tocarà  inrabiarse un fià.

Read more

Read more

ON “INDIPENDENTISTA” CANDIDÀ AL PREMIO NOBEL PA L’ECONOMIA

Riportemo de seguito na recension molto interesante de “The Size of Nations”, on libro de Alesina e Spolaore, publicata su noisefromamerika.org dal segretario de VENETO STATO Lodovico Pizzati (chel xe anca docente docente preso el Dipartimento de Siense Economiche a Ca’ Foscari e el gà insegnà in diversi corsi per la laurea in inglexe tra cui Labor Economics, Industrial Organization, Macroeconomics, Microeconomics, e International Economics and the European Union).

Gavemo sielto de farlo, parché proprio in sti dì Alesina el xe sta indicà dal’autorevole Thomson Reuters tra i 4 candidati papabili pa’l Nobel in Economia.

No nascondemo che’l pensiero de Alberto Alesina el gà portà a na enorme evolusion del pensiero politico indipendentista veneto. A podemo ben dir che dala publicasion dei so lavori a xè partìa na nova stagion che gà permeso de butar le baxi par la cresita de na nova clase dirigente che ancuò la gà portà ala nasita de VENETO STATO.

Pa sto motivo anche Press News Veneto suporta la candidatura de Alberto Alesina al Premio Nobel par l’economia.

Cuesta a ogni modo la xe la mejo risposta al sior Napolitano che st’altro dì el gà definìo le “prospettive indipendentiste […] storicamente insostenibili e obiettivamente inimmaginabili”.

Ala luce anca del pexo e influensa che sta ciapando el pensiero de Alesina, ne par invese che storicamente insostenibile e obietivamente inimaginabile pai Veneti e pa ogni persona de bon senso sia sostegner ancora l’unità d’Italia.

A xe ora che creemo in presia el VENETO STATO, INDIPENDENTE!

Press News Veneto

De Lodovico Pizzati, tolto da noisefromamerika.org

LA DIMENSION DELE NASION

Un libro di Alesina e Spolaore sulle dinamiche economiche dietro gli spostamenti dei confini politici nel corso del tempo.

Ho avuto modo di ascoltare l’argomento di questo libro già nel 1998 durante un seminario accademico alla Georgetown University, dove stavo concludendo il mio Ph.D. Il paper presentato allora mi colpì perché era la prima volta che sentivo un argomento economico, anziché etnico o storico, sulla dimensione di uno stato. Quel giorno a Georgetown Alberto Alesina presentò un draft del lavoro che venne poi pubblicato due anni dopo come “Economic Integration and Political Disintegration” nella rivista accademica American Economic Review. Assieme ai suoi coautori, Enrico Spolaore e Romain Wacziarg, la ricerca venne approfondita risultando nella pubblicazione del libro “The Size of Nations” (MIT Press, 2003) che sorprendentemente non è ancora stato tradotto in italiano.

Read more

Read more

PADANI, GO ROME!

Łasemo in Italia i bałisti deła lega, naltri veneti tołemose ła nostra indipendensa

In sti dì a xè vegnùa fora la notisia dela cuestion morale nea Lega Nord. L’aresto de David Codognotto, asesor leghista a S. Michele del Tagliamento, xè soło l’ultima notisia de na triste serie dopo le scualide aventure de sfrutamento deła prostitusion del’ex sindaco leghista de Silea Biasin, dopo le storie de tangenti de cualche tenpo fa a Nervexa, dopo le storie brute del bankier Blasi (presidente de CariVerona, su cui pende na rikiesta de rinvio a giudisio pa bancarota e tegnùo in piè dal sindaco leghista Tosi soło par farghe far el so buratin nełe recenti vicende de UniCredit, riusendo cusì a far dimetar Profumo).

E sensa dixmentagarse łe vergognoxe vicende deła CrediEuroNord, in cui ła Lega ła gà fregà na barca de schei ai so militanti e i famoxi vilagi-trufa in Croasia, co intaresi familiari del steso Bossi  far da vołan a altre roberìe da republica dełe banane leghiste.

Xè insoma evidente che ANCA Lega Nord ła xe diventada un partito tałian, al pari de tuti st’altri.

Read more

Read more

[VeNETvision]: “Festa dei Veneti 2010, 150 àni …de cosa?”

Tweetgovernment,politics news,politics news,politics Na escursion…

Read more

OGNI GIORNO SIAMO VENETI

Chipilo, Mexico

di Gianluca Panto

L’indipendentismo è il fenomeno politico caratterizzato dal rivendicare l’indipendenza di un territorio dalla sovranità di uno Stato.

Primariamente esso si basa sulla rivendicazione del principio di autodeterminazione dei popoli, così com’è riconosciuto nel Diritto Internazionale, e fonda la legittimità della rivendicazione sulla storicità di una passata indipendenza del territorio medesimo e sulla tipicità culturale del popolo che lo abita.

Nella Venetia, il movimento politico e culturale indipendentista veneto, da taluni definito “venetismo” si propone di difendere e promuovere la lingua veneta, garantendone il riconoscimento ufficiale, e in generale di riscoprire le tradizioni del popolo veneto, e la cultura e la storia della Serenissima Repubblica di Venezia.

Segusino, Venetia

Il post fisso -ismo in senso denigratorio mi piace poco in quanto deteriore, come altri hanno già detto (Pizzati), così come l’eccessiva ridondanza ed identificazione del venetismo in un fenomeno inquadrabile all’interno del pacchianesimo nostalgico, tema assai caro a certo giornalismo antagonista.
Dobbiamo rompere questo sillogismo e luogo comune nel quale non ci identifichiamo affatto,poichè la nostra concezione è obiettivamente progressista, modernista, rivolta alle tecnologie, amante del progresso, dello sviluppo, della competizione,del miglioramento, del futuro, con equilibrio e rispetto per l’ambiente.

Essere veneti non è la nostalgia del passato, quanto piuttosto la consapevolezza della esistenza di una nostra cultura con profonde radici nella storia, e per noi anche il nostro miglior futuro.
Read more

Read more