Archive for month: maggio, 2012

Da Silea parte la ribellione istituzionale del Veneto contro l’Italia

Un plauso a Silvano Piazza che si schiera con i suoi cittadini, togliendo il tricolore dal comune

La decisione del sindaco di Silea di togliere i tricolori e di non festeggiare il 2 giugno per protesta contro il ladrocinio dell’IMU non è una cosa da far passare sotto silenzio.

Essa infatti proviene per la prima volta non da furbetti leghisti che cavalcano la protesta, ma da un sindaco di sinistra, che è appena stato confermato dai suoi cittadini con una maggioranza schiacciante. Mi fa particolarmente piacere oggi leggere la sua decisione, che credo trovi una genesi anche nel confronto elettorale concluso 3 settimane fa cui ho partecipato come suo concorrente candidato sindaco.

La mia candidatura in realtà non aveva alcuna pretesa di vittoria, non avendo in lista nessun candidato residente a Silea, ma intendeva rompere dei tabù. Così è stato e proprio dall’ultimo confronto tra i candidati sindaci si poteva ben comprendere che la posizione molto forte che avevo assunto proprio sull’IMU aveva avuto l’effetto di spostare anche quella del sindaco Piazza.

Come ho avuto modo di scrivergli ieri, egli ha la mia totale approvazione e piena solidarietà. Certo, egli ancora nutre amore per la matrigna Italia, ma è l’amore cieco dell’amante tradito e calpestato. Quando il sindaco Piazza capirà che l’Italia che egli ama non solo non gli ricambia l’amore, ma lo cornifica e lo deride, allora forse non avrà più alcuna remora a passare dalla protesta all’unica vera progettualità possibile che oggi si chiama Indipendenza Veneta.

Ora dopo la protesta bisogna far seguire anche i fatti, trattenendo nel territorio anche l’indecente aliquota statale dell’IMU e nessuno più di Silvano Piazza avrà il mandato per farlo, vista la sua elezione plebiscitaria.

In questo momento emerge con grande urgenza la necessità che l’intera rappresentanza istituzionale veneta faccia un deciso passo in avanti per l’indizione di un referendum per l’indipendenza, da tenersi sotto monitoraggio internazionale.

Se non lo faranno loro, ne pagheranno a breve lo scotto elettorale e quindi lo faremo noi di Indipendenza Veneta.

L’Italia non ha più alcuna possibilità di uscire dal tunnel del fallimento che ha imboccato con un’inerzia che non la potrà più fermare. Circolano già voci terribili di provvedimenti drastici che potrebbero essere presi già prima dell’estate, o ad autunno. Ad esempio qualcuno ipotizza il prossimo taglio del 40% dello stipendio dei dipendenti pubblici, a causa delle errate previsioni sul gettito fiscale, che non hanno tenuto conto della crisi che ha eroso in modo spaventoso la capacità contributiva di aziende e famiglie.

La presa di posizione di Piazza fa capire che il percorso democratico pacifico e legale per l’indipendenza veneta è già iniziato.

Gianluca Busato
Indipendenza Veneta Read more

Read more

Sbatti il mostro veneto in prima pagina (ma nessuno ti bada)

Giornali e tv sono morti che camminano. I media digitali dei ragazzi brufolosi li hanno già distrutti

Alla vigilia del congresso fondativo di Indipendenza Veneta non poteva sfuggire all’attenzione la copertina dell’ultimo numero dell’Espresso, che ripropone l’ennesimo cliché di un indipendentismo un po’ ridicolo e che occhieggia anche alla violenza.
Come veneti siamo abituati ai luoghi comuni nei nostri confronti e quasi non ci facciamo caso. Come volontari che si impegnano nel divulgare a arricchire il progetto legale pacifico e democratico per l’indipendenza veneta invece ogni volta restiamo un po’ amareggiati di tale ciclico interesse “distorto” che i media italiani dimostrano nei nostri confronti.
In realtà dobbiamo acquisire la consapevolezza che questi tentativi di manipolazione dell’opinione pubblica stanno perdendo sempre più di efficacia e che anzi in un tempo più breve di quanto possiamo immaginare sono destinati a diventare quasi ininfluenti se non controproducenti per chi cerca di metterci in cattiva luce.
Andiamo un po’ a capire il perché e a vederne gli effetti già nella situazione odierna. Read more

