Archive for month: Ottobre, 2011

I Classici: Tesoro, mi si sono ristretti gli stati

Tesoro, mi si sono ristretti gli stati

L’Economist Intelligence Unit (EIU) el ga de recente publicà ła previxion de crésita pai prosimi sincue ani. Intanto ke el groso de l’atension ła se focałixa sułe recenti tendense de recesion, na meta inportante saltà fora dai dati ła xe forse drio vegner trascurà. Ntei prosimi ani i sloveni i xe projetà par deventar pì riki dei taliani.

El mejo paexe del vecio bloco comunista el xe drio sorpasar ła pèxo economia de l’Europa osidentałe. Par ła Slovenia sto ki el xe on traguardo ke uficialmente el finìse ła cusideta tranxisión economega. In pena do decadi na difarensa in aparensa insormontabiłe ła xe stà sarà.

Pai prosimi ani l’Italia ła raprexenterà na boa, on sinboło de suceso par ła Republica Ceca, l’Ongaria, ła Slovakia, l’Estonia e via corendo. Ecs paexi comunisti i xe lì in fiła, pareciandose par cełebrar sta gran inprexa. Ma sta convergensa in redito pro capite xereła on efeto inevitabiłe de l’integrasion economica? Read more

Read more

I CLASSICI: L’INDIPENDENSA LA XE ON BEN PAI PI POARETI

indipendensa-un-ben-par-i-poareti

Gnanca diexe ani fa ła Banca Mondiałe ła ga publicà sto articoło academico: Growth is Good for the Poor (La crésita ła xe on ben pai pi poareti). Al tenpo tuti i parlava de l’inpato de ła globałixasion, e tanti i se domandava ke efeto el gavése su i pì poareti menbri deła socetà.

Ła fifa ła xera ke co pì comercio avantagiase soło ke na parte deła popołasion, e marginałixando ncora de pì i sitadìni pì poareti del paexe. Sta riserca soracità ła xe servìa a smontar sto mito grasie a na anałixi econometrica baxà su dati da 92 paexi, par 4 deceni.

I autori i ga catà na forte evidensa ke el redito medio dei pì poareti el creséva in proporsion co el redito medio del paexe. Sta scoverta ła xera statisticamente vera no inporta el continente, el periodo storico, el benesere o ła cresita del paexe. Ła cresita generałe de sicuro ła da beneficio anca a i pi poaréti.

Sta ultima decade ła ga anca visto nantro toco de riserca economica ke studia nantro inpato deła globałixasion: podaria esar ke co el comercio lìbaro i stati pì cèi i ga na połitega pì eficente, i xe pì conpetitivi nte’l marcà globałe, e i vive on taso de crésita pì alto?

Diversi articołi academici i ga sostegnù sto punto. Par exenpio, sto ki el xe n’articoło enpirico scrito da profesori de economia de Harvard, Stanford e Brown University, e piovegà ntel 2000 da l’American Economic Review: Economic Integration and Political Disintegration (Integrasion Economica e Dixintegrasion Połitega).

El ragionamento dixe ke dato ke i paexi pì cèi i xe (forse par necesità) pì verti al comercio, e el comercio el xe ligà fiso co ła crésita, ałora łe economie pì picenine łe dovaria fiorir in te na economia globałe.

Sto ki xe de sicuro el caxo. Forse parvia ke na połitica publica in paexi pì cèi ła xe pì in sintonia co łe exigense dei so citadini, e in sta maniera se crea pì benesere economico.

Vardando l’evidensa enpirica da sti do toki de riserca, na domanda banałe ła vien spontanea: i paexi pì cèi xełi mejo a ridur ła povertà? A intuisión 1+1=2, ma servirìa no studio economico specifico par dar na risposta definitiva.

Sta ki ła xe na domanda ke ła pol esar estexa oltre ła distribution de redito e a altri indicatori sociałi. I paexi pì cèi xełi drio proveder mejo sanità, mejo istrusion, mejo risorse par ła siensa e ła tenołogia, e mejo welfare?

Almanco par l’Europa i dati i xe disponibiłi su Eurostat spetando de vegner anałixà. E se xe propi cusì, e go el forte sospeto de si, ałora a xe ora de farse on exame de cosiensa ideołogico.

In te na Europa integrà indove el nasionałismo da disnoveximo secoło ga poco senso, i partiti połitici preocupà de giustisia sociałe no i dovaria mia esar dała parte dei Scosexi, dei Catałani, dei Fiaminghi, dei Veneti e dei Sardi?

Par exenpio, no xe mia poco anacronistico ke el partito de centro-sanca talian el xe el pì fedełe co fervor ai confini połitici stabiłìi durante l’espansionismo del disnoveximo secoło? Xe ironico ma el contentitor talian, de dimensioni ineficenti data l’integrasion europea, ła xe ła pì scandałoxa trapoła de povertà.

Spunto de meditasion intanto ke ła recesion del 2009 ła se fà pì grave: i poareti, i dixocupà, i pensionà i ga on gran bixogno de na asion połitega coragioxa.

Lodovico Pizzati
Segretario Veneto Stato Read more

Read more

I Classici: Venetia 2022

So drio vardar l’andamento de l’IVA de sto primo decenio de indipendensa. L’idea de farla na tasa provinciałe ga creà on ciclo virtuoxo pitosto prevedibiłe. I governi provinciałi deła confederasion veneta i se ga catà co dei surplus fiscałi inbarasanti, e i ga tacà conpeter al ribaso. Dai livełi asurdi del 20% eredità dała defunta Repubblica Italiana, ła provincia de Vicenza ła xe sta ła prima a sbasar al 16% ntel 2013.

Do mexi dopo Brescia fisa l’IVA al 15% e Pordenone al 14%. Ghe ga vosùo fin al 2014 ke łe asociasioni comercianti de Padoa e de Verona łe ga fato presion ai rispetivi governi provinciałi par no perdar ulterior marcà, fisando l’IVA al 10%. Sie mexi vanti, Trevixo sorprende tuti fisando l’IVA al 5%. No xera sta previsto on cało rapido cusìta, ma l’aumento del shopping on-line (par tuti i prodoti) ga acełerà ła conpetision intra-provinciałe.

Nisuni gavéa previsto ke ła riforma legislativa fata pena dopo l’indipendensa ła gavarìa portà tuta sta trancuiłità par l’e-commerce. Deso i tribunałi i xe stra-eficenti e łe cauxe łe dura de rado pì de on mexe. Ma i consumatori i se sente pì proteti parké deso xe łe banke ke ga ła responsabiłità de tutełar i clienti da potensiałi e-thieves (ladri cibernetici). Donca i veneti no i ga pì nisun riscio a far shopping online, e xa da on tòco łe IVA provinciałi łe ga catà n’ecuilibrio fra el 3% e el 5%. Unica ecesión xe ła provincia de Rovigo ke ła ga abolìo l’IVA.

Anca mi xero fra i economisti ke consiliava a ste province de confine de tegner l’IVA pì alta. I week-end ghe xe l’asalto de emiliani ai centri comerciałi rovigoti e i saria contenti de pagar anca el 10% de IVA. Ma deso go da darghe raxon ai comercianti rovigoti ke i gà spesegà par el 0%. Par lori xe pì inportante esar conpetitivi pai consumatori dełe altre province venete, dato ke dopo el Lusenburgo i veneti i xe i pì riki d’Europa.

In sta maniera gavemo esportà el ciclo virtuoxo. Dopo l’indipendensa deła Venetia, el stato Italian el xe sta bon de tegner bota par n’altra decade. Ma deso, dopo tanto tribołar tirando vanti co finansiamenti internasionałi (fra cui anca veneti), i ga divixo kel cimelio otocentesco in 5 stati pì eficenti. Come ła Yugoslavia ntei ani ’90 e ła Spagna e Regno Unìo 8 ani fa, nantro Leviatan statałe el xe petà xo. Xe inevitabiłe ke anca ła Baviera ła se staki dała Dhermania federałe fra on paro de ani, parké rento l’Union Europea ga senpre manco senso far parte de pakidermi statałi de nantra epoca.

