NASCE VENETO BUSINESS: 80 IMPRENDITORI GIÀ ISCRITTI

Gianluca Busato: “copriremo il vuoto lasciato dall’ICE, facendo fare affari nel mondo alle aziende venete”. Collegamenti già attivi con Polonia, Sud Africa, Namibia, Angola, Scozia, Regno Unito, Repubblica Domenicana, Stati Uniti d’America

vb-261013-3

rileySabato scorso a Venezia si è celebrata la nascita di Veneto Business, l’innovativa piattaforma internazionale per imprenditori veneti, che ha registrato un grande successo sia in termine di adesioni e partecipazione sia in termini di qualità di contenuti dell’evento.

Sono già 80 gli imprenditori che si sono iscritti a Veneto Business, che ha visto il saluto ufficiale portato dalla Regione Veneto con l’intervento dell’assessore regionale Daniele Stival e di illustri ospiti scozzesi, John Riley, parlamentare a Holyrood (il parlamento scozzese con sede ad Edimburgo) e consulente costituzionale, membro dello Scottish National Party, Ian Renwick, Consigliere SNP per l’Isola di Skye (Ebridi Interne) presso il Consiglio delle Highlands e Giovanni Dalla-Valle, azionista di Business for Scotland, socio dell’SNP e ambasciatore della campagna Yes Scotland.

vb-261013-2

Ha raccolto grande interesse la presentazione di collegamenti e advisor di Veneto Business con diversi Paesi del mondo, molto promettenti come mercati in espansione sia per quanto riguarda la possibilità di investimenti da parte di aziende venete in loco sia ovviamente per l’attrazione di investitori in Veneto.

Tra i primi Paesi coperti segnaliamo Polonia, Sud Africa, Namibia, Angola, Scozia, Regno Unito, Repubblica Domenicana, Stati Uniti d’America.

Veneto Business ha quindi anticipato alcuni servizi premium che saranno resi disponibili agli associati, in particolare nei Paesi coperti da Veneto Business, quali servizi di contrattualistica internazionale, supporto commerciale nei Paesi coperti, recupero crediti, recruiting, coaching, formazione, marketing e comunicazione. La giornata si è quindi conclusa con una cena suggestiva in Canal Grande.

snp-2

Il direttore di Veneto Business Gianluca Busato ha così commentato l’evento di lancio di sabato: “Intendiamo riempire un vuoto evidente lasciato da istituzioni che oramai hanno perso ogni funzione quali l’ICE (istituto di commercio estero) e lo facciamo con lo stile veneto, che è rappresentato dalla capacità di trovare soluzioni grazie all’ingegno che ci è proprio, unito alla nostra proverbiale vocazione mercantile, condividendo e rafforzando collegamenti commerciali e istituzionali con Paesi e mercati del mondo in grande crescita. Veneto Business anticipa e rende possibile la nascita di un nuovo Veneto anche per le relazioni di affari, permettendo la selezione e creazione di una nuova classe dirigente che si relazioni con le giovani e capaci classi dirigenti di Paesi che hanno saputo fare dell’innovazione e dell’incentivo all’intraprendere la ricetta del proprio odierno successo.

cenaVeneto Business intende trasformare la più grave crisi socio-economica della storia moderna nel Veneto, nella grande opportunità per permettere la nascita di un Veneto nuovo e virtuoso. Non vogliamo unirci al gregge che continua a ripetere un vano e sterile lamento fine a sé stesso: Veneto Business preferisce concepire e creare le condizioni per portare nel mercato già oggi le chiavi della crescita del prossimo futuro.

Il successo dell’evento di sabato ci dà ancora più forza per realizzare il nostro obiettivo e la conferma di avere la visione anticipatrice del nuovo mondo che verrà”.

Fonte: http://venetobusiness.com/grande-successo-per-lesordio-di-veneto-business-80-imprenditori-gia-iscritti/

gazzettino Read more

Read more

UNA STAFFETTA IDEALE PERCORRE TUTTO IL VENETO, A DIFESA DELLA LIBERTÀ E DELLA DEMOCRAZIA

Da Venezia a Verona, un week end per costruire il futuro del Veneto

weekendLa prossima fine settimana sarà molto importante per il Veneto, sempre più nella stretta di una crisi causata dall’appartenenza all’Italia e da nient’altro che ad essa.

In una staffetta ideale tra economia, categorie sociali e politica e istituzioni, sabato e domenica assisteremo alla partenza di un nuovo corso per dare vita a un Veneto nuovo, che sappia essere la terra delle opportunità che naturalmente è.