Read more

Indipendenza Veneta va a Congresso, diventa concreta la speranza per il futuro del Veneto

Lodovico Pizzati candidato segretario, Luca Azzano Cantarutti e Gianluca Busato candidati presidenti. Alessio Morosin sarà nominato presidente onorario

Dopo la manifestazione del 12 maggio a Venezia, nel 215° anniversario del “tremendo zorno” e dopo la consegna in regione Veneto direttamente nelle mani di Zaia di oltre 20.000 firme di cittadini veneti per indire il referendum per l’indipendenza veneta, ora il nuovo movimento che racchiude nel proprio nome anche il proprio unico obiettivo politico, si riunisce per il Congresso di fondazione.

L’evento è fissato per domenica prossima 27 maggio a Treviso, all’hotel Maggior Consiglio, con inizio alle ore 9. È stata annunciata la presenza e i saluti anche di molti ospiti di movimenti indipendentisti friulani, trentini, bresciani e sudtirolesi.

Le fasi precongressuali hanno visto un grande entusiasmo e una partecipazione intensa con moltissime candidature per l’elezione degli organi dirigenti di Indipendenza Veneta.

Per quanto riguarda la carica di segretario, salvo sorprese dell’ultimo minuto, i giochi sembrano fatti, con la candidatura unitaria del prof. Lodovico Pizzati, docente di economia a Cà Foscari e autore del dizionario veneto-inglese e inglese-veneto, salito agli onori delle cronache televisive grazie alle clamorose manifestazioni autunnali, tra cui ricordiamo il “monumento all’imprenditore” di Arzignano e le “gite di liberazione fiscale” in Slovenia e Austria.

Ad animare il congresso sarà il confronto all’insegna del fair-play per l’elezione del presidente di Indipendenza Veneta, carica alla quale si sono candidate due figure di primaria importanza del movimento. Ad essere annunciata per prima giovedì è stata la candidatura dell’avv. Luca Azzano Cantarutti, il promotore del Tribunale Veneto, la prima istituzione veneta, perfettamente legale, e anima della fase costituente che ha portato alla costituzione di Indipendenza Veneta. È quindi seguita nella giornata di venerdì la candidatura dell’ing. Gianluca Busato, che in questi anni ha vissuto e segnato molte fasi cruciali dell’indipendentismo veneto.

Si annuncia anche la nomina a presidente onorario dell’avv. Alessio Morosin, di valore storico per l’intera politica veneta, in quanto Morosin è stato il primo politico veneto che ha portato la questione dell’autodeterminazione del Popolo Veneto in sede istituzionale, con un atto formale.

Morosin infatti è stato il promotore, l’estensore e il primo firmatario della risoluzione 42 del 1998, intitolata “I popoli di ieri e di oggi ed il diritto di autodeterminazione”. Con l’approvazione di tale dispositivo giuridico il consiglio regionale del Veneto riconosceva al “Popolo veneto l’esercizio del suo naturale e legittimo dritto di autogoverno, storico e attuale, richiamando tutte le ragioni storiche, politiche e giuridiche”.

Le candidature di assoluto prestigio emerse conferiscono ancor più ad Indipendenza Veneta il ruolo naturale di unica autentica e concreta alternativa al disastro della partitocrazia italiana.