Ma par niantri veneti xe sta forse pì fasiłe, xe stà el contrasto pì lanpante. Xera 150 ani ke trainàvino ‘fa i musi. Noialtri co l’acełeratore a maneta, e sto parasita al volante ke bruxava el freno a man. Ntel 2012 ło gavemo parà fora dała portiera e semo partìi ‘fa on sitón. Me ricordo ncora łe promese de sbasar łe tase sul redito al 20%. Deso xe na lota rento el Magior Consejo de Venesia par no sbasarle masa, e semo fermi al 12%. Ogni ano el boom economico ne regała on surplus fiscałe sora ogni previxion, e se ga stuà ogni dibatito ideołogico. Ne gavémo asà par sbasar da novo łe tase, alsar ła spexa sociałe, investir so łe infrastruture e cronparse i BOT del governo italian, fin ke i ga durà (xe sta el nostro ato de beneficensa).

In tei ultimi ani rento l’Italia gavévino soferto ła mancansa de investimenti so łe infrastruture. Ma no parlo soło de xustar łe strade, tacar panèi sołari dapartuto, o de ver netà fora ła laguna de Venesia, tanto ke deso se pesca e se podaria da nóvo noar ntel Canal Grando. Gavémo fato gran investimenti so ła ricerca, so l’istrusion, so ła sanità. I atenei de Padoa, Trieste, Verona, Trento, Venesia e Udine i ga i biłanci in ativo anca grasie a na domanda de iscrision de studenti foresti ke riva co łe so borse de studio par torse na laurea veneta. Investendo so ła ricerca semo sta boni de atirar i mejo prof. e ricercatori del mondo. Ghe xe na imigrasion axiatica (cinexi e indiani): tanti i vien par l’università, ma altretanti i xe ingegneri del setor informadego o de medicina ke vien laorar nte łe nostre dite.

Si, xe vero, femo ncora del bon vin e del bon formajo. El Made in Venetia el tira senpre anca nte’l vestiario. Ma ła risposta veneta al tsunami cinexe de cuìndaxe ani fa, xe sta de speciałixarse in te l’alta tenołogia. Na olta cavà el parasita dała gropa, co ojo de gunbio e determinasión veneta, gavémo creà dełe nikie de cuałità ke gnanca on miliardo de cinexi xe sta boni de bàtarne. Ansi, i xe deventà on miliardo de clienti par łe nostre nano-tenołogie. A Meolo e a Sandrigo ghe xe dei campus de ricerca reminesenti del Google campus californian. Ki ło gavarìa dito ke ła rivista Fortune ła premiase i partners Fochesato e Spanevello come i Steve Jobs deła nano-medicina.

Vardo i xóveni de ancó, pieni de otimismo e sicuri de se stesi. I pì cèi no i ga gnanca idea de cosa ke vołeva dir vìvar soto el taco talian. Come ke i xóveni cresù in tei ani ’90 no i gavéa idea de come ke xera vìvar durante ła guera freda. El pesimismo, ła frustrasion, ła rasegnasion ke se respirava prima de l’inploxion del regime partitocradego talian, i xe sentimenti ke deso i par fasa parte de on pasà remoto.

Al tenpo xérimo xente incoacià, invertebrà, e paréa inposibiłe poder canbiar łe robe. Me ricordo i “tanto no serve a gninte…”; “ma come pensito de fare…” E dopo xe bastà on colpo de reni: on avenimento pacifego, civiłe e legałe. Me ricordo l’entuxiasmo in Piasa San Marco come al tenpo del Muro de Berlino. Soło ke na olta cavà via, el nostro parasita ne ga parso tanto pì inpotente de l’Union Sovietica. Tuti sti mostriciatołi ke se sentiva sprotàr dałe so poltrone tełevixive. No se ricordémo gnanca pì i nomi.

Deso łe caxe łe xe tute piturà de cołori vivi, e no soło parké semo pì riki, ma anca parké inconsciamente no gavemo paura de far vedar ke stemo ben e de vegner disanguà de tase. I xóveni no i ga pi temansa dełe forse de l’ordine. Deso i vien percepìi come al nostro servizio pa’l trafico o par defendarne dal (poco) crimine. No i xe pì on corpo foresto ke ne fa sogesion. Ve ricordèo co ke se sbarlucava i fanałi par dir ai altri de star tenti ai carabinieri? Dopo 150 ani l’esercito foresto, kieto kieto, el xe ndà via.

Lodovico Pizzati
Segretario Veneto Stato Read more

Read more

Veneto Stato: un passaggio di democrazia che darà più forza

Domenica prossima si terrà un passaggio importante per Veneto Stato, un partito che sta crescendo ogni giorno di più. Il flusso di iscrizioni è notevole e continuo, anche in questi giorni di fase pre-congressuale che ovviamente vede i soci concentrati nel dialogo interno più che nell’azione politica nel territorio.
È importante però che ora tale dialogo resti nell’alveo del reciproco rispetto e riconoscimento. Per fare ciò il segreto sta nell’essere il più possibile propositivi, evitando attacchi e accuse sterili, privilegiando quindi il confronto tra le idee piuttosto che la denigrazione dell’avversario.
Il clima probabilmente è stato un po’ avvelenato, forse anche perché un confronto politico merita di avere tempi più rilassati che permettano appunto alle idee e alle proposte di essere spiegate con più calma. Ora però è bene che tutti si diano una regolata e si preparino ad affrontare le sfide comuni del dopo-domenica.
In linea generale, chi si mette a disposizione del partito per qualsiasi ruolo ha più probabilità di ricevere l’appoggio dei propri soci se riesce nell’intento di spiegare cosa egli ha fatto finora e cosa vuol fare nel futuro per portare a compimento il mandato per cui chiede i voti. Più proposte e meno proteste aiutano tutti a farsi un’idea più precisa e facilitano i soci di Veneto Stato a capire meglio quale sia la strada che vogliono percorrere per l’indipendenza.
Riteniamo che il progetto politico di Veneto Stato sia non solo straordinario, ma addirittura l’unico progetto politico oggi esistente in Veneto, nel panorama desolante dei partiti italo-padani.
Siamo certi che domenica sera Veneto Stato uscirà da questo congresso ancora più unito di prima e ancora più forte di quanto sia stato finora. Per farlo, è necessario che tutti riconoscano di essere volontari veneti che hanno in comune un enorme senso civico e di legame con la comune Patria Veneta, che per quanto ci riguarda deve abbracciare tutte le Terre e i Popoli di San Marco.

Press News Veneto Read more

Read more

Amarcord: il percorso per l’indipendenza era già tracciato 4 anni fa

Riportiamo di seguito due video del convegno sulle Ragioni dell’Indipendenza organizzato dal Movimento Veneti nel mese di novembre 2007 a Treviso. Già al tempo le idee e il programma presentati da Gianluca Busato costituivano al 90% l’ossatura dello stesso oggi portato avanti da Veneto Stato.

Read more

Read more

PER ANDREA ZANZOTTO (1921-2011)

Ora che sei morto
Vivi per davvero – o quasi
E’ il destino dolce e amaro
Dei poeti. E ad essi, ai più grandi
Tu appartieni.

Ti piange il mondo, e Pieve
Di Soligo. Anche noi, di lontano
Ti piangiamo: ché ci hai fatto
Ritrovare, e rivedere
Ogni anfratto e ogni piega
Di una terra così bella,
Così bella proprio perché muta:
E ce l’hai fatta amare.

Ho provato, ti confesso, e riprovato
A fermare cascatelle con un dito
Ma l’acqua poi se ne fuggiva,
E l’acqua è come sabbia,
Come sabbia che scorre tra le dita. Read more

Read more

Paesi interi con Veneto Stato

A Marzo avevamo capito che la situazione della baracca Italica era già traballante ed in declino ma ancora sufficientemente solida per resistere ancora all’assalto del nostro agguerrito ma pur sempre ancor piccolo partito.
Significava esser realisti, dunque ci siamo presentati alle elezioni comunali di Villorba con una lista civica, raccogliendo però molta simpatia, incoraggiamento da parte di molti cittadini ed un lusinghiero 7% in un comune di 18.000 abitanti, con tanto di consigliere eletto, nel covo-sede del direttivo provinciale leghista vera roccaforte degli omini verdi.
Grande soddisfazione anche aver visto Cuffaro-Casini da noi lasciati al palo con un misero 5%, in buona compagnia del partito del piccolo ed insignificante Pdl, anacronisticamente tricolorato ed ugualmente a bocca asciutta di consiglieri comunali.
In tale occasione poi furono organizzate delle feste a base di soppressa e cabernet durante le quali siamo riusciti ad avvicinare centinaia di cittadini sempre più delusi sia dalle mancate risposte della politica sia dall’attaccamento ai propri privilegi della attuale classe-casta politica italopadana.
Già allora sono state molte le persone che ci hanno detto che ci avrebbero votato volentieri, ma che eravamo troppo piccoli.
Li spingeva la speranza di trovare qualcosa di nuovo e li sorprendeva il nostro spessore programmatico, che andava ben al di là della facile demagogia .
Nel frattempo però non si sono tirati indietro e tra Villorba e Maserada a decine hanno sottoscritto senza indugio le nostre liste sia comunali che provinciali dandoci la possibilità della nostra prima uscita, per vedere di cosa saremo stati capaci.
Infine pochi giorni orsono a Spresiano, comune confinante, abbiamo avuto la nostra consacrazione.
Un paese intero, dilagando, è passato con Veneto Stato, non più le poche persone, non più le decine ma addirittura le centinaia sono venute ad applaudire e a cenare ospiti della nostra mensa in quel della frazione di Lovadina sulle sponde della Piave.
Se oggi potessimo subito andare al voto potremmo già proporci in questi comuni non più come semplici comparse o comprimari come una delle forze politiche dominanti sulla scena.
Continueremo così, tenendo il timone ben fermo verso la rotta dell’indipendenza, conquistando mano a mano tutto il fronte del Piave e le campagne di Nord-est, sospinti nel morale e nell’entusiasmo dalle ulteriori notizie positive che ci giungono.
Abbiamo infatti appreso anche dell’avanzata da sud delle valorose e mai dome truppe di Zero-Branco, Preganziol, Casale Sul Sile, spalleggiate dal 121° Reggimento cavalleggeri Quinto di Treviso.
Insieme ben presto accerchieremo a tenaglia la nostra capitale provinciale – Treviso – oramai insofferente anch’essa allo stantio presidio foresto e dalla puzza di inutile padania, per restituirle la Serenissima Libertà da essa voluta fin dal lontano 1338.

Gianluca Panto
Veneto Stato – Treviso Nord Read more

Read more

Veneto Stato: a Treviso nasce comitato di soci pro Pizzati

Sono tanti i soci ordinari di Veneto Stato che ieri sera si sono riuniti a Treviso per costituire il comitato elettorale a sostegno del segretario Lodovico Pizzati (da qui si può leggere la sua biografia). L’obiettivo del comitato è informare tutti i soci di Veneto Stato in previsione del voto di fiducia del prossimo Maggior Consiglio che si terrà domenica 23 ottobre all’hotel Viest di Vicenza.
Durante la riunione si sono registrati toni a volte accesi contro quello che alcuni hanno definito un “blitz da vecchi democristiani”. In generale però emerge in tutti i soci la consapevolezza che anche lo sfidante (Guadagnini) che si propone è una risorsa preziosa per il partito, ma che è decisamente troppo presto per eleggerlo segretario dato che è ancora troppo poco il tempo che è passato dalla sua militanza nell’Udc di Casini. In caso di sua elezione potrebbe rimetterne l’immagine del partito e anche egli stesso, bruciandosi. Con più tempo a disposizione, magari anche con un ruolo di rilievo all’interno del partito, egli potrà diventare senz’altro più credibile.
Il comitato pertanto chiede a tutti i soci di dare il proprio voto di fiducia a Lodovico Pizzati: “Ora c’è bisogno di continuare a crescere in tutto il Veneto così come si sta facendo a Treviso, Venezia e Padova. Lodovico è la persona giusta al momento giusto. Squadra che vince non si cambia.”

Press News Veneto Read more

Read more

Il giudizio di re Salomone

Due donne si presentarono da Salomone: ciascuna aveva partorito un figlio a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro ed entrambe dormivano nella stessa casa. Una notte accadde che uno dei due bambini morì e sua madre, secondo l’accusa, aveva scambiato il figlio morto con quello vivo dell’altra donna mentre questa dormiva. Salomone, dopo aver ascoltato le due donne sostenere più volte le loro tesi, fece portare una spada e ordinò che il bambino vivente fosse tagliato a metà per darne una parte a ciascuna di esse. Allora la vera madre lo supplicò di consegnare il bimbo all’altra donna, pur di salvarlo. Salomone capì così che quella era la vera madre e le restituì il bambino.

Libri dei Re 3,16-28 Read more

Read more

Veneto Stato: squadra che vince non si cambia

Spresiano: 160 persone ascoltano Lodovico Pizzati

La giornata di ieri a Roma ci fa capire che l’Italia si sta avviando verso una stagione difficile caratterizzata da tensioni e scontri sociali che saranno vieppiù gravi e crescenti. Contemporaneamente – sempre ieri – nelle Terre di San Marco si è dipanata una matassa politica grazie alla scelta coraggiosa di Lodovico Pizzati, il segretario di Veneto Stato che ha saputo evitare il pericolo di scissione che avrebbe fatto gran piacere all’Italia e a tutti i partiti italo-padani.
Pizzati ha saputo fare una scelta di coraggio e di grande umiltà e ora si procederà verso l’ottenimento della fiducia nel prossimo Maggior Consiglio che si terrà a Vicenza il prossimo 23 ottobre.
Sarebbe d’altro canto sciocco e suicida non continuare sulla strada che ha permesso a Veneto Stato di conquistarsi una visibilità straordinaria, con passaggi mediatici su tv e giornali che dura ormai da più di 40 giorni.
La scelta di guardare al passato è stata quella fino all’ultimo di boicottare ogni soluzione di compromesso, per consentire a qualche nostalgico una vittoria facile per assenza dell’avversario.
Basta politiche di sotterfugi sotto banco, vogliamo le cose fatte alla luce del Sole, come ha dimostrato la linea politica di Lodovico Pizzati, perché è questa la via verso l’indipendenza.
È quindi tanto logico al punto di diventare un obbligo politico evidente confermare alla guida di Veneto Stato il leader più preparato e capace che mai sia apparsa nello scenario politico veneto.
I poteri forti italiani se ne sono accorti ed è alquanto scomodo per loro avere una forza indipendentista preparata e determinata, che al momento conta già il 5% dei consensi. Domenica 23 teniamo il timone dritto e non facciamoci distrarre dalle sirene italiche che vorrebbero farci cambiare rotta.
Una volta vinto il congresso (e per farlo serve la partecipazione di tutti i soci), Veneto Stato dovrà riprendere lo slancio interrotto e riprendere a disegnare il quadro strategico per approfittare della grave crisi sistemica che attanaglierà lo stato italico.
La Venetia è alla periferie del regime tricolore e in breve tempo avrà l’opportunità di godere di una via di fuga agevolata da uno stato che sarà sempre più occupato a gestire le tensioni crescenti nel centro-sud.
Noi fortunatamente siamo lontani dalla capitale e possiamo velocemente approfittarne nei momenti di crisi che si apriranno.
Le sale piene di centinaia di persone che continuano a susseguirsi negli incontri pubblici di Veneto Stato lo testimoniano.

Press News Veneto Read more

Read more