Archive for category: tristese

Récordi in Léngoa Vèneta – récordi teatrali – 3

A gheva un fià pì de vinti àni cuando ke gheva vésto modo de vedare el laoro teatrale Raconto de ‘l Vajont, de Marco Paolini.

No intendo la versiòn ke i ga mostrà a la télévixiòn inte ‘l 1997, ma una de le prime rapréxéntasiòn a ‘l publico, forse la jèra la prima asoluta.

A jèrimo inte ‘l jardin de ‘na vila a Mira, drio el Navilio de la Brenta. Me pàre ke ‘l fuse el 1993, fine Setenbre o inisio de Otobre. A se podeva stare oncora fóra, ma scumisieva far fresco. Read more

Read more

Récordi in Léngoa Vèneta – secondo toketo.

El Lusènburgo el xé conosésto cofà Piàsa Finansiaria, cofà se dixe, parké a ghe xé tante banke de tùto el mondo.‘Ste banke le vien in Lusènburgo parké inte i àni pasà ‘sto Stato picinin incastrà tra Francia, Alemanha e België el xé sta bon de metare in piè un vèro inpero finansiario, tanto da parmetarghe de devenhere la Camara de Conpensasiòn Finansiaria (cusì se dixe) no solo par l’ Europa, ma anca par tante altre parti de ‘l mondo.

Mi so un informatego, un struca botoni i dirîa i me amighi matemateghi par ridarme drio (l’ Informatica la xé in realtà na specialixasiòn de la Matematica).

A pararîa ke no gabia tanto a ke fare co Finansa e robe de ‘sto xénere, ma invèse un informatego ke vien in Lusènburgo a laorare el ga alte probabilità de rétrovarse a fare software o projèti par cualke banca.

Read more

Read more

Récordi in Léngoa Vèneta – primo toketo.

Racuanti àni pasà, el primo inverno ke mi jèro in Lusènburgo la me fameja la jèra  oncora in Patria (prima de venhere a Lusènburgo a viveimo inte la zona de ‘l Antico Dogado). Cusì, par poder pasare cualke dì in fameja inte i fine setimana, el venare sera o el sabo matina de frecuente a jèro a la stasiòn de i treni de Luxembourg-ville da indove ke ‘l pasèa el bus ke ‘l portèa a ciapare el aèreo a ‘l aèroporto ke se trova in Alemanha.

Read more

Read more

Bechi e bastonai

Basta lega, basta italia. VENETO STATO SUBITO!

Xè incredibiłe constatar ogni dì cuanto che semo bechi e cuanto che semo bastonai. I bołetini de informasion de regime dei tełegiornai ogni dì i par aver l’unico conpito de mantegnerne musi e sciavi de un stato małedeto chel ne roba sensa pauxa i nostri schei e łe nostre speranse.

Da ultimo i tałiani i se gà anca inventà un partito-bluff come ła Lega Nord par darne el contentin inte l’urna eletoral. Cusì gavemo l’inpresion che votando lega a se libaremo dei furfanti.

Ma semo sicuri? Ma semo proprio convinti che votando xente come Zaia a se femo i nostri intaresi? Naltri da un toco ripetemo che l’unica strada reale e concreta pa far i nostri intaresi e costruirse un futuro degno de sto nome xe cueła de darse da far a ogni liveło par la reałixasion del VENETO STATO, INDIPENDENTE.

Ma xe ben vardar parò a cuel che ne roba sta Italia, par convinsarse mejo, anca se magari ne tocarà  inrabiarse un fià.

Read more

Read more

Bossi omo dei servisi segreti taliani?

Ricevemo e volentiera pioveghemo.

In sti dì in cui ła fogna połitica tałiana ła verxe un fià el so tapo e ła łasa intuir a tuti de cuanto oribiłe chel xe sto stato marso, a vołemo ndar vedar come uno dei so esponenti prinsipałi el sia in realtà un buratin in man ai servisi segreti tałiani.
El sospeto el ghe xè vegnùo a pì de cualcuni in pasà, ma naltri a ghemo in man łe prove e łe publicaremo co sarà el momento bon pa tirar xò tuto el baracon chel gà el conpito precixo de robarne i nostri schei, de tegnerne nel’ignoransa del nostro esar veneti e de deprimar el nostro senso patrio che ne gà permeso de crear un inpero che gà durà de pì che cueło de Roma antica.
Read more

Read more

MA QUALE “RISORGIMENTO” !?

di Fabio Calzavara

Introduzione

La rivoluzione francese del 1789 fu un avvenimento violento e sanguinario senza precedenti, venne causata, oltre che dalle dissipazioni del Re Luigi XVI, della sua Corte e della burocrazia statale, dall’enorme debito per le ingenti spese di guerra contratto con i grandi banchieri (i Rothschild tra questi) i quali, infatti, la istigarono assieme alle elites “Illuministe” di nobili e borghesi, bramosi di nuovi poteri e rendite.

Lo storico accademico di Francia, Pierre Chaunu, la defini’ une vera “peste nera” europea. Vedi sua intervista su:
http://www.mariadinazareth.it/Martiri/martiri%20in%20vandea2.htm

Il periodo del Terrore francese fu la fucina della nuova classe dirigente giacobina ed i valori neo-liberali furono imposti ovunque sulla punta delle baionette con drastici cambiamenti degli assetti, politici, religiosi, economici e territoriali in tutta Europa.

Alfiere di tale cambiamento, il generale massone Napoleone Bonaparte, invase e distrusse proditoriamente con false motivazioni antichi Stati (come la millenaria Repubblica Veneta) e ne creo’ di nuovi (come il Regno d’Italia), sul modello centralista francese e di stampo nepotista, sconvolgendo vita, tradizioni e commerci del tempo, facendo pagare lacrime e sangue ai Popoli sottomessi le pretese “liberte’, egalite’, fratenite’”.

Read more

Read more

Indipendenza, cos’altro?

ITA isola il Veneto dal mondo civile

I tempi della politica italiana non sono i tempi della nostra vita. Sono i tempi delle commedie volgari e tristi, dei teatri di terz’ordine, dei cabaret della peggior risma. È quindi in linea con tale copione da bordello di Bisanzio che un dittatore oscurantista e gradasso divenga partner osannato e consacrato di questo stato di cui vergognarsi, che vogliamo chiamare ITA.

In molti si alimentaun senso di frustrazione, originato dall’illusione che ad ogni divampar di fiamma di polemica politica questa sia la volta buona, che ora finalmente le cose potranno cambiare in meglio, che finalmente si metterà mano alle riforme etc etc.

È un film già visto in realtà, solo che gli esiti oggi diventano ogni giorno più drammatici senza che ce ne accorgiamo. Il declino avviene solo un pò alla volta, con molto olio e pazienza, ma ITA resta e resterà il primo nemico dei Veneti.

Read more

Read more

Sempre a proposito di scritte monolingua e becero nazionalismo

Tweetgovernment,politics news,politics news,politicsRiceviamo e volentieri…

Read more

Stresssss

Al primo di Agosto entra in vigore il nuovo Testo unico sulla sicurezza del lavoro, il numero 81 del 2008, e tra le particolarità che la nuova normativa impone alle imprese spicca l’obbligo da parte delle stesse di dover fare la valutazione dello stress dei lavoratori dipendenti.
La norma discende da una direttiva europea del 2004, che a sua volta pare sia stata mutuata da pratiche adottate in America.

Da una piccola ricerca che ho fatto, pare infatti che in USA queste metodologie fossero state implementate dalle grandi aziende, con lo scopo di dimostrare la loro qualità nel lavoro per imbonirsi i clienti. Le grandi aziende europee in effetti da tempo avevano seguito quelle tracce, inserendo nell’organico psicologi aziendali. Tutto parte infatti dal filone della psicologia aziendale, nato in USA, che ha sapientemente fatto il suo buon lavoro di marketing per vendere il suo prodotto alle grandi imprese, fameliche di indossare un buon vestito agli occhi di un’opinione pubblica spesso abbastanza critica nei confronti delle “multinazionali”.

I burocrati di Brussel, sempre proni a fare dei cittadini degli assistiti inetti e incapaci di badare a sé stessi idealizzando un nanny-superstate, se la sono bevuta ed hanno pedissequamente seguito questa strada, mentre i legislatori italiani hanno fatto il resto della pizza.

Infatti la legge entra in vigore senza alcuna linea guida, pertanto è obbligo degli imprenditori di adeguarsi su una cosa che …non si sa come gestire.
Read more

Read more

Musi

Co a son ndà in viajo de noze a le Hawai’i, ghe n’ho profità par cronparme là el iPad. Difati go sparagnà 100€; mia poco, eh? Un ponto de forsa de l’iPad l’è lezar i ebook. No te fadiga mia la vista fà lezar so un monitor de computer e verghe la posibilità de catar e verghe in do minuti tuti i libri che te vol (tuti drento sto dispositivo) par mi l’è el paradiso e na rivolusion che da ki a calche ano la canviarà el nostro modo de raportarse ai libri.

Read more

Read more