Lettera aperta di un comune mortale che spera

Buongiorno,se può scuotere gli animi ascoltate il mio umile pensiero.
Cosa faccio?cosa sono?sono un migrante senza patria in una terra vicina che potrebbe essere da esempio per la nostra.
Sono uno che fà vacanze in Istrie e Dalmazia perchè le considero il mio sud.
Sono emigrato in una terra teutonica in attesa di poter tornare a Brescia con un nuovo documento.
Mi sveglio la mattina e dopo aver bevuto un caffè,fumato una sigaretta e aver cagato,leggo pnveneto.org dai suoi inizi.
Ho letto lettere piene di passione,amore,critica,sogni e ribelllione.
Un misto di anarchia libertaria,invidia per le terre a noi vicine e storie che lo stato Italiano ci nasconde.
Ho imparato tanto dalle lettere del professor Bernardini,dalle lezioni di Pizzati,dal cinismo di Ghiotto e dalle stoccate di Busato.
L’indipendentismo Veneto è rientrato come un calcio a mezza altezza in pancia all’ipocrisia Italiana,certo…spesso si parla di soldi,di vantaggi economici…e meno di cultura identitaria.
Poi vado a fare le spese e vedo quanto sono furbi i Bavaresi…quattro tipi di latte con scritto “LA NOSTRA TERRA”…e molti altri prodotti LOKAL.
E bianco e blu e bianco e blu e bianco e blu…quando sono ubriaco mi sembra che il mio Brescia sia promosso in serie A ancora!
Però la Baviera la respiri, la ami,la invidii e pensi:”tutti per uno uno per tutti…a bassa voce…e gomiti larghi”.
E Veneto Stato cresce nel frattempo…e vedi nelle facce di chi intervista Pizzati che non capiscono e che lui la sa lunga…non è un politico ma Miglio lo adorerebbe…Roma tace o parla di egoismo…trema.
Non gli si può rinfacciare nulla a parte l’accento…ad altri si…nei bar,però votano anche gli ubriaconi.
Il capo dello stato mente…Veneto stato lo sa…RADIOLONDRAPNVENETO parla e informa.

E allora perchè questi veleni?
Qual’è il fine? E’ l’indipendenza dello stato?
Parlo quattro lingue e vorrei farmi capire meglio…lo sapete che ci perdiamo tutti se va a puttane anche questa?

Sono miope…porto gli occhiali…se dovessi sapere che il mio compagno di sventura ci vede bene e potrebbe tirarci fuori da una situazione di pericolo e salvare la vita a entrambi,non esiterei a portarlo a spalle e farmi guidare da lui e trasportarlo come un mulo,fino alla fine del pericolo.

Ok…io sono Bresciano,forte e fedele…però lo farei solo con un Veneto.

Saluti,avete una grossa responsabilità…forse non avete abbastanza fame,ma io ci credo!

Arnaldo da Bressa

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.