Archive for month: luglio, 2011

Avveniva in Sardegna e non deve avvenire anche in Veneto

Tweetgovernment,politics news,politics news,politicsiRS e ProgReS…

Read more

I TABÙ DE ON SERTO VENETIXMO

A fa mal ricognosarse al spècio, e a fa ncora pi mal co se se inacorxe de èsar pì brùti de chelo ca se credèa.
On a dì rìva on bòcia e el sìga ca el prìnsipe el xé sensa vestìi e tùti a ghe càsca el paraòci e i se mete rìdar, fòra ca el prìnsipe ca el se inacòrxe de chelo ca el xé, e el se inràbia, magàri metendo in prexòn el bòcia.
Fin l’arìvo de Copernicus, la majòr parte dei “siensiàti” li ripetea la storieta ca el sol el va par atorno la tera. Copernicus e Galilei li ga semenà el dùbio, ansi i ga dìto la ròba pi naturàl dal punto de vìsta dei fàti portando pròe incontrovertìbili. Chi ca gheva prejudìsi invese el ga torturà e inprexonà a vìta Galileo Galilei Read more

Read more

Baruffe Chiozzote

Oggi è stata per le finanze che alimentano l’economia italiana un’altra brutta giornata. Lo schiaffo più morale che sostanziale ricevuto da Deutsch Bank il cui managment ha deciso di ridurre la sua esposizione dei titoli di stato italiani riducendo il suo portafoglio da 8 miliardi a meno di un miliardo, è stato seguito da una giornata convulsa in borsa e dal nuovo record della differenza tra il valore di acquisto dei buoni di stato tedeschi e quelli italiani (a sfavore di questi ultimi). Una mossa questa che dovrebbe essere letta come un indicatore molto serio di come si stia orientando almeno una parte dell’opinione leader della Germania sulla questione del sostegno alle economie colabrodo dei paesi del sud Europa in mano ad ladroni in doppio petto. Patetico a questo riguardo il commento di Romano Prodi, che avrebbe stigmatizzato la scelta di Deutsche Bank lamentando “la fine di ogni legame di solidarietà” (sic), si proprio colui che all’epoca dell’adesione dell’Italia all’euro, fortemente osteggiata da una bella fetta della politica tedesca dell’epoca, dichiarò in televisione “gli faremo vedere i sorci verdi”.
Beh, questa volta più che un sorcio dovrà ingoiare un rospo. Read more

Read more

Com’è difficile stare calmi mentre tutti intorno fanno rumore

Ghe xe na camara piena de zente.

Ogni mezora entra dentro on paro de persone e i taca sbitarar acoa giasa’ in facia ala xente co na cana de acoa da ponpieri. La situasion la va vanti ogni di, e par che suceda pi de frecuente e co pi presion.

On di entra rento Rafaele Serafini e taca spiegarghe ala xente che l’acoa freda no la xe mia malvagia, ansi la pol eser rinfrescante da bevar e utile par darghe da bevar ale piante.

La zente giustamente la taca darghe na man de pache, e a Serafini i preferise chel che ghe dixe uno dei do siori che i vede in controluce, no chelo co la cana de acoa in man, chealtro. El siga che l’acoa giasa’ xe schifoxa, che no se ne pol pi, che xe ora de finirla, che ghe vol el lancia fiame par conbatar sta acoa giasa’ e schifoxa. Basta acoa, el dixe, freda o calda, basta. Read more

Read more

Baningi e Naningi

Tutto comincia in un villaggio di montanari Baningi, questi non avevano mai visto uno straniero prima, se non alla tv. Siccome la gente di questo villaggio faceva parte di un gruppo di villaggi che insieme formavano una metropoli, sviluppata, allora nel pensiero comune si immaginava la gente di questi villaggi essere diversa da quella di un villaggio nella foresta tropicale, dove lo sviluppo era rimasto al livello di arco e frecce.

Ma i rapporti umani cambiano? La percezione e la sensibilità cambiano perché si possiede una tv e un computer? Si, certo, forse una maggiore consapevolezza esiste, ma le radici dell’essere umano  cambieranno per effetto di questi strumenti e questo sviluppo?
Se guardiamo bene tutti si aggregano in comunità, tutti guardano il vicino, tutti si misurano e in tutte le società (o comunità che dir si voglia) del mondo si formano livelli di persone che guidano e persone aggregate. Dappertutto il più forte comanda, nelle società complesse è forte chi ha intelligenza, in quelle meno sviluppate la forza è quella fisica. Read more

Read more

I PREJUDISI DE ON SERTO VENETIXMO

Sensa mexe parole, a xé òra parlàr ciàro, e vanti tùto ghe vol el coràjo de vardarse naltri e farse on bel l’exameto de cosiensa, sa no semo buni catarse i nostri difeti, de serto no ghemo el pasaporto pa delibaràr e verxar i òci de on pòpolo:chelo Veneto.

De còsa xéla malà na parte del Venetìxmo, che càncaro a xélo drìo rosegàrlo? Coala xèla la pèste ca la asìla na minorànsa dei nostri?

El VS (Veneto Stato) el ga pa statuto ciàri na sèrie de valori ca li riflete la dichiarasiòn dei dirìti de l’òmo. Le libartà fondamentàl pa i diriti sivili:la libartà lengoistega, la no discriminasiòn rasiàl, relijoxa, sesuàl, le xé dei caosaldi de la futùra sosietà Vèneta, dei Veneti, del Veneto Stato de tùta l’Europa e del mondo.

Epur, ghe xè fra serti Venetìsti la tentasiòn rinovàr vèci sentimenti ca no ne apartien, i stìsi ca prolìfega rento le fìla de chela Lega Nord vera nemiga del nòstro Pòpolo. Read more

Read more

UGO FOSCOLO, poeta veneto, non italiano.

Di Gualpertino da Coderta

Tra i commenti pubblicati a suo tempo sul Corriere del Veneto, a proposito dello studente vicentino Serafini, inutilmente accusato, con la saccenza boriosa dei bigotti benpensanti, di strumentalizzare politicamente l’uso della lingua veneta si leggeva tra l’altro:

“Vada lo studente a comprarsi qualche libro scritto da storici che egli reputa oggettivi ed onestamente (con l’onestà intellettuale rivolta innanzitutto al rispetto di sé) cerchi la verità sull’argomento, su quali erano i rapporti con le potenze straniere dei vari staterelli del nord Italia alla vigilia del Risorgimento e quale fosse il sentimento diffuso fra i suoi conterranei a quel tempo.”

Beh, definire la Serenissima Repubblica di Venezia uno “staterello” mi sembra una affermazione per così dire “poco accurata”. Read more

Read more

La lega e il suo odio verso il pensiero e gli intellettuali

Tra i vari danni che la lega nord ha portato finora nel quadro politico veneto, il più grande è stato un’avversione generale per il pensiero, nella più profonda delle sue accezioni.
Tale aspetto è ben rappresentato in particolare dall’odio che spesso viene rivolto anche e soprattutto a livello personale verso gli intellettuali. L’odio si manifesta a volte invece con forme abiette di guerra al pensiero, quali la censura, o la disinformazione, che manifestano l’incapacità di argomentare da parte di chi le esercita e che quindi tentano di vincere il confronto per loro impari attraverso un’autentica violenza culturale.
Intendiamoci, io non mi ritengo proprio un intellettuale, magari lo fossi! Però nutro una profonda stima verso chi ha sacrificato anni della propria vita allo studio e alla passione per le arti liberali, per la scienza, per l’umanesimo, per la filosofia e per ogni aspetto dell’umana sete di sapere.
Un partito che invece rifiuta a priori l’apporto del pensiero è destinato a morte certa, oppure, peggio, al controllo di altri centri di potere occulti che lo possono usare come taxi per il raggiungimento dei propri obiettivi difficilmente confessabili.  Read more

Read more

Via col Veneto

Tweetgovernment,politics news,politics news,politics

Read more

Sostenibilità Fiscale II

Tweetgovernment,politics news,politics news,politicsdi Lodovico Pizzati…

Read more