Il Veneto si merita di meglio del gel illusionista, l’indipendenza è l’unica strada per averlo

Autonomia e federalismo sono assurdità di politici in via di estinzione

veneto-stato-indipendenteMolti si chiedono perché noi vogliamo l’indipendenza del Veneto e perché non ci “accontentiamo” del federalismo e dell’autonomia all’interno dell’attuale ITA.

In primo luogo, perché tali sogni dei partiti italionofili sono assurdi, data l’impossibilità “tecnica” di avere tali riforme istituzionali. Il voto del 18 dicembre in Consiglio Regionale ne è la testimonianza.

L’impossibilità è dettata da un lato della coperta finanziaria corta del terzo peggiore debito pubblico del mondo, che non permette al Veneto alcuna forma di autonomia fiscale e dall’altro della gestione del potere clientelare-mafioso congenita allo stato italiano e alla sua classe politica e dirigente che è stata “allevata” secondo la stessa cultura di malaffare e tangentara, come dimostra la cronaca nera politico-giudiziaria di tutti i giorni.

Ma ciò che più conta è che noi Veneti ci meritiamo decisamente di meglio.

Ci meritiamo di meglio che continuare ad essere una colonia derubata con lo zuccherino del prossimo governatore leghista senza arte né parte, ma tanto decantato dai giornalisti prezzolati al soldo di  ITA. Non ci interessano le storie da fotoromanzo del governatore con le scarpe sporche di terra. Solo l’indipendenza oggi può ricreare la speranza che l’inferno fiscale di ITA ha distrutto in molti Veneti ridotti sul lastrico.

Ci meritiamo di meglio, perché non possiamo creare la Venetia cui aspiriamo, senza i pieni poteri che derivano dall’indipendenza. La Venetia è un grande paese e un grande posto in cui vivere, ma potrebbe essere molto meglio se noi avessimo i poteri di apportare cambiamenti concreti.

Come individui, noi reputiamo la nostra indipendenza un fatto normale. Per tutti noi è assodato il fatto di fare le nostre scelte in modo naturale, di decidere come risparmiare e spendere i nostri soldi e come assumerci le nostre responsabilità nel corso della nostra vita.

Perché dovremmo aspirare a meno per il nostro Paese? Perché dovremmo barattare la nostra felicità per l’ennesima presa in giro di chi in vent’anni non ha saputo portare alcun vantaggio concreto al Veneto. Nessun risultato, zero di zero. Solo furti quotidiani delle nostre risorse, censura e ignoranza. Tanta ignoranza.

Come nazione, noi accettiamo l’indipendenza di altri Paesi come una cosa normale. Non riteniamo cosa strana che i popoli di Austria e Svizzera portino avanti i loro interessi. Non ci aspetteremo che i popoli di Svezia e Danimarca chiedano ad altre nazioni di prendere decisioni per conto loro, perché loro non si sentono in grado di farlo. Perché dovrebbe essere diverso per il Popolo Veneto?

Non c’è proprio alcuna ragione perché noi non possiamo avere un vero parlamento nostro, con i pieni poteri che gli derivano dall’indipendenza.

L’indipendenza è una cosa normale ed auspicabile. Altri piccoli Paesi europei come l’Austria, la Norvegia, la Danimarca hanno molto più successo della Venetia sia in termini di crescita economica sia in termini di qualità della vita.

L’indipendenza dà a quelle nazioni i poteri di gestire al meglio i loro Paesi. Anche la Venetia potrebbe averli.

Basterà votare PNV alle prossime elezioni regionali e il candidato presidente del Veneto che ci guiderà verso la libertà.

Partito Nasional Veneto

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts