Author Archive for: lodovicopizzati

Fiaccolata di Veneto Stato nel feudo dell’onorevole Dozzo

Fiaccolata di Veneto Stato nel feudo dell’onorevole Dozzo

Pizzati: “sabato deponiamo la prima lapide alla partitocrazia”

Dopo la serie di manifestazioni spontanee di fronte le sedi di Equitalia, ora i cortei di Veneto Stato arrivano sotto casa del parlamentare Giampaolo Dozzo. “Il mandante dell’oppressione fiscale più alta dell’universo è il parlamento italiano” spiega Lodovico Pizzati, segretario nazionale di Veneto Stato, ” Enti come Equitalia sono solo la facciata. Ora portiamo il conto a chi per decenni è stato complice di una politica disastrosa per noi veneti.” Dal comunicato stampa nel sito ufficiale venetostato.com si evince che la scintilla parte da una mancata concessione di una sala pubblica a Quinto di Treviso, roccaforte dell’on. Dozzo. “Non è un’azione ad personam o mirata solo ad un partito antagonista all’emancipazione veneta,” continua Pizzati, “ma Dozzo è dal ’94 che fa il deputato, e Bossi è dall’87 che fa il senatore italiano, un quarto di secolo! E’ giusto partire dal partito italiano più anziano, che da più tempo è complice dei salassi fiscali che prosciugano risorse a noi veneti.”
Rafforzato da centinaia di firme raccolte solo nella mattinata del 7 gennaio in centro a Treviso, Veneto Stato avanza come la novità emergente in difesa di un riscatto politico popolare. “Avremo le forze dell’ordine al nsotro fianco per tutelare il nostro diritto a scendere in piazza per dimostrare il nostro dissenso a questa classe politica italiana autoreferenziale.” conclude Pizzati, “E’ giunto il momento di riappropriarsi della nostra sovranità politica. E’ un dovere civico di ogni cittadino veneto opporre resistenza a questo sistema feudale italiano che ci priva della nostra dignità e del nostro benessere”

Press News Veneto

Read more

Read more

Diménticatelo

Riceviamo da Enzo Trentin e volentieri pubblichiamo. Il seguente testo è un appello a preparare tutti assieme la Costituzione della Repubblica di San Marco. Nel documento allegato qui sotto ci sono già i primi articoli proposti:

“Dimenticatelo, Enzo” dicevano gli amici esperti del mondo politico veneto. “Non ne ricaverai nulla!”

Essi parlavano della possibilità per i vari indipendentisti, o almeno la buona parte del movimentismo veneto, di riuscire a realizzare una coalizione che almeno sugli obiettivi strategici sia concorde, liberi i singoli di agire tatticamente secondo le loro peculiarità e convinzioni.

“I veneti non lo comprenderanno” dicevano gli esperti, “perché mai accettare un testo di nuova Costituzione per una auspicata nuova Repubblica di San marco, quando molti di loro sono convinti che le antiche istituzioni possono rivivere?”

Qualcosa mi faceva pensare che gli esperti avessero torto: la Serenissima era si ben governata, ma a presiederla era un’aristocrazia intellettuale ed economica che provvedeva essa stessa alle spese dello Stato.

Dov’è oggi chi potrebbe fare altrettanto?

Leggi il resto del documento: Diménticatelo

Read more

Read more

Spread Spagna-Italia

 

Vardar el spread fra obligasioni taliane e todesche no xe el masimo par valutar l’andamento del stato talian. Sto grafico (tólto da lavoce.info) del spread fra obligasioni taliane e spagnole el xe tanto pi indicativo par rendarse conto del dixastro de politega economica fata prima da Berlusconi e deso da Monti.

Femo on sunto de parché xe utile vardar cosa che fa i marcà finansiari:

  • No ghe xe mejo termometro de cosa che decide de far milioni de investitori co miliardi dei propri schei: sto chi xe el marcà.
  • Se lo stato talian ispira manco fiducia de poder ripagar el proprio debito  (i titoli de stato che’l vende), ghe sarà manco investitori disposti a risciar i propi schei co ste obligasioni taliane (i BTP).
  • Se ghe xe manco richiesta par ste obligasioni taliane, le deventa dele patate bolenti, e par vendarle al stato ghe toca ofrir dei rendimenti pi alti par rasicurar del riscio che no le vegnarà ripagà.
  • Pi alto el riscio de scioco, pi alti i interesi promesi par vender sto toco de debito publico che se ciama obligasion, e pi alti i costi da pagar pai conti publici, che a so volta aumenta ncora de pi el riscio de scioco.

Vardar ala difarensa fra interesi de na obligasion decenale taliana co una todesca (el spread), no xe el mejo paragon parché i interesi su na obligasion todesca i se move par altre ragioni de natura globale che centra poco co el stato talian. Par exenpio, se ghe xe riscio che el dolaro se svaluta, tanti investitori i scanpa verso le obligasioni todesche sbasando i interesi todeschi e aumentando el spread rispeto le obligasioni taliane, sensa nesuna colpa de Monti.

Invese, on paragon fra obligasioni spagnole e taliane a xe tanto pi indicativo, dato che i do paexi i xe nte na situasion simile. Dal grafico se nota come che la politega insulsa, de Berlusconi prima e de Monti deso, la vien punia dai marcà. La logica la xe la seguente:

  • I investitori i taca fidarse cronpar titoli de on stato (sbasandone i interesi) se l’economia de sto stato la ga prospetive de cresita, par ver le entrate fiscali necesarie par ripagar el debito ntei ani a venire.
  • Se te deprimi na economia aumentando le tase te stui le prospetive de cresita, e el spread el crese aumentando i costi de mantegner el debito.
  • Berlusconi ga fato cusì: el ga aumentà le tase par far bela figura col bilancio de sto ano, ma stuando le prospetive de cresita i investitori i ga tacà scanpar.
  • E la BCE ghe ga dito: “bravo che te ne ghè scoltà, ma deso no basta mia parché co la recesion che te ghè creà, deso ghe xe na situasion pezo de prima.”
  • Alora riva Monti e cosa falo? Aumenta ncora de pì la presion fiscale, senpre secondo la logica de pensar al bilancio de ancó, pitosto che a incentivar la cresita par sostegner i bilanci futuri.

Parché xe interesante el paragon co la Spagna? Parché anca se in Spagna el Partito Popolare de Mariano Rajoy ga vinto le elesion a novenbre, el novo governo no se indarenta fin a zenaro. Ma anca se no ga posuo far ncora gnente, solo anunciando na politica credibile par la cresita el ga sbasà enormemente el spread, sparagnando tanti pì schei che le manovre sanguinarie de Mario Monti. Rajoy el ga puntà su la cresita, anunciando riforme sul marcà del laoro, e no n’aumento dele tase. Eco parché xe tanto pì inportante crear aspetative de cresita. Deso le obligasioni spagnole le ga dei interesi de 2 punti percentuali pì base de chele taliane. Vol dir on sparagno pai conti publici de decine de miliardi de euro, che xe l’ecuivalente de na manovra sanguinaria de Monti.

Come che insegna libertarianation, no te curi mia na economia sofegà da tase alsando ncora de pì le tase. Mario Monti lo bocemo in economia, ma ghe faremo na statua par ver acelerà la fine moribonda de sto stato italian che deprime el benesere e la felicità de tuti i popoli de sta belisima penixola.