Locandina_VE_26102013_MINISabato 26 ottobre a Venezia si tiene un convegno storico, che vedrà anche il saluto istituzionale dalla Regione Veneto, portato dall’assessore regionale Daniele Stival e che sancirà il battesimo di Veneto Business, una nuova piattaforma internazionale per imprenditori veneti, che vuole anticipare il futuro, permettendo la costruzione di relazioni solide e collegamenti internazionali con nuovi Paesi e mercati. L’evento di lancio che si tiene all’hotel Amadeus a partire dalle ore 15 vede la presenza di importanti ospiti istituzionali dalla Scozia, che si appresta a celebrare il referendum per la propria completa indipendenza il prossimo 18 settembre 2014. Saranno presenti importanti personalità dell’SNP del Parlamento Scozzese, a testimoniare la vicinanza dello Scottish National Party, la formazione indipendentista che ha come proprio leader Alex Salmond, First Minister della Scozia.

Saranno inoltre presenti molti advisor di Veneto Business, che presenteranno le opportunità di mercato in diversi Paesi del mondo: dalla Polonia al Sud Africa, dalla Scozia e dal Regno Unito agli Stati Uniti d’America, ma anche Paesi emergenti e ancora poco noti nel Veneto come la Slovenia, la Repubblica Dominicana, l’Angola e la Namibia.

mini_Locandina_VR_27102013 (1)Domenica 27 ottobre sarà invece la volta di Verona, dove Plebiscito2013 ha chiamato a raccolta tutti i cittadini e i Comuni del Veneto, sotto la bandiera del Veneto, il Gonfalone di San Marco, per unirsi a difesa della democrazia e della libertà, messe a dura prova dallo stop forzato all’indizione del referendum per l’indipendenza del Veneto imposto dalla partitocrazia italiana in Regione Veneto. Il corteo che partirà dall’Arsenale alle ore 15 sarà guidato dai rappresentanti istituzionali inviati da decine e decine di Comuni Veneti, sotto i propri Gonfaloni e arriverà in Piazza Bra dove si terrà un comizio al quale hanno già dato la propria adesione molti rappresentanti istituzionali, compresi europarlamentari, consiglieri regionali e sindaci del Veneto.

Da Verona partirà forte la nuova proposta istituzionale di convocazione del Plebiscito digitale per l’indipendenza del Veneto, la via Estone e democratica nel rispetto della libertà di espressione, che possa permettere ai cittadini veneti di decidere il proprio futuro, nella piena legittimità internazionale e senza violare il diritto interno dello stato.

Da Venezia a Verona, il futuro del Veneto inizia sabato 26 e domenica 27 ottobre prossimi.

Gianluca Busato

Fonte: http://plebiscito2013.eu/da-venezia-a-verona-un-week-end-per-costruire-il-futuro-del-veneto/ Read more

Read more

UNA SETTIMANA IMPORTANTE PER IL PRESENTE E PER IL FUTURO DEL VENETO

Sabato 26/10 a Venezia appuntamento di Veneto Business con ospiti dello Scottish National Party e di altri paesi e domenica 27/10 tutti a Verona in pressing per l’indipendenza del Veneto

Locandina_VE_26102013_MINIQuesta settimana, che si è aperta nel segno triste del nostro passato, ben ricordato da Franco Rocchetta, del Plebiscito Truffa che nel 1866 consegnò il Veneto all’Italia, calpestando anche per quell’epoca i criteri minimi dell’esercizio democratico, si concluderà condue appuntamenti importanti per il presente e il futuro del Veneto.

Ci riferiamo in primo luogo all’evento di lancio di Veneto Business, la piattaforma internazionale per imprenditori veneti. Esso si celebrerà sabato 26 ottobre prossimo a Venezia, presso l’hotel Amadeus, a partire dalle ore 15, con l’intervento storico di rappresentanti istituzionali del Parlamento di Scozia e membri dello Scottish National Party e con il gemellaggio con la piattaforma di Business for Scotland che vanta già l’adesione di 700 imprenditori scozzesi. In un momento drammatico per l’economia veneta, stretta nella morsa delle fiamme del peggiore inferno fiscale del mondo, Veneto Business rappresenta una grande opportunità di relazioni, grazie alla presenza di collegamenti in diversi Paesi Europei e del mondo, che permetterà ai propri associati di avviare e facilitare l’internazionalizzazione del proprio business.

snpIn questi pochi giorni che mancano all’appuntamento è importante che riusciamo ad avere il massimo risalto e partecipazione possibile, per un evento che non osiamo definire storico anche da un punto di vista politico, oltreché imprenditoriale, in quanto testimonia l’apertura al Veneto delle Istituzioni Scozzesi e dello Scottish National Party, la formazione politica di Alex SalmondFirst Minister di Scozia, che si appresta a celebrare il referendum per l’indipendenza della Scozia il prossimo 18 settembre 2014.

La partecipazione di una così nutrita delegazione scozzese implica quindi anche la conseguente promozione internazionale della Causa Veneta. Cerchiamo quindi di sfruttare il tempo che ci rimane raccogliendo il maggior numero possibile di adesioni all’evento.

Il giorno seguente, la domenica pomeriggio del 27 ottobre, l’appuntamento è invece a Verona, con un’iniziativa di pressing in merito all’indizione di una consultazione popolare tra i cittadini veneti sull’indipendenza del Veneto.

Come noto, la discussione sull’approvazione della legge referendaria per indire il Plebiscito per l’indipendenza del Veneto in Consiglio Regionale del Veneto si è purtroppo arenata su questioni relative ad interpretazioni in tema di diritto interno, pur tutti condividendo la legittimità internazionale del procedimento.

Crediamo che la discussione su un tema di grande impatto presso l’opinione pubblico non possa essere lasciato cadere nel vuoto e debba trovare forza proprio nell’espressione più naturale della sovranità popolare, grazie all’elezione diretta e alla vicinanza che legittima i consigli comunali e i sindaci come rappresentanti più autentici della cittadinanza.Per tale ragione e sentite le parti più sensibili a una questione che prima di tutto è di democrazia, il comitato apartitico e trasversale Plebiscito2013 ha quindi chiamato a raccolta tutti i cittadini veneti a Verona il prossimo 27 ottobre, con l’occasione invitando a partecipare con una propria rappresentanza tutti i Comuni del Veneto, 110 dei quali con coraggio e senso di responsabilità istituzionale già ad oggi hanno approvato un ordine del giorno per sollecitare la Regione a discutere ed approvare il progetto di legge 342/2013.

mini_Locandina_VR_27102013Il programma della manifestazione prevede un corteo, guidato dai gonfaloni dei Comuni Veneti che daranno la propria adesione, che partirà da Piazza Arsenale alle ore 15 (ritrovo ore 14.30, c’è anche un parcheggio per chi arriva in auto) e arriverà a Piazza Bra, dove dalle 16 alle 17.30 si terrà il comizio finale, con presentazione della nuova iniziativa plebiscitaria dei comuni veneti per l’indipendenza del Veneto. La manifestazione non prevede uso di simbologie di partito, ma solo l’utilizzo della Bandiera del Veneto, come simbolo di unione di tutti i cittadini veneti al di là delle ideologie.

Facciamo tutti in modo allora in questi giorni che i due importanti eventi in programma sabato e domenica abbiano il maggiore successo e risalto possibile.

Ne va del presente e del futuro del Veneto.

Gianluca Busato
Plebiscito2013

Fonte: http://plebiscito2013.eu/una-settimana-importante-per-il-presente-e-per-il-futuro-del-veneto/ Read more

Read more

Ciao Veneti, el cancaro vero el se ciama italia

Ciao Veneti, el cancaro vero el se ciama italia Read more

Read more

LAUNCH EVENT: VENETO BUSINESS E BUSINESS FOR SCOTLAND – 26/10/2013 – VENEZIA

VENETO BUSINESS E BUSINESS FOR SCOTLAND

IMPRENDITORI INDIPENDENTISTI: IMPARIAMO DALLA SCOZIA

Data: 26:10/2013 Dove: Hotel Amadeus – Venezia (Lista Di Spagna, 227 – Venezia) ORARIO: 15.00-18.30 (CENA 19.00) Programma Saluto di:

  • Daniele Stival, assessore all’identità veneta della Regione Veneto

Relatori:

Scarica il programma completo degli interventi

Prenotazioni (posti limitati): info@venetobusiness.com

Evento su facebookhttps://www.facebook.com/events/221376308022469/

Acquisto bigliettihttp://venetobusiness-launch-event.eventbrite.com

Locandina_VE26102013_bozza06

Link all’articolo originale Read more

Read more

Lo stato dell’arte dell’indipendentismo veneto dopo il declino di IV e VS

giane-ven

Negli ultimi anni l’indipendentismo è diventato un attore protagonista dello scenario politico veneto, grazie all’individuazione di un percorso che ha saputo indicare un’alternativa concreta allo sfascio del sistema italiano.
Le fasi attraverso le quali tale percorso si è sviluppato sono molteplici e ben al di là dal concludersi. Paradossalmente, il nuovo nodo gordiano da sciogliere ora si presenta proprio con lo stallo del dibattito istituzionale all’interno della Regione Veneto attorno al progetto che è nato ancora nel 2006-2007, subito dopo la riforma del codice penale che ha reso legale perseguire in modo pacifico e non violento la completa indipendenza politica del Veneto e che oggi trova la propria massima rappresentazione in Plebiscito2013, la piattaforma referendaria apartitica e trasversale che ha saputo diventare il fulcro del dibattito sull’indipendenza del Veneto, assieme ad altre esperienze simili, quali ad esempio Vivere Veneto.
Presentai in anteprima assoluta tale percorso l’11 febbraio 2007 all’hotel Viest di Vicenza, in occasione del primo convegno pubblico del movimento “Veneti” di cui fui tra i fondatori; esso divenne a distanza di pochi mesi il programma politico del Partito Nasional Veneto, che fu la prima organizzazione politica che iniziò la costruzione del consenso popolare attorno a tale progetto, a partire dal 2008-2009. Dopo le elezioni regionali del 2010, seguì quindi la creazione di Veneto Stato, per “aggregazione” del Partito Nasional Veneto con altre formazioni indipendentiste allora createsi attorno alla lista “Veneti Independensa”, che resi possibile grazie al passo indietro che feci lasciando la segreteria del Pnv. VS era una formazione acerba e dopo poco più di un anno lasciò quindi il testimone alla nuova-vecchia formazione Indipendenza Veneta, che dopo un inizio esaltante, ha perso ben presto la testa inseguendo sogni elettorali italiani e accordi con la corrente leghista di Luca Zaia. Il congresso di ieri che ha visto la partecipazione di meno del 28% degli aventi diritto è lo specchio migliore di un fallimento annunciato.
In virtù dell’odierno disastro, si ripresenta uno scenario politico senza attori protagonisti, con i resti di alcune formazioni indipendentiste prive di un progetto politico e attaccate allo scoglio del legalismo vuoto e sterile, come un naufrago dopo la tempesta.
D’altro canto è ovvio che ciò avvenga se si rinuncia alla visione del futuro.
Oggi il Veneto si trova all’appuntamento con scelte importanti da fare senza punti di riferimento certi, immerso nella “notte in cui tutte le vacche sono nere”.
Eppure il discrimine tra passato e futuro, tra Italia e Veneto, tra rischi e opportunità, non è mai stato così forte e evidente come oggi, testimoniato dalla recrudescenza nervosa di rigurgiti nazionalistici italiani, come l’infausta decisione del sindaco trevigiano Manildo di sostituire la bandiera civica di Treviso con il tricolore, triste simbolo di morte e guerra. Questa apparente contraddizione deve farci comprendere che il percorso che stiamo facendo in questi giorni e settimane sarà propedeutico a una nuova stagione politica. Sarà proprio la nostra capacità di riconoscere le cose importanti rispetto alle facezie che determinerà la prossima fase politica, oltre a una più consumata esperienza sulle figure in campo.
Assisto in particolare al dibattito attorno all’esigenza di creare “una casa comune dei veneti”, portato avanti da Edoardo Rubini su vivereveneto.com. Egli individua come preliminare l’esigenza di costruire “una struttura ideale e di programma che in seguito dà luogo ad una struttura anche politica”. Altri esponenti di rilievo rilevano come sia fondamentale stabilire prima di tutto un codice etico che precisi di non includere nel progetto “qualunque Veneto che si dimostri litigioso, o polemico verso qualche altro Veneto” (“i contrasti se ci sono vanno affrontati in privato “face to face””).
Se da un lato va ben precisato che la polemica non deve essere confusa con la dialettica, che invece risulta un motore fondamentale dello sviluppo umano, risulta però evidente che bisogna fare ordine rispetto alla confusione imperante, causata da vacue lotte di un inesistente potere.
È convinzione diffusa insomma che l’attuale fase sia chiaramente propedeutica a una sintesi che ancora non viene concepita. Ciò determina in molti una sorta di scoramento, perché paiono venir meno gli obiettivi a breve termine, consumati sull’altare dell’opportunismo politico di una classe dirigente che in Regione Veneto non si sta assumendo le proprie responsabilità, recitando una commedia dell’arte all’insegna della non decisione, commedia in cui tutte hanno colpe e nessuno ha meriti. Se per qualche miracolo il consiglio regionale dovesse rinsavire e convocare il Plebiscito per l’indipendenza del Veneto, vorrà dire che saremo ancora più preparati ad affrontare la campagna di comunicazione, ma al momento non c’è da illudersi che ciò avvenga. Il rischio che la partita in Regione si traduca in una semplice bandiera elettorale ad uso e consumo di Luca Zaia e dei suoi nuovi alleati pseudo-indipendentisti è ahinoi molto elevato.
In realtà lo scenario è già visibile ai più attenti, che guardano oltre le macerie dei partiti venetisti che cercano di unirsi per mascherare le proprie debolezze. Il disastro coinvolge in primis anche i partiti italiani, nessuno escluso, a cominciare, per quel che ci riguarda, dalla lega, che si ritrova orfana di un progetto politico a cercare di adottare il pargolo già sofferente dell’indizione del referendum per l’indipendenza del Veneto. Ciò per quanto nel silenzio e nella sostanza il movimento indipendentista si rafforzi ogni giorno di più grazie a una consacrazione popolare determinata dal sostegno al Plebiscito da parte di 86 comuni (numero che cresce ogni giorno di più), in rappresentanza ormai di oltre UN MILIONE di cittadini veneti.
Il quadro in cui operiamo, nonostante i rischi, è inedito e per molti aspetti incoraggiante e il vuoto politico che si presenta davanti a noi è in realtà solo una prateria dove far presto cavalcare, sotto nuove forme e modalità, il destriero indipendentista che ora sta facendo il pieno di biada e acqua dopo aver disarcionato l’ultimo apprendista stregone.
Non temiamo, cavalli e cavalieri dell’indipendenza si ritroveranno in fretta.

Gianluca Busato Read more

Read more

A volte anche i nemici hanno qualcosa da insegnarti

San-marcoA volte anche i nemici hanno qualcosa da insegnarti, qualcosa che può essere utile a te e alla tua causa.

Ieri (2 giorni fa, ndr), 17 settembre 2013, si sono visti un migliaio di cittadini veneti convinti ed entusiasti che hanno riempito le calli, da Piazzale Roma fino alla Salute, di canti e di slogan. Erano canti e slogan che sorgevano dal cuore più che dalle gole, erano canti e slogan comuni per tutti, erano canti e slogan che hanno raggiunto anche alcuni abitanti che hanno sentito il dovere di affacciarsi alle finestre o di scendere in calle per dare il proprio incoraggiamento e appoggio morale.

Eppure quel serpentone colorato e gioioso non era omogeneo!

Era formato da tutte le diverse anime dell’indipendentismo veneto, quelle stesse anime che troppo spesso discutono e persino litigano tra loro alla ricerca di una visibilità che, a mio avviso, ora serve a poco.

Insomma, il Popolo Veneto ieri, dimostrando l’unione degli slogan, delle richieste, dei canti, ha dimostrato una volta di più che ora come ora interessano ben poco i distinguo, interessa invece avere la massima unione per raggiungere l’obiettivo che con tanta tenacia viene perseguito.

Poi, solo poi, arriverà il momento dei distinguo, arriverà il momento in cui ognuno esprimerà la propria idea di Veneto e di futuro e la via per trasformare questa idea in realtà. Non che non si possa già esprimerla, anzi, ma tutti questi progetti diventano nulla se prima non si arriva all’indipendenza.

Il Popolo Veneto che ha sfilato lungo le calli, pur portando vessilli diversi, ha dimostrato però una chiara e sentita condivisione nelle voci e nei cuori; questo conta, solo questo conta ora.

Abbiamo un nemico, si chiama Stato Italiano. Ebbene, impariamo dalla sua storia: durante la Resistenza le varie forze, anche molto distanti ideologicamente tra loro, hanno fatto fronte comune per abbattere il regime e l’invasore straniero; poi, solo poi, solo dopo aver raggiunto l’obiettivo, è venuto il momento dei distinguo, anche molto profondi come sappiamo. Solo settant’anni fa gli Italiani sono riusciti a mettere insieme comunisti e cattolici, persino repubblicani e monarchici, per poter conseguire l’obiettivo comune.

Vogliamo dimostrare al mondo che i Veneti non sono in grado di fare altrettanto?

Tiziano Pizzati Read more

Read more

Consiglio Regionale per il Plebiscito: i consiglieri regionali sono tutelati nel loro voto

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

gianluca-busatoIn questi giorni che precedono la riunione del Consiglio Regionale chiamato a pronunciarsi sull’approvazione della legge regionale per l’indizione del Plebiscito per l’indipendenza del Veneto, sulla stampa sono apparsi articoli che fanno ricorso alle più classiche tecniche della disinformazione.

In particolare alcuni giornali hanno pubblicato un’ipotesi, emersa per la verità anche durante i lavori della 1° commissione regionale affari istituzionali di martedì scorso, secondo la quale in caso di approvazione della legge referendaria potrebbe succedere il finimondo, con intervento di esercito e quant’altro e con rischi gravi anche per i singoli consiglieri regionali che avessero espresso un voto in un senso, oppure in un altro. Pare quasi inutile dire che tali argomentazioni sono risibili, ma dato che la disinformazione non ha come proprio scopo l’affermazione di una verità, bensì la creazione di una situazione di confusione che permetta l’insinuazione di ipotesi anche bislacche come questa, crediamo sia cosa utile fare chiarezza sul punto.

Non esiste alcun rischio per i consiglieri regionali nell’esercizio delle loro funzioni

I consiglieri regionali sono tutelati addirittura dalla stessa costituzione che qualcuno utilizza a vanvera come scudo protettore e scusa nel riportare gravi affermazioni contrarie all’esercizio della libera espressione dei cittadini veneti attraverso un semplice referendum consultivo, convocato secondo l’art. 27 dello statuto regionale veneto.

La costituzione italiana, infatti, al proprio art. 122 c. 4 recita:

“I consiglieri regionali non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.”

I consiglieri regionali sono pertanto liberi e protetti in tutte le loro scelte di voto, o dichiarazioni espresse nell’esercizio delle loro funzioni e non corrono alcun rischio di alcun tipo.

Il Consiglio Regionale non rischia lo scioglimento e il Presidente della Giunta Regionale non deve temere la destituzione

pdl342-1Qualcuno avrebbe addirittura avanzato l’ipotesi secondo cui, sempre in caso di approvazione della legge regionale per l’indizione del Plebiscito, potrebbe trovare applicazione l’art. 126 c. 1 della costituzione, che stabilisce che “con decreto motivato del Presidente della Repubblica sono disposti lo scioglimento del Consiglio regionale e la rimozione del Presidente della Giunta che abbiano compiuto atti contrari alla Costituzione o gravi violazioni di legge.”

Merita allora osservare che di per sé stesso un referendum consultivo non comporta alcun atto contrario alla costituzione, in quanto, indipendentemente dall’esito del Plebiscito, il Consiglio Regionale è poi libero di fare le valutazioni e stabilire le misure che ritiene, anche contrarie al voto popolare, secondo quanto stabilito dall’art. 27 c. 2 dello statuto regionale che lo stabilisce in modo esplicito: “Se alla votazione ha partecipato la maggioranza degli aventi diritto, il Consiglio è tenuto ad esaminare l’argomento entro novanta giorni dalla proclamazione dei risultati e a motivare le decisioni eventualmente adottate in difformità.”

A maggior ragione allora riportiamo l’estratto della relazione giuridica del prof. Andrea Favaro, membro della commissione giuridica regionale che ha esaminato la risoluzione 44/2012 che ha ben illustrato come la libertà di espressione dei cittadini veneti sia garantita dalla legge.

“[…] Non si rinvengono limiti contenutistici a tale libertà di espressione del pensiero da parte del cittadino, come lo stesso ordinamento italiano assicura con il novellato art. 283 c.p. che legittima la condotta di chi, con atto non violento “commette un fatto diretto e idoneo a mutare la Costituzione dello Stato o la forma di Governo”’ ovvero con il novellato l’art. 241 c.p., il quale prevede che chiunque possa compiere legittimamente atti non violenti diretti ed idonei a sottoporre il territorio dello Stato alla sovranità di uno Stato straniero o a menomare l’unità e l’indipendenza dello Stato;

non si vede perchè tale libertà di espressione garantita anche per questi temi specifici per il singolo cittadino non possa essere per un insieme di cittadini;

rimangono, quindi, leciti (e legittimi) tutti gli atti contro l’integrità, l’indipendenza e l’unità dello Stato che siano compiuti senza violenza, condotte che sono state quindi, per volontà del legislatore italiano, decriminalizzate e volte al riconoscimento concreto della piena libertà di espressione dei cittadini; […].”

Risulta pertanto chiaro che l’indizione di un referendum consultivo non comporta di per sé stessa alcun atto contrario alla costituzione, in quanto semplicemente permette la libertà di espressione ai cittadini veneti, nelle forme previste dalla legge e dallo statuto regionale e attraverso un esercizio delle funzioni dei consiglieri regionali tutelato dalla costituzione.

Eventualmente tali atti potrebbero essere compiuti in caso di vittoria dei sì nel Plebiscito per l’indipendenza, se ipoteticamente il Consiglio Regionale, in virtù di un mandato derivato dalla sovranità de facto che emerge dal voto popolare, decidesse solennemente di proclamarsi Assemblea Parlamentare del Popolo Veneto e dichiarare l’indipendenza del Veneto. Ma questo è un altro discorso e non si possono fare i processi alle intenzioni, supposto che esistano.

Gianluca Busato
Plebiscito2013

Fonte: http://plebiscito2013.eu/consiglio-regionale-per-il-plebiscito-i-consiglieri-regionali-sono-tutelati-nel-loro-voto/ Read more

Read more

Stand-Up per l’indipendenza del Veneto: 17 settembre a Venezia

Flyer 21x10 P2013_VENEZIA copia

Incoraggiamo il Consiglio Regionale chiamato a votare l’indizione del Plebiscito per l’indipendenza del Veneto.

Martedì 17 settembre 2013, Stand-Up presso Calle XXII marzo a Venezia, partenza del Corteo alle ore 13.30 dalla Stazione dei treni di Venezia S. Lucia.

Partecipiamo numerosi, passaparola!

Aderisci all’evento anche su facebook

Approfondimenti:

Read more

IV, servono ancora ripetizioni, anche di stile

Una mano greve con una nota bislacca non confuta l’errore del CDN di IV: Pizzati resta segretario

asino-specchioNon si è fatta attendere la replica della corrente degli avvocati di IV alla notizia che il 29 agosto nel consiglio direttivo mancava il quorum utile per sfiduciare il segretario di IV Lodovico Pizzati.
L’ufficio comunicazione di IV contesta lo statuto, attraverso una serie di acrobazie interpretative. Anche il tono utilizzato sorprende, tradendo un aplomb che fino a poco tempo fa era presente nei comunicati del movimento e che oggi lascia lo spazio ad aggettivazioni grevi e poco eleganti. Data la rudezza della mano che ha redatto la nota, ci siamo sentiti in dovere allora di approfondire l’esame della contestazione per capire quale fosse la verità.
La frase contestata è quella che all’art. 17.3 c. 3 dello statuto di IV recita “la decadenza (del Segretario) viene dichiarata a maggioranza dei 3/5 (tre quinti) dei propri membri in carica ed aventi diritto di voto dal Consiglio Direttivo Nazionale, su proposta di qualunque Organo Nazionale o di Area od anche di propria iniziativa.”
Emerge allora chiaramente che se avesse un senso quanto affermato dall’ipotetico ufficio comunicazione di IV ciò implicherebbe anche l’esistenza di membri del consiglio direttivo nazionale SENZA diritto di voto, ma così non è, come ben noto. Appare allora evidente che il computo deve essere fatto sommando appunto i membri in carica (che hanno tutti il diritto di voto) e gli “aventi diritto di voto”, ovvero le persone che contribuiscono alla vita del consiglio direttivo anche con il diritto di voto (appunto il segretario e il tesoriere, distinti dal presidente che partecipa al direttivo SENZA diritto di voto, come i coordinatori delle aree non rappresentate). Quindi i voti totali da conteggiare sono undici: nove dei membri in carica più due degli aventi diritto di voto. E la maggioranza richiesta per la sfiducia al segretario è di sette voti, quota non raggiunta il 29 agosto dal CDN.
Alla luce di tale ragionamento banale per chiunque a parte la corrente degli avvocati, il segretario nazionale in carica di IV resta quindi Lodovico Pizzati, com’è giusto che sia dato che ha ricevuto un incarico triennale dall’assemblea sovrana dei soci.

Press News Veneto Read more

Read more

Gli avvocati non sanno far di conto e Pizzati resta segretario di IV

lodovico-pizzatiFiguraccia di Cantarutti e Morosin

Che gli avvocati non fossero tanto bravi a far di conto è cosa risaputa. Risulta però più sorprendente che non sappiano neanche leggere, a maggior ragione quando si tratta di uno statuto scritto da loro. Sembra una puntata di “Oggi le comiche”, eppure è ciò che è avvenuto il 29 agosto, durante una riunione straordinaria e segretissima del consiglio direttivo di Indipendenza Veneta alla presenza anche degli avvocati presidenti Cantarutti e Morosin, che aveva lo scopo di dichiarare la decadenza di Lodovico Pizzati da segretario del movimento. E questa era cosa risaputa. La sorpresa di oggi è che nessuno si era preso la briga di verificare se il quorum necessario fosse stato raggiunto. la notizia clamorosa che ribalta la situazione in Indipendenza Veneta viene direttamente da una nota ufficiale emanata dalla segreteria nazionale del movimento, che pubblichiamo di seguito.
Nel frattempo consigliamo un corso di ripetizioni accelerate in aritmetica per più di qualcuno…

Cari soci,

vi scriviamo per un importante chiarimento e comunicazione in merito alle notizie circolate in questi giorni, che hanno portato grande confusione e incertezza circa la situazione interna ad Indipendenza Veneta.

Vediamo innanzi tutto i fatti. Dal verbale diramato e dalle delucidazioni fornite dal socio Giuliomaria Turco, apprendiamo che al momento della votazione della presunta delibera del consiglio direttivo nazionale che dichiarava la sfiducia al segretario dello scorso 29 agosto 2013 erano presenti 6 membri in carica.

Ricordiamo che ai fini del computo dei voti necessari per approvare la dichirazione di sfiducia vanno considerati i 9 membri in carica (i consiglieri eletti dall’assemblea del 27/05/2012) più altri 2 con diritto di voto (il segretario e il tesoriere), per un totale quindi di 11 voti. La maggioranza dei 3/5 necessaria per dichiarare la sfiducia al segretario è pertanto di 7 voti, superiore ai 6 che hanno approvato la delibera citata. La delibera di decadenza del segretario Lodovico Pizzati è pertanto nulla.

Riportiamo di seguito il comma dell’articolo dello statuto utilizzato per la delibera che spiega bene e senza possibilità di interpretazioni la maggioranza necessaria (e non raggiunta il 29 agosto) richiesta per tale atto.

Art. 17.3 c. 3

La decadenza (del segretario, ndr) viene dichiarata a maggioranza dei 3/5 (tre quinti) dei propri membri in carica ed aventi diritto di voto dal Consiglio Direttivo Nazionale, su proposta di qualunque Organo Nazionale o di Area od anche di propria iniziativa.

Il segretario nazionale in carica e legale rappresentante di Indipendenza Veneta resta pertanto il prof. Lodovico Pizzati, mentre il socio Giuliomaria Turco resta quindi vice segretario.

Ricordiamo inoltre a tutti i soci che il segretario di IV prof. Lodovico Pizzati sarà presente come relatore nell’importante evento che si terrà a Canizzano (frazione di Treviso), il prossimo 5 settembre alle ore 21, nella tensostruttura di fianco alla Chiesa.

Oltre al prof. Pizzati, gli altri relatori che interverranno sono:

prof. Marco Bassani, Docente Storia delle Dottrine politiche all’università di Milano
dott. Silvano Piazza, sindaco di Silea e leader movimento dei sindaci
prof. Paolo Bernardini (docente di Storia all’Università dell’Insubria)
ing. Gianluca Busato, imprenditore
dott.ssa Gloria Gasparini, Imprenditrice

Invitiamo tutti i soci ad essere presenti.

Venezia, 2 settembre 2013

Segreteria nazionale
Indipendenza Veneta Read more

Read more

Fine di una fase politica: ora diamo vita alla nuova Repubblica Veneta con il Plebiscito

8950241-un-segnale-stradale-a-due-vie-verde-che-punta-al-successo-e-fallimento-che-simboleggia-la-sta-a-un-bAl bivio tra un vicolo cieco e la strada del futuro per l’indipendenza del Veneto

Con il vano tentativo di cambiare segretario, subito stroncato dal ricorso di Lodovico Pizzati ai Probiviri, in ogni caso la corrente degli avvocati presidenti Cantarutti e Morosin ha scelto la strada più facile della distruzione politica di Indipendenza Veneta. È una strada che già in passato era stato percorsa da Veneto Stato e che aveva portato alla sua emarginazione dalla vita politica veneta e alla successiva frattura in più componenti tra loro in guerra perenne. La strada intrapresa è la medesima e se la storia qualcosa insegna anche i risultati non cambieranno, con l’emergere in particolare di nuove prossime frizioni tra la componente più legata all’avvocato di Adria e quella che plaude invece all’avvocato di Noale. La prima tra l’altro si è dimostrata molto più abile sia nelle strategie congressuali sia nella capacità di tramacci interni, per cui è probabile che Alessio Morosin nel giro di uno o due congressi sarà destinato alla marginalità con il nuovo equilibrio in salsa cantaruttiana.

Da un punto di vista strettamente politico, emerge inoltre un ormai incontrovertibile posizionamento organico di Indipendenza Veneta nella compagine di destra, con un legame forte dichiarato con Luca Zaia, che è tutto da confermare, anche alla luce della tenuta del partito che ora ha perso la propria testa e capacità strategica, candidandosi alla irrilevanza politica. Non basta più infatti in particolare un continuo e noioso richiamo alla legalità fine a sé stessa per ottenere l’indipendenza, poiché privandosi del nucleo pensante la fu Indipendenza Veneta ha deciso di abbandonare la strada virtuosa dell’esercizio intellettuale indispensabile per la creazione della nuova Repubblica Veneta, dedicandosi invece all’esercizio sterile di una pura autocelebrazione oscurantista.

D’altro canto, la ragione più profonda alla base del successo di Plebiscito2013 è proprio l’apertura di una conversazione nazionale veneta, aperta a ogni istanza della società civile del Veneto. In questo senso si spiegano il dialogo in essere con le rappresentanze degli imprenditori, con i sindacati, con le amministrazioni di ogni colore politico e con tutte le componenti vitali del nostro Veneto di oggi. Solo attraverso una profonda riflessione che coinvolga tutte le realtà esistenti potrà prendere vita la società civile veneta che saprà dare vita alla nuova Repubblica Veneta. Il confronto tra idee e posizioni diverse genererà quella dialettica necessaria a far nascere la nuova realtà positiva, per dare forza e contenuti al nostro futuro. I cittadini veneti sono pronti a scegliere l’indipendenza del Veneto, purché si spieghi loro che non vi sono salti nel buio e che il cambiamento sarà del tutto fluido e naturale.
Un esempio di tale approccio, aperto, creativo, responsabile e trasversale lo si avrà già dall’evento che si terrà a Canizzano (Treviso) il prossimo 5 settembre, alle ore 21 nella tensostruttura vicino alla Chiesa.
Sarà un appuntamento da non perdere, per costruire assieme il futuro del nostro Veneto e dare vita quanto prima alla nuova Repubblica Veneta.
Se questa settimana saremo capaci di premere l’acceleratore, allora nelle settimane successive anche il Consiglio Regionale del Veneto sarà influenzato dal cambio di ritmo, convocando finalmente il Plebiscito per l’indipendenza del Veneto.

Forza cari amici veneti, il futuro dipende solo da noi!

Press News Veneto Read more

Read more