16.2.3. Quali altri paesi europei hanno raggiunto l’indipendenza?

Nel 1905, il parlamento norvegese ha dichiarato la propria indipendenza dalla Svezia.
Nel 1918, l’Islanda ha ottenuto l’autogoverno dalla Danimarca, divenendo quindi una repubblica nel 1944.
Entrambi i paesi hanno ottenuto l’indipendenza grazie a metodi molto pacifici e costituzionali e entrambi hanno ottenuto progressi economici molto rapidi.
Entrambi sono ora tra i dieci paesi più ricchi del mondo. La Repubblica d’Irlanda, indipendente dal 1921, è ora riconosciuta come la tigre economica celtica d’Europa. Nel 1917 la Finladia ha dichiarato la propria indipendenza dalla Russia. La Polonia è diventata indipendente nel 1918.
Cipro e Malta hanno dichiarato la propria indipendenza dal Regno Unito rispettivamente nel 1960 e 1964.
Più recentemente, nel 1991 Lettonia, Lituania ed Estonia hanno visto internazionalmente riconosciuta la propria indipendenza dall’Unione Sovietica.
Nel 1993, Slovacchia e Repubblica  Ceca si sono accordate amichevolmente per la loro reciproca indipendenza.
Nel 2004, solo dieci anni dopo, Lettonia, Lituania, Estonia, Slovacchia e Repubblica  Ceca, prima tutti parte del depresso est europeo del dopoguerra, sono divenuti a pieno diritto membri dell’Unione Europea. Tutti questi paesi hanno un seggio e una voce ai massimi tavoli decisionali internazionali, mentre la Venetia, dopo aver portato pace e lungimiranza diplomatica nel mondo per secoli, sta ancora guardando passivamente.