Press News Veneto Read more

Read more

L’Indipendenza Veneta si ottiene con le regole del mondo moderno

La vigilia di un congresso entusiasmante che ci porterà nel futuro

Queste ultime ore prima dell’inizio del congresso fondativo di Indipendenza Veneta si stanno dimostrando cariche di passione e partecipazione.
È da diversi anni che porto il mio impegno nell’attività politica. Sono consapevole della portata storica del momento e dell’importanza che riveste il battesimo ufficiale di Indipendenza Veneta di domenica prossima 27 maggio alle ore 9 all’hotel Maggior Consiglio di Treviso.
Si sente l’atmosfera carica, con tante straordinarie persone che si stanno mettendo al servizio del movimento e che sono certo da lunedì determineranno la svolta decisiva per lo scenario politico veneto.
Inutile nascondersi dietro ad un dito, il compito è enorme: vanno date le risposte che l’intero Popolo Veneto sta cercando dalla politica, dopo la morte del sistema dei partiti italiani. Sono morti i partiti, è morta l’idea che sia possibile cambiare le cose nel parlamento italiano.

È cosa risaputa che la maggioranza assoluta degli elettori veneti si è dichiarata a favore dell’indipendenza veneta, in un referendum con monitoraggio internazionale in cui possano esprimere la propria volontà ed esercitare la propria sovranità.

Per costruire in modo scientifico il consenso attorno al nostro progetto, sono molte le cose che dovremo fare nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Dovremo riuscire ad attuare quell’organizzazione che i tempi moderni richiedono essere snella e all’altezza del compito che le spetta: attuare il percorso legale, pacifico e democratico per l’indipendenza veneta.
In tempi molto brevi dovremo comunicare con estrema capacità di sintesi, ma con chiarezza e serietà il programma concreto che prevediamo di attuare, ma anche la forma di comunità statuale che concepiamo per la futura Venetia indipendente. Non ha alcun senso riproporre una piccola Italia, men che meno nell’epoca contemporanea che vede le Italie, piccole o grandi, fallire di fronte alle sfide della modernità.

Non nascondiamoci un’evidenza. Come veneti stiamo vivendo un momento particolarmente delicato. Compressi dal peggiore inferno fiscale del mondo e da una situazione congiunturale europea e mediterranea di crisi di competitività e di sviluppo, rischiamo di perdere le competenze e le conoscenze tecnologiche diffuse che ci avevano permesso di ritagliarci uno spazio di benessere nei decenni passati.
Non è un rischio da poco. Se continuiamo a restare frenati dalla zavorra dello stato italiano, lo scenario potrebbe essere proprio la perdita per altri decenni della possibilità di fronteggiarsi con il mondo evoluto.

La crisi che stiamo vivendo è in realtà il serpente che cambia la pelle.
Al di fuori dell’Italia, e forse anche dell’attuale Europa mediterranea, un nuovo mondo è già nato, con nuove regole, nuovi attori, nuove lingue, nuovi mercati. Se non lo conosciamo, ne saremo tagliati fuori.
Viviamo il momento ideale per disegnare il futuro anche del mondo in cui viviamo. Vale per le nostre comunità, vale per le nostre famiglie, vale per le nostre aziende. Vale per la nostra vita.

Si è aperta una fase di grande cambiamento grazie alla fine di un vecchio mondo. Sta a noi ora decidere se vogliamo entrare nel nuovo mondo di cittadinanza 2.0.
Esso prevede il passaggio obbligatorio per l’indipendenza veneta. E per ottenere quest’ultima dobbiamo evitare gli esempi del passato che fatica a passare dei partiti falliti e dei loro esponenti.
Per ottenere l’Indipendenza Veneta dobbiamo fare nostre le regole del mondo moderno. E per farlo dobbiamo conoscerlo approfonditamente.

Gianluca Busato Read more

Read more

L’euro non c’entra

di Lodovico Pizzati

Riportiamo di seguito un articolo pubblicato oggi da noiseFromAmerika.org, in cui Lodovico Pizzati, che proprio oggi ha presentato la propria candidatura ufficiale a segretario di Indipendenza Veneta, propone una lettura controcorrente in merito all’attuale situazione economica della zona euro.

