Indipendenza Veneta è un fiume in piena che alimenta il nuovo Rinascimento Veneto

Una folla di 600 persone a Castelfranco celebra il trionfo del movimento guidato da Lodovico Pizzati

Fonte: Indipendenza Veneta

Il passaparola è partito e gli argini sono stati rotti. Il fiume in piena del Popolo Veneto ha cominciato ad ingrossarsi in modo incontenibile ieri sera a Castelfranco Veneto, in occasione della celebrazione per l’approvazione del Consiglio Regionale straordinario per l’Indipendenza Veneta. Uno spettacolo di folla, in piedi e seduta anche per terra. I posti a sedere previsti per una serata come questa erano 250, tutti esauriti. Le sedie fatte portare all’ultimo momento erano altre 150. Altre 200 persone erano appunto sedute per terra e in piedi, dentro e fuori la sala. Tantissime le persone intervenute che sono tornate a casa perché non c’era più spazio nell’hotel neanche nelle sale d’aspetto.
Il Veneto si è mosso in modo trasversale, superando ogni steccato ideologico e partitico, come un sol Popolo e i 42 consiglieri regionali di tutti i gruppi che ieri hanno firmato la convocazione di una seduta straordinaria per l’indipendenza veneta sono stati all’altezza delle aspettative del fiume in piena di persone che a Castelfranco Veneto hanno dato un segno inequivocabile di sovranità.
Le ragioni per l’indipendenza sono ragioni di cuore e la loro forza si alimenta con le ragioni della mente e del buon senso.
Un’ingiustizia feroce che attanaglia i veneti e si consuma con il furto aggravato di 8 parti su 10 della ricchezza che producono, la distruzione del nostro sistema educativo, formativo e culturale, al punto che non esiste più alcuna università veneta (e neanche italiana) tra le prime 250 del mondo, il degrado sociale che vede aumentare in modo sempre più visibile le fasce di povertà e indigenza, il saccheggio del nostro sistema sanitario, la volgarizzazione della cultura, la profonda corruzione della classe dirigente italiana, il proliferare dei cimiteri industriali che ormai attorniano le nostre città di capannoni vuoti sono la fotografia della speranza che l’Italia ha distrutto e che oggi rinasce sotto il segno dell’Indipendenza Veneta.
Un nuovo Rinascimento Veneto è già in fieri, grazie all’azione di una squadra straordinaria di persone preparate, determinate, moderate e con un cuore enorme, come quello delle 600 persone che ieri hanno celebrato il trionfo e la leadership di Indipendenza Veneta.
Niente e nessuno – neanche la disinformazione di uno stato italiano con la stampa meno libera del mondo occidentale e non solo – possono arginare l’oceano pacifico e democratico che da ieri si è formato e in breve riempirà tutte le città del Veneto, in modo naturale quanto inesorabile. Il passaparola ha una forza e una viralità che non possono essere contenute artificialmente e con le bugie di regime.
La nuova Repubblica Veneta – che già è nei cuori della grande maggioranza dei veneti – in breve sarà anche al suo posto nel mondo tra le nazioni riconosciute, che già – attraverso gli organi di informazione internazionale – hanno dato ampia dimostrazione in questi giorni di riconoscere e ricordare i fasti del nostro serenissimo passato che noi abbiamo scordato.
La Venetia sarà un Paese straordinario in cui vivere, libero e tollerante, aperto all’Europa e al mondo, dove il cittadino regnerà sovrano, con un benessere con pochi pari al mondo. Una repubblica moderna ed efficiente, con una classe dirigente preparata e qualificata che non sarà onnipotente, bensì controllata dalle comunità di cittadini e dove il lavoro non sarà più ostacolato, bensì promosso grazie a una legislazione certa e snella e a una tassazione leggera quanto ferma.
Tutto ciò è il minimo che ci meritiamo.
Il tripudio di folla di Castelfranco Veneto, che si trova esattamente al centro del Veneto odierno, rappresenta la nuova tappa fondamentale di accelerazione verso la nostra indipendenza veneta.
Chi ancora non si è iscritto al nostro movimento lo faccia in fretta, lo faccia subito.

Gianluca Busato
Indipendenza Veneta

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.

Comments are closed.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!