Lodovico Pizzati
Segretario – Veneto Stato

Read more

Read more

Ornella demuru sull’indipendentismo veneto

incorporato da Embedded Video

YouTube Direkt

Read more

Read more

Democrazia Diretta Californiana

Lo stato merican dela California el xe famoxo par via de la so democrasia direta. Basta far na racolta firme e inpor on referendum che deventa automaticamente lege sensa pasar pa’l governatore o par la legislatura statale. El caxo pi famoxo xe sta l’elesion de Schwartzenegger a governatore parché la xera partia co na racolta firme obligando on voto de sfiducia sul precedente governatore e in caxo servise l’elesion de on novo governator (che xe stà Arnold, apunto).
In sto stato de 20 milioni de abitanti basta tirar su 500mila firme par far votar diretamente i citadini su na lege. I raprexentanti politici nte l’asenblea statale no i pol far gninte e no i vien gnanca interpelà se na lege la vien aprovà tramite democrasia direta.
Tanti i se lamenta parché i dixe che i citadini i vota de inpulso sensa gnanca informarse o capir le conseguense. Par exenpio xe sta tirà su mezo milion de firme sia par proibir de alsar le tase sui imobili, sia de spender pi schei su l’istrusion. El rixultà xe on debito statale de $25 miliardi parché la zente la vota senpre par pì spexa e manco tase.
Par risanar i conti publici el governator ga fato pasar na lege in asenblea par aplicar l’IVA (che xe statale) sul ecommerce, le vendite fate online. Alora Amazon.com, che xe una dele dite pi grose al mondo par via de vendite online, la ga decixo de bypasar el governator tramite democrasia direta. I se ga meso fora dai supermarcà pagando la zente $3 par firma par inpor na lege de inisiativa popolare che vieti le’IVA su l’ecommerce.
Insoma, uno dei critici de sta inisiativa de Amazon.com el spiega che sta benedeta democrasia direta la xera sta introdota par evitar che le multinasionali le coronpese i politici par far pasar le legi che ghe faxea comodo. Ma deso le multinasionali le paga diretamente i citadini par far pasar le legi che ghe fa comodo. E l’unica maniera par oporse xe de tirar su 500mila firme e far pasar na lege contraria.
In sostansa, col fato che i citadini i pol tirar su firme par inpor dei referendum par far pasar dele legi sensa pasar pa’l governator e par l’asenblea statale, se ga creà dele bande de citadini che i se fa la goera a furia de 500mila firme a testa par pasar e sorpasar a vicenda. Sounds familiar… 😉
Lodovico Pizzati
Read more

Un Veneto Stato federale in un’Europa confederata

incorporato da Embedded Video

YouTube Direkt

In trasmissione mi è stata domandata un’opinione sull’idea di una fiscalità europea. Colgo l’occasione per approfondire quanto detto nel video. L’Europa non deve diventare un’unità politica con un sistema fiscale centralizzato, come auspicato da sognatori europeisti. Un conto è il libero movimento di merci, lavoro e capitale, un’altra cosa è invece abdicare la propria sovranità ad un esattore delle imposte ancora più distante di Roma.

Lo stato, ricordiamoci, altro non è che un ente amministrativo che offre un servizio pubblico in cambio di un costo che viene prelevato tramite le tasse. Dobbiamo mirare al sistema più efficente e meno ingombrante che lasci al settore privato quello che non occorre venga gestito dal settore pubblico. Nel settore pubblico possiamo sfruttare le economie di scala per servizi che costano di meno se gestiti su scala europea. Mentre la politica fiscale, e cioè l’autorità di abbassare le tasse, deve essere lasciata il più vicino possibile al cittadino.

Detto questo possiamo immaginare un’Europa confederata per certi servizi che ci costerebbero di meno se fatti in scala europea (sfruttando le cosiddette economie di scala). Questo può essere il caso di una difesa e di una politica estera europea. Per esempio, non ha senso che un Veneto, una Scozia, e una Catalogna indipendente sprechino risorse per 200 ambasciate ciascuno in giro per il mondo. Basterebbero delle ambasciate europee da condividere con tutti gli altri stati d’Europa e diminuire drasticamente i costi di gestione. Un discorso parallelo può essere fatto per un esercito comune rivolto verso l’esterno (e non di sicuro un’arma dell’esercito rivolta verso la cittadinanza, perché l’ordine pubblico spetta alla polizia locale). Queste sono le motivazioni per un’Europa confederale, un’Europa di popoli interdipendenti, senza confini e legati da alcuni servizi in comune.

Anche un Veneto Stato indipendente dovrà essere basato sugli stessi principi federali. Ogni tassa deve essere legata ad un servizio pubblico preciso e approvato tramite democrazia diretta dalla popolazione. Per questo il potere fiscale di spesa e tassazione devono essere mantenuti al livello di amministrazione pubblica più vicina al cittadino: comuni e province. In questa maniera il cittadino ha più controllo sul livello di servizi e tasse, anziché subire decisioni prese in una capitale lontana come è al momento all’interno del contenitore Italia. Ma non solo, il vantaggio di questo sistema è che ogni amministrazione pubblica è in competizione con altre amministrazioni vicine. Un comune non potrà alzare di sproposito una tassa su un immobile se nel comune accanto l’ICI è più contenuta. Deprimerebbe il proprio settore immobiliare. Per la stessa ragione una provincia che decide l’IVA sarà costretta ad abbassarla per non far perdere in competitività i propri centri commerciali. Questa non è fantascienza, è quello che succede nei paesi federali come negli Stati Uniti che essendo costretti a mantenere le tasse basse, l’amministrazione pubblica è costretta all’efficienza.

Lodovico Pizzati

Read more

Read more

Panto e Pizzati e le pensioni di Veneto Stato

Ospiti a TV Sette con Voi su tv7 Triveneta, Lodovico Pizzati e Gianluca Panto parlando di pensioni in un Veneto Stato indipendente. La ventina di miliardi di contributi versati dai lavoratori veneti sono equivalenti alla spesa pensionistica per gli anziani veneti. I veneti possono gestire il proprio sistema pensionistico in maniera indipendente senza domandare sacrifici di ulteriori contributi sociali a lavoratori e imprese, e senza alzare l’età pensionistica. In un Veneto Stato indipendente le risorse versate per le pensioni possono essere investite su infrastrutture e investimenti che pagano un interesse, anziché essere sprecate sul debito pubblico com’è ora nello stato italiano

incorporato da Embedded Video

YouTube Direkt Read more

Read more

VENETO STATO: “GENTILINI LASCIA LA LEGA E VIENE DA NOI”

 

 

Tratto da OggiTreviso
Lui: “Falsità, sono solo passato a salutarli”. Ma rilancia l’idea della rivoluzione armata.

TREVISO – «Gentilini lascia la Lega Nord e aderisce a Veneto Stato». E’ questo l’annuncio shock apparso sul sito internet del movimento indipendentista. Uno scherzo? Si e no. Perché venerdì lo Sceriffo ha fatto capolino a un pranzo organizzato da Veneto Stato a Quinto e, prima di raggiungere una tavolata di leghisti, si è lasciato nominare «socio onorario» da Alessio Morosin, ex consigliere regionale del Carroccio e adesso leader dei venetisti.

Solo una goliardata? Non proprio, perché Gentilini ci ha messo molto del suo. «Ho rinunciato alle cariche a Roma perché voglio stare con il mio popolo e portarlo alla rivoluzione, come ho detto a Venezia – ha scandito registrato da una selva di telefonini – e la rivoluzione comporta l’occupazione con le armi: con le ciacole non si fa niente». Così è tornata a galla l’ormai famosa rivoluzione invocata dal palco della Lega nel 2008 contro extracomunitari, nomadi e zingari. Insomma, altro che i miti consigli che negli ultimi tempi l’hanno portato a bocciare l’idea di dar vita alla Padania e a esprimere il proprio sostegno al governo Monti, andando in contro alla reprimenda dei vertici del Carroccio.

«Sono di quella generazione che aveva le damigiane di olio di ricino e i manganelli – ha detto prima di andarsene con una spilla di Veneto Stato appuntata sulla giacca – sono più rivoluzionario di voi». Ma vedere la sua performance catapultata dritta dritta su internet non gli è piaciuto per nulla. E tanto meno vedersi bollare come un nuovo acquisto di Veneto Stato. «Tutte falsità – taglia corto – sono solo passato a salutarli, il resto sono vaccate». Ma le frasi sono registrate e la macchina di Youtube ormai si è già messa in moto. Read more

Read more

anche Gentilini si fa vivo da Veneto Stato

incorporato da Embedded Video

YouTube Direkt

Ieri sera la sezione di Veneto Stato – Quinto di Treviso, “la 121”, ha portato a termine un’altra grande iniziativa. Il dinamismo di questo gruppo, dopo il successo di una serata di presentazione a Settembre con oltre un centinaio di partecipanti, aveva organizzato per ieri sera una serata per i simpatizzanti che vogliono conoscere più a fondo Veneto Stato.

Sono venute una cinquantina di persone e molti erano i volti nuovi. Tra queste persone nuove abbiamo avuto la sorpresa di vedere anche Gentilini che è passato a dare un saluto. Era lì per caso? Non ha importanza, il punto è che, come dimostra l’intervento di Gentilini, non basta volere l’indipendenza, e per i nuovi iscritti e simpatizzanti ci vuole anche un percorso di formazione perché Veneto Stato non è solo uno slogan, ma è un progetto serio con un metodo ben preciso per come arrivare a destinazione.

Gentilini ha fatto un intervento molto simpatico che ci ha fatto piacere, ma per essere con Veneto Stato non basta rifiutarsi di andare a sedersi nel parlamento romano, o sospirare per l’indipendenza. Non abbiamo dubbi che molta gente, specie di una certa generazione come Gentilini, ha questi ideali in mente. Ma quello che bisogna assorbire nella mente, prima di poter far parte di un Veneto Stato libero, indipendente e democratico è che il nostro non è un percorso violento forzato con le armi. Il nostro è un percorso pacifico e legale da ottenere in maniera referendaria con monitoraggio internazionale.

Mi dispiace Gentilini, siamo contenti che lei faccia parte delle nostre file di simpatizzanti, ma prima di poter venire accettato come socio bisogna fare formazione e capire che il percorso di Veneto Stato non è slogan e protesta, ma è contenuti  e proposte.

Lodovico Pizzati Read more

Read more

come sarà dopo l’indipendenza

Mercoledì scorso ho partecipato come relatore alla presentazione di Veneto Stato a Santa Maria di Sala (VE). Ho notato con piacere che non è solo nel trevigiano che si registrano serate indipendentiste con ben oltre un centinaio di persone. Da questo autunno in provincia di Treviso è ormai diventata la norma avere oltre il centinaio di partecipanti (Quinto di Treviso, Lovadina, Montebelluna) e ho sempre pensato fossero i frutti di una primavera di attività intensa. Vedendo perlomeno 130 persone a Santa Maria di Sala ho avuto la lieta sorpresa che la voglia d’indipendenza si sta propagando in grandi numeri anche in altre provincie.

Ora però è anche giunto il momento di cambiare marcia sui contenuti della presentazione. Come per molte altre serate mi era stato chiesto di presentare le ragioni economiche dell’indipendenza (più tardi pubblicheremo anche il video), ma con mia sorpresa le domande dal pubblico puntavano ad altro. In sintesi era come sentirsi dire “queste cose le sappiamo già, non siamo qui per essere convinti dei vantaggi di avere una repubblica veneta completamente indipendente, siamo qui per altro.” Insomma, ormai alle serate indipendentiste non arrivano persone ignare o dubbiose, ma arrivano veneti informati, e molti di loro nelle discussioni post presentazione mi dicevano quasi annoiati che si sono già letti tutto sul sito, conoscono il programma, il curriculum degli esponenti, hanno già visto i video di altre presentazioni. Ci sono centinaia di persone non ancora iscritte, e solo simpatizzanti, che già hanno assorbito le ragioni e le motivazioni per aspirare ad una veneta indipendenza. Ma allora di cosa c’è sete, di cosa sentono il bisogno di sentir approfondito?

Nella nostra vita quotidiana subiamo diverse ingiustizie dallo stato italiano, sia fiscali che burocratiche, ma anche in termini di sicurezza, di efficienza legale e di tanto altro. Ai veneti non occorre sapere che lo stato italiano e la partitocrazia italo-padana fanno schifo, perché ci arrivano da soli accendendo il telegiornale. E per le migliaia di simpatizzanti che partecipano ai nostri eventi non occorre nemmeno