Lodovico Pizzati

L’euro è erroneamente visto come la causa della crisi mediterranea, e la politica monetaria estrema di uscire dall’euro è vista come la soluzione. Gli attuali problemi sono interamente dovuti a politiche fiscali sbagliate sia nel passato che nel presente. La soluzione sta in riforme di natura fiscale, anche se estreme.

Per giustificare il titolo basterebbe notare che durante questi 12 anni dell’euro i due paesi dell’eurozona che hanno perso meno quote di export nel totale mondiale sono proprio la Spagna e l’Italia. Ma la situazione è sempre più drastica, e il pessimismo crescente per l’Italia sta fomentando tra l’opinione pubblica ricette di politica economica sempre meno lucide. In parte questo è dovuto ad un gioco di credibilità che tenta di fuorviare le colpe ad elementi esterni (i subprime, gli speculatori, le banche, le agenzie di rating) per celare con il mantello dell’ottimismo le debolezze interne che sono alla vera base della crisi. In parte però i facili rimedi oggi in auge sono dovuti ad una confusione sulle dinamiche della crisi e sulla differenza tra politiche fiscali e monetarie. Così, il capro espiatorio dell’attuale caccia alle streghe è diventato l’euro, che viene sempre più di frequente additato, se non addirittura come colpevole della crisi, perlomeno come elemento che deve per forza saltare perché l’economia si riprenda.

Ci sono almeno tre luoghi comuni sull’euro. Il primo riguarda la convinzione che la politica monetaria può funzionare solo se sotto il diretto controllo dei governi di ogni stato. Qui si potrebbe aprire un vaso di Pandora sia di convinzioni errate (tipo che la BCE sarebbe un istituto privato), sia di argomenti discutibili (tipo se è proprio necessaria la moneta unica). A prescindere si sta sbagliando bersaglio, perché la politica monetaria con l’attuale crisi c’entra poco. Intanto la BCE ha comunque tentato il possibile, dati i limiti della politica monetaria. Il fatto è che una banca centrale, anche se praticatasse il rimedio estremo di stampar moneta a manetta, non creerebbe ricchezza e non stimolerebbe la crescita. Avere più euro in circolazione, o lire e dracme, non affronta per niente il vero problema di questa crisi. Il problema odierno è di debito pubblico (l’accumulo di decenni di politica fiscale sbagliata), di poca crescita (dovuta ad una politica fiscale sbagliata), e di un mercato finanziario che considera sempre più rischioso fare credito a certi stati che perseverano in questa politica fiscale sbagliata.

Il secondo luogo comune considera il peccato originale nel cambio euro-lira sbagliato in partenza che ha causato un decennio intero di crescita anemica per l’Italia. Intanto quel cambio era stabilito dalle forze di mercato e ci si dimentica che il cambio di quasi 2000 lire per euro era dovuto anche al fatto che lo stato italiano aveva anche allora un enorme debito pubblico (dovuto a decenni di politica fiscale sbagliata). I 2,5 milioni di miliardi di lire di debito nel 1999 sono diventati “solo” 1300 miliardi di euro, anziché 2500 miliardi di euro se il cambio fosse stato, per fare un esempio, 1000 lire per euro. L’unica cosa che l’entrata in vigore dell’euro ha causato è stato il privare lo stato italiano della valvola di sfogo della svalutazione come rattoppo per una politica fiscale perdente. L’euro ha costretto lo stato italiano a guardare in faccia i propri problemi strutturali privandolo della scorciatoia della svalutazione, cosa che comunque non sarebbe stata concessa all’infinito in un mercato unico come quello europeo. Quindi anche qui il problema non è l’euro, ma la politica fiscale italiana che fa lentamente perdere competitività e crescita alla propria economia.

Il terzo luogo comune riguarda l’inevitabile uscita dall’euro “per evitare il default” della Grecia o dell’Italia. Un eventuale default e la permanenza della Grecia e dell’Italia nell’euro sono due cose separate. Dal punto di vista degli altri paesi europei, l’unica conseguenza avversa per loro sarebbe se la BCE decidesse di monetizzare il debito greco e italiano. Questo spalmerebbe il peso del debito pubblico greco e italiano a tutta l’Europa tramite un euro svalutato e più inflazione per tutti. In assenza di questa politica monetaria europea non c’è alcun motivo nel credere che l’uscita dall’euro avvenga per “espulsione”. Dal punto di vista del paese in difficoltà (Grecia o Italia), si può discutere se far parte dell’euro convenga o no, ma questo non è pertinente con la crisi attuale. Uscire dall’euro servirebbe a ripagare i propri creditori (i detentori dei titoli di stato) in dracme o in lire svalutate. Che differenza fa ripagare i propri debiti in lire svalutate piuttosto che rimanere nell’euro e dichiarare un default parziale? Nessuna, perché in ambedue i casi il creditore rimane fregato e si perde di credibilità avendo più difficoltà a trovare chi finanzia il proprio deficit pubblico in futuro.

In conclusione pensare che l’euro sia colpevole dell’attuale crisi, o addirittura credere che si possa venirne fuori tramite una politica monetaria disperata (tipo l’uscita dall’euro) è sbagliato. È come bombardare l’Iraq in risposta all’attacco alle torri gemelle: c’entra poco o nulla. Magari si vuole fare per altre ragioni, ma con la crisi attuale l’euro proprio non c’entra. Quello che c’entra non è appunto la politica monetaria, ma bensì la politica fiscale dei paesi in maggior difficoltà.

È vero che l’attuale crisi ha le sue radici in uno shock esterno. La crisi finanziaria del 2008 e 2009 non è nata in Italia o in Grecia, ma l’atrofizzarsi dell’economia globale ha ridotto le entrate fiscali per tutti i paesi, e gli stati fiscalmente più deboli, e cioè con un debito pubblico maggiore, si sono trovati in prima linea. Quando arriva un’epidemia sono i più deboli di salute a lasciarci le penne, anche se i più avveduti al proprio stato fisico. L’economia italiana oggi paga i decenni di indebitamento dello stato italiano. Una politica fiscale che ha speso addirittura di più di quanto tassava, drogando temporaneamente la crescita con una spesa pubblica eccessiva, e con investimenti pubblici che evidentemente non hanno lasciato traccia come maggiore crescita. Esistono purtroppo ancora troppi dinosauri che nel 2012 credono ancora che la ricetta della ripresa stia nelle opere pubbliche. In parte sbagliano nel credere che la perdita di competitività sia dovuta ad una mancanza di infrastrutture rispetto ad altri paesi europei, perché sono ben altre le ragioni che inducono le nostre imprese a chiudere. In parte ignorano totalmente il vincolo di bilancio, perché la spesa pubblica la devi finanziare o con ulteriore indebitamento (e siamo arrivati al capolinea per il debito pubblico) o sottraendo risorse tramite ulteriori tasse (e siamo arrivati al capolinea anche qui) agli stessi cittadini che vorresti stimolare con una spesa pubblica.

La zavorra del debito pubblico l’abbiamo comunque ereditata, ma anche la politica fiscale attuata nell’ultimo anno lascia a desiderare perché si basa sul mantra “prima il rigore fiscale e poi la crescita” che ignora il banale fatto che il rigore fiscale basato su ulteriori tasse (IMU, IVA, ecc…) fa a pugni con gli stimoli per la crescita. L’attuale governo sta attuando una politica da contabili miopi svolta a far cassa oggi e che, o sottovaluta il peggioramento che causerà per il Pil, oppure spera che il Pil si riprenda in maniera esogena grazie alla ripresa dell’economia globale. Qui non si tiene conto che con la globalizzazione una ripresa della locomotiva tedesca non ha lo stesso impatto sull’economia italiana come vent’anni fa, perché la competizione si è fatta globale e l’industria italiana ha perso di competitività a causa di un problema strutturale che sta alla base di tutto.

I timidi tentativi di riforma del mercato del lavoro, delle privatizzazioni, o la recente promessa di ripagare i debiti che lo stato ha verso le imprese aiutano solo in maniera marginale. Se non si tocca il vero problema di competitività che ha l’Italia e che ormai ha messo in ginocchio troppe imprese uno scenario greco sarà alle porte. Il problema che l’economia italiana subisce è di natura fiscale, ed è sempre quello. Parte dell’Italia è soffocata da una pressione fiscale insopportabile che non viene minimamente bilanciata da altrettanti servizi pubblici come potrebbe essere in un’economia scandinava. I residui fiscali delle regioni settentrionali parlano da soli, dove la differenza tra tasse pagate e servizi pubblici ricevuti è a livelli di colonialismo. Non è possibile competere in una economia globale con uno svantaggio simile. Queste risorse sono poi redistribuite in maniera disastrosa, finanziando il sottosviluppo delle regioni meridionali anziché la crescita.

La vera riforma deve essere fatta alla radice di questo problema, e subito. Il primo passo da fare immediatamente è simbolico ma aiuterebbe guadagnare credibilità verso i mercati finanziari. È ridicolo che lo stato più indebitato d’Euorpa abbia una classe dirigente (i parlamentari) che vengono pagati tre volte tanto la media dei loro colleghi europei. Solo riportando immediatamente gli stipendi in media europea si risparmierebbero 100 mila euro per parlamentare all’anno. 100 milioni di euro risparmiati ridimensionando il migliaio di parlamentari, 100 milioni di euro facendo altrettanto con il migliaio di consiglieri regionali strapagati, e si potrebbe arrivare tranquillamente ad 1 miliardo operando sulle migliaia di pensioni d’oro e privilegi. Una manovra di un miliardo può sembrar poco ed insignificante, ma è inacettabile risquotere 10 miliardi a milioni di cittadini con l’IMU quando la classe dirigente assomiglia all’aristocrazia francese di fine ‘700.

Il secondo passo è la vera riforma: un’immediata struttura federale, non quella centralista della Lega, ma una vera struttura federale dove ogni regione trattiene la totalità delle proprie risorse e ha la piena libertà di politica fiscale (per abbassare le tasse) come avviene nei veri sistemi federali. Questo permetterebbe di eliminare le inefficienze abissali nelle regioni abituate all’assistenzialismo, e consentirebbe alle altre regioni di praticare una politica fiscale adatta per poter permettere con il resto d’Europa e del mondo. Il problema del debito pubblico? Dovrà essere ripartito per regioni, anche se questo con tutta probabilità si tramuterà, in alcuni casi, in potenziale default.

Se questa riforma non avviene dal parlamento di uno stato che si è dimostrato irriformabile, ricordiamoci che uno stato altro non è che un ente che offre un servizio (pubblico) in cambio di un prezzo (tasse). Se questo ente si rivela obsoleto e inefficiente, si ristruttura anche smantellandolo come si fa per le grosse imprese.

Lodovico Pizzati Read more

Read more

Indipendenza Veneta: Alessio Morosin candidato a presidente onorario

link: Congresso Indipendenza Veneta: Alessio Morosin candidato a presidente onorario

Diamo notizia di una candidatura molto importante e di valore storico per l’intera politica veneta appena pervenuta al comitato organizzativo, da parte del coordinamento d’area del miranese.

Si tratta della candidatura a Presidente Onorario di Indipendenza Veneta dell’avv. Alessio Morosin. La candidatura accoglie una richiesta che tantissimi soci hanno fatto in questi giorni al primo politico veneto che ha portato la questione dell’autodeterminazione del Popolo Veneto in sede istituzionale, con un atto formale.

L’avv. Alessio Morosin infatti è stato il promotore, l’estensore e il primo firmatario della risoluzione 42 del 1998, intitolata “I popoli di ieri e di oggi ed il diritto di autodeterminazione”. Con l’approvazione di tale dispositivo giuridico il consiglio regionale del Veneto riconosceva al “Popolo veneto l’esercizio del suo naturale e legittimo dritto di autogoverno, storico e attuale, richiamando tutte le ragioni storiche, politiche e giuridiche”.

La candidatura di Alessio Morosin conferisce ancor più ad Indipendenza Veneta il ruolo naturale di unica autentica e concreta alternativa al disastro della partitocrazia italiana.

Tutte le candidature finora pervenute sono pubblicate al link: http://indipendenzaveneta.net/congresso-indipendenza-veneta-le-prime-candidature-pervenute/. La lista è in costante aggiornamento. Read more

Read more

Congresso Indipendenza Veneta: ci saranno anche Zaia e Tosi?

Secondo quanto riporta Basta Italia, al prossimo congresso di Indipendenza Veneta del 27 maggio 2012 che si terrà il 27 maggio 2012 alle ore 9 all’hotel Maggior Consiglio di Treviso pare saranno presenti con ogni probabilità anche Luca Zaia e Flavio Tosi. La notizia non trova in realtà conferma da parte degli organizzatori, ai quali non risulta un impegno in tal senso né da parte dei due esponenti della lega né da parte di IV, ma il solo fatto che se parli è significativo.
Dopo il terremoto elettorale delle ultime amministrative, i dirigenti più importanti danno infatti segnali forti di volersi smarcare dall’abbraccio mortale dei partiti italiani che ormai rasentano percentuali prossime ai prefissi telefonici. Read more

Read more

Se a Roma fischiano l’inno… Indipendenza Veneta si avvicina!


Finale della Coppa Italia di calcio, stadio Olimpico di Roma, si fronteggiano Napoli e Juventus. Lo speaker annuncia l’esecuzione dell’inno di Mameli. Partono bordate di fischi. La cantante Arisa inizia quindi l’esecuzione sonora. I fischi di gran parte del pubblico si alzano fortissimi e durano per tutta la durata dell’inno. Lo sguardo atterrito di Schifani da solo vale il prezzo del biglietto.

Per fortuna l’episodio non si è verificato a Padova o a Verona, altrimenti domani avremmo letto commenti durissimi contro i veneti ladri e puttanieri.
L’odio verso l’Italia si manifesta invece, come avevamo previsto da molto tempo proprio a Roma e a Napoli, dove la situazione economico-sociale ormai lascia presagire prossime forme di rivolte popolari, forse anche violente.
Non basta più a questa Italia il ladrocinio continuato e la solita commedia della lotta all’evasione fiscale da parte dei veneti che sarebbero la causa del debito pubblico. Oramai questo stato è così marcio e morto che anche le bufale più grandi non reggono più.
A rivoltarsi non saranno i veneti. A rivoltarsi contro lo stato italiano sarà il popolo sempre più disperato e affamato di Roma, di Napoli, della Sicilia.
Noi veneti semplicemente dovremo fare come ha fatto la Slovenia poco più di vent’anni fa, dall’altra sponda dell’Adriatico.
Dovremo approfittare della distrazione di uno stato ben disteso sul letto di morte e indire al più presto il referendum per l’indipendenza veneta.
Chi di dovere non ha più scuse.
E noi sappiamo cosa fare.
Domenica prossima partecipiamo in massa al congresso costituente di Indipendenza Veneta, ne va del nostro futuro.

Press News Veneto

Read more

Read more

Dopo un week end terribile, da lunedì torna la quotidianità. Forse sarà ancor più dura

Tra terremoti e stragi questa fine settimana non è passata inosservata. Per un attimo le preoccupazioni sono state di altro tipo. Purtroppo vi sono state molte vittime, alle cui famiglie esprimiamo la nostra più grande vicinanza e solidarietà.
Ora però non è di questo che vogliamo scrivere, ma della settimana che inizierà da domani.
Sì, perché se gli eventi catastrofici hanno la caratteristica di catturare l’attenzione e scatenare l’emozione collettiva, con un fenomeno quasi catartico, il ritmo quotidiano della situazione che stiamo vivendo in questo 2012 non permette quasi di far scattare pari picchi di attenzione nelle persone.
Ad esempio non fa quasi più notizia il gesto di Luigi Martinelli che solo un paio di settimane fa dominava le prime pagine per essere entrato armato in un ufficio Equitalia a Bergamo sequestrando 15 persone. E ottenendo anche grande appoggio popolare all’uscita dall’ufficio arrestato dalla polizia dopo che si era arreso.
Da domani i tanti Luigi Martinelli sceglieranno se spararsi un colpo in testa nel proprio ufficio, riempiendo le tabelle di una statistica in assoluta normalità secondo l’Istat, oppure di emularlo con gesti rivolti a fare del male, oppure a impaurire altri.
Le tensioni sociali che ci apprestiamo a vivere in questo periodo storico forse torneranno ad assumere un ritmo di normalità quasi quotidiana, con il probabile effetto di assuefarci, di abituarci alle notizie terribili, di uno stato che si decompone ogni giorno di più, attraverso uno sfilacciamento continuo che agisce come la sabbia inesorabile che avanza nei deserti.
Il nostro auspicio è di non farsi rapire dal grigiore della rassegnazione sconsolata al declino che pare inevitabile. Diamoci da fare, ognuno con la propria personale convinzione, per cercare di migliorare il posto in cui viviamo. Non potrà avvenire, se non lo vogliamo noi. E non deve per forza avvenire solo dopo che i disastri irreversibili si sono consumati, possiamo preparare prima il futuro che vogliamo, disegnandolo al meglio proprio nei momenti di maggiore crisi e difficoltà.

Press News Veneto Read more

Read more

Bombe davanti alle scuole: l’unica salvezza è l’Indipendenza Veneta

Contro la strategia della tensione rafforziamo il nostro impegno legale, pacifico e democratico per l’indipendenza

Oggi non si può non pensare a quanto è avvenuto a Brindisi. Non si può ignorare la morte di una bambina di 16 anni, che va a scuola, mentre tre bombe esplodono stroncando la sua giovane vita piena di sogni che non potranno più realizzarsi e ferendo altri bambini.
Non sappiamo chi o quale organizzazione siano autori di questa strage che grida vendetta. Esprimiamo la nostra più totale solidarietà e vicinanza alle famiglie colpite e a tutta la popolazione di Brindisi e della Puglia.
Purtroppo però non possiamo ignorare che le bombe nelle banche, nelle città, nelle stazioni e oggi, in un crescendo angosciante, anche davanti alle scuole fanno parte della storia d’Italia.
Questo stato non merita più di continuare a vessarci anche per questo. Non possiamo sapere chi arma queste persone e chi ha armato altre persone che grazie alla violenza hanno fatto superare con abbrivi difficili momenti altrettanto critici a uno stato che oggi non ci pare azzardato sospettare di essere in grado anche di mettere bombe pur di sopravvivere al proprio fallimento, grazie alla sempre valida strategia della tensione.

Non è una nostra invenzione l’espressione “strage di stato”: è stata coniata dai giornali italiani, che in più occasioni l’hanno evocata per le tante, troppe vicende di questo tipo. Se guardiamo alla vicende d’Italia con gli occhiali della storia, purtroppo tale sospetto diventa certezza.

Indipendenza Veneta rifiuta tutto ciò e crede che l’unica speranza di eliminare la mala pianta del terrorismo eversivo in Italia ed evitare che continuino tante troppe vittime innocenti, oggi anche bambini, sia il percorso legale, pacifico e democratico per la nostra indipendenza.

Gianluca Busato
Indipendenza Veneta Read more

Read more