Veneto Stato: una forza pacifica inarrestabile che non teme i copioni e i violenti

Nonostante le intimidazioni e le minacce ricevute dagli ultrà (di cui alcuni a viso coperto) ad Isola della Scala mercoledì sera, i soci di Veneto Stato hanno dimostrato una reazione civica straordinaria.

Solo oggi infatti si contanto una serie di attività impressionanti da parte di Veneto Stato (www.venetostato.com), quello vero:

  • Gazebo a Venezia (Santi Apostoli)
  • Gazebo a Mestre
  • Gazebo a Piove di Sacco
  • Incontro pubblico a Belluno
  • Volantinaggio a Resana e Castelfranco Veneto
  • Scuola quadri nazionale a Treviso
  • Cena per l’indipendenza a Padova

Brave ragazze! Bravi ragazzi! Grazie alla vostra opera, al vostro coraggio civico, alla vostra capacità e impegno, che non si piega nemmeno di fronte alle minacce e alle intimidazioni, possiamo stare certi che il Veneto Stato diventerà indipendente in un tempo veramente breve.

Sono invece di poco conto alcune azioni di puerile boicottaggio sempre della fazione dell’intolleranza, che dimostrano quanto alcuni di loro siano più dediti a cercare di distruggere l’opera positiva dei soci fedeli alla legalità di Veneto Stato, impegnati nel coinvolgimento dei cittadini veneti e nella diffusione delle ragioni dell’indipendenza, che non a costruire un loro percorso originale.

Dal punto di vista programmatico si può notare infatti, a dimostrazione di ciò, che i loro siti sono infarciti delle analisi economiche di Lodovico Pizzati e delle mie tesi sul percorso legale per l’indipendenza del Veneto. Tale notizia mi rendeva lieto fino a pochi giorni fa, perché dimostrava che da un punto di vista di idee devono ancora iniziare a mettere in campo le proprie, se ne hanno, e si limitano alla propaganda sulla base di slogan e immagini ad effetto, rubando a man bassa i contenuti prodotti dai soci di Veneto Stato che loro odiano.

A quanto pare, per esempio, non hanno ancora il coraggio di dire ai veneti, che il loro segretario – forse sulla scorta della formazione politica ricevuta nei partiti in cui si è seduto, DC, AN, UDC, Liga Veneto Autonomo, fino all’appoggio al PD alle scorse regionali, per citarne alcuni – vorrebbe far tassare al 50% i capitali e i risparmi non impiegati in azienda! Un’idea terrificante che avrebbe come effetto la fuga dei capitali dal Veneto indipendente. Un piccolo Prodi cresce nell’erbetta indipendentista, coltivata con l’humus dell’equivoco ideologico e del parassitismo dei copioni.

È molto più comodo e rassicurante per loro copiare pari pari le analisi economiche di un economista che odiano e diffamano e l’opera di tanti soci da loro ritenuti stupidi e inutili intellettuali, che non far sapere ai veneti come la pensano in realtà.

Per quanto riguarda i miei scritti, fino ad oggi la copiatura sui loro siti mi faceva piacere. Oggi però, dopo che il loro presidente mi ha urlato carinamente la sua intenzione di “far fuori me e i miei gatti” (sic!), devo ammettere che mi dà fastidio vedere la mia opera plagiata da chi mi vorrebbe morto.

Fino a qualche giorno fa avrei augurato loro una buona copiatura, oggi li prego di eliminare i miei scritti dalle loro pagine intrise di falsità e equivoco idelogico. A meno che non arrivino scuse formali per la loro vergognosa intimidazione.

Io con costoro e con i loro metodi non voglio avere più niente a che fare. Io odio la violenza. Io voglio perseguire il percorso pacifico, democratico e legale per l’indipendenza del Veneto, come la maggioranza assoluta degli elettori veneti vuole fare.

Gianluca Busato
Socio fondatore
Veneto Stato

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.