Archive for category: dati e documenti

L’Italia è uno stato artificiale che non fa gli interessi dei suoi sudditi. Veneto Stato subito!

Il finto diverbio Napolitano-Bossi è funzionale al mantenimento dello status quo

Oggi il capo dello stato italico ha dato inizio alle celebrazioni ufficiali per i 150 anni dell’unità statale. Al di là del giudizio sulla festa in sé (ognuno festeggia ciò che gli pare), fa specie che Giorgio Napolitano abbia dedicato più tempo a criticare la lega nord che non a mettere l’accento su eventuali positività di un’unificazione, simboleggiata proprio dal tricolore “concepito” a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797. È insomma curioso che ITA celebri il suo vessillo ideato dall’allora dalla Repubblica Cispadana, contestando il lider màximo della presunta Padania. È significativo perché rivela che l’ideale di ITA come stato unito è privo di una propria identità caratteristica e forte e si rispecchia solo nel contrasto con altre cose. Ciò non sorprende a ben guardare, perché oltre che in poche e sparute élite intellettuali, la nascita di ITA fu in realtà concepita in altre capitali, in primis Parigi e quindi Londra. In chiave, va detto, squisitamente antitedesca e contraria alla Mitteleuropa.

Read more

Read more

WikiLeaks svela: “l’Italia è un nemico degli USA”

Read more

Indipendenza o riconciliazione

Pino Aprile a Como

di Paolo Bernardini

Il giorno 6 dicembre 2011 Pino Aprile ha tenuto una splendida lezione alla mia classe di “Storia moderna e contemporanea” all’Università dell’Insubria, a Como. Non ostante la neve e il gelo, un centinaio di studenti lo osservavano e ascoltavano assorti, ed emozionati. Anche i miei occhi, e quelli di Laura, mia moglie, confusa tra gli studenti – ma in fondo sempre studenti siamo, studiamo sempre, è il nostro lavoro e la nostra vita – si sono velati di lacrime. Perché Pino ci ha narrato della violenza bruta dei Savoia nel Regno delle Due Sicilie, degli stupri, degli assassini, degli incendi e delle deportazioni. Ci narrato come uno stato florido sia stato lentamente ucciso, trasformato in una colonia, svilito, umiliato. In ogni possibile modo.

Il mio pensiero è andato al Veneto: forse la violenza è stata minore, ma anche il Veneto, sei anni dopo Napoli e Palermo, è diventato colonia sabauda. E quanti milioni di Veneti hanno dovuto emigrare, meno forse degli ex-sudditi borbonici, ma certamente, tanti.

Read more

Read more

Uno strano fenomeno: economia in forte crescita ed entusiasmo alle stelle nel mondo digitale

Dal web 2.0 al nuovo mondo digitale, il Veneto può essere protagonista solo con la completa indipendenza politica

Riporto di seguito alcuni spunti che auspico possano contribuire a capire l’evoluzione del web (che per certi versi spiega anche l’andamento economico generale, essendo forse le tecnologie digitali l’avanguardia tecnologica dell’umana attività).

È opinione condivisa che internet sta rapidamente cambiando, al punto che Wired ha recentemente sentenziato con la copertina choc di settembre che “il web è morto”.

In occasione del Web 2.0 Summit tenutosi a San Francisco dal 15 al 17 novembre, sono stati diversi gli sforzi di dipingere la nuova realtà.

Morgan Stanley ha voluto fotografare alcuni aspetti in particolare che riguardano l’interazione e la nascita di nuovi “imperi” all’interno del mondo digitale.

In particolare emergono con forza il mondo dei social network (con Facebook leader con oltre 620 milioni di utenti e una crescita annuale del 51%), il mondo mobile (con l’attacco di Apple,120 milioni di utenti e + 111% nell’anno) e il mondo del search marketing con Google che impera con 940 milioni di utenti.

Seguendo un altro sforzo di sintesi, il summit ha anche disegnato una nuova mappa mentale dei domini in fase di affermazione.

Al punto che il papà del world wide web lancia l’allarme con un articolo che sarà pubblicato a dicembre in Scientific American (già visibile qui).

La diagnosi è analoga a quella di Wired: il web sta morendo, soffocato dalla nascita degli imperi centrali di Facebook e Apple.

Una cosa è certa, si stanno muovendo grandi capitali a supporto di nuove iniziative nel mondo social e mobile. E chi si ferma è destinato a soccombere in un’isoletta dispersa e tagliata fuori dalle nuove rotte economiche digitali.

Read more

Read more

Irlanda e Grecia: do vie al cołaso

Cavà da Venet.net

Do Paexi difarenti co do crixi de debito de orijine difarente: ghe vołe do difarenti sołusion.

Ma ghe xe anca dełe somejanse deła crixi irlandexe co ła crixi greca de l’inisio de ‘st’ano.

Tute do łe tira in bało Stati de l’area Euro co grosi deficit che inisialmente i gheva visto che i tasi de intarese so i debiti i creseva a cauxa dei grandi deficit, ma dopo ła cresita dei rendimenti ła ga ciapà na strada tuta sua, in sałita. El aumento inte i tasi de intarese el xe stà da lu lu soło visto cofà el motivo de l’aumento dei rendimenti (visto che crese el riscio sentìo de default), roba che la ga ałimentà ła cresita ulteriore dei rendimenti, e via cusì.

Ma ghe xe anca difarense:

Read more

Read more

451° F + 1984

Tweetgovernment,politics news,politics news,politicsAlluvione: Zaia…

Read more

Veneto Stato ad Anno Zero

Tweetgovernment,politics news,politics news,politics Puntata di Anno…

Read more

Dino e l’Alluvione

Tweetgovernment,politics news,politics news,politics Dino da Sandrà…

Read more

il video dell’esondazione a Caldogno

Tweetgovernment,politics news,politics news,politics Creà da Vicenzapiù…

Read more

La CGIA di Mestre dà di nuovo i numeri

Come che savì da na fraca de tenpo dixemo che el divario fra tase pagà e servisi publici ricevù in Veneto a xe de 20 miliardi: se paga 70 miliardi de tase, e se riceve 50 indrio de servisi (9 ala Regione, 6 ai comuni e 35 che vien “i dixe” direti dal stato italian). Bon, sti dati chi li vien dai Conti Pubblici Territoriali del Ministero dello Sviluppo Economico (e i xe consultabili da tuti [userid:cptguest; pword: cptguest]. I dati che gavemo distribuio i xe del 2007, prima dela crixi, e solo da Otobre 2010 (el mexe pasa’) i ga rexo disponibili anca i dati pa’l 2008 dixagregà par regione.
Bon, stamatina la CGIA de Mestre la ga el so gran spasio su ilGazzettino dixendo che i Veneti i paga solo che 4.7 miliardi de pì de cuanto che ghe torna indrio (a diferensa dei 20 miliardi che dixevino prima). So nda’ vedar se par caxo i ga altre fonti, ma dal so sito i dixe che i ga ciapà i dati 2008 dal Ministero dello Sviluppo Economico.
A son ndà controlar, e par la Totale Pubblica Amministrazione ntel 2008 el Veneto el ga pagà 67 miliardi de tase rispeto ai 70 miliardi del 2007(ghe pol stare dato che ghe xe sta na recesion de -1.3%). Par via dele spexe invese, i ne dixe che 6 miliardi i xe nda’ a comuni e province, 11 miliardi a Regione Veneto, e ben 37 miliardi i xe rivà dal stato. Par on totale de 54 miliardi scarsi.
Alora, prima de tuto i dati dela CGIA, co tanto de spasio mediatico, no i xe veritieri secondo la so stesa fonte. Caxomai la difarensa fra 67 miliardi de entrate e 54 miliardi de spexe a xe 13 miliardi (e no 4.7 miliardi).
Secondo, i ne conta che anca se i comuni no i ga ricevù na fregola de pì, i ne vol far credar che fra Regione e stato italian i ne gà elargio 4 miliardi de servisi publici in pì. Dividendo pai 4 e roti milioni de abitanti veneti, parlemo de 1000 euro de servisio in pì a testa. Calcheduni galo percepio calcosa?
Lodovico Pizzati

Read more

Read more