2010 Carnevale elettorale

Leggo da ilTempo di oggi questa notizia:

Veneto al Pdl, per Zaia spunta il ministero della Salute

L’idea del premier [Berlusconi] è questa: creare, con una legge ad hoc, un ministero della Salute (attualmente affidato a un sottosegretario, Ferruccio Fazio) e affidarlo al responsabile delle politiche agricole Luca Zaia.

Un posto «pesante» che permetterebbe così di dare il via libera alla ricandidatura del Governatore uscente in Veneto Giancarlo Galan e allo stesso tempo compenserebbe la Lega della perdita di una Regione alla quale tiene in maniera particolare. Un’operazione che permetterebbe in più di gettare sul tavolo delle trattative per le regionali qualche altra fiche importante, quella del ministero delle politiche agricole più un paio di poltrone da sottosegretario proprio del ministero della Salute.

Ma noi dovremmo correre per le elezioni regionali 2010? Per questa buffonata? Che vi fosse stata una spinta da parte dei partiti romani, lo si sa è sempre stato così, ma qui siamo alla ridicolizzazione della democrazia. Il governatore del Veneto è meramente un pagliaccio messo da roma! Non c’è alcuna rappresentatività popolare, il popolo è chiamato a mettere una croce di assenso per dare parvenza di regolarità democratica.
Ma perché fare perdere tempo alla gente di andare a votare? E’ tutto già deciso, che se la facciano!
Io ritengo che concorrere a queste elezioni sia sostenere il moccolo dell’indecenza, credo che correre per queste elezioni sia una presa in giro per gli elettori, credo che correre per queste elezioni sia una porcata immonda tanto quando andarle a votare.

Io propongo la defezione in massa delle prossime regionali, e a quegli sciocchi che mi vengono a dire “beh, ma poi in pratica occorrerà pur governare” dico fin d’ora che l’andare a votare oltre che essere palesemente un esercizio inutile costituisce un atto di complicità nel sostenere il paravento di questi ladri della democrazia. Anzi, in queste condizioni è molto meglio che non ci sia governo, è molto meglio che ci sia uno stallo, è molto meglio che salti completamente la pagliacciata intessuta a roma sulla testa dei Veneti!
Io propongo che la nostra azione debba essere quella di promuovere il boicottaggio delle prossime elezioni, e la promozione del referendum per l’indipendenza farla per altre vie, per esempio costituendosi in un comitato per l’autodeterminazione.

Dobbiamo forse essere complici di questa mascherata?

Claudio Ghiotto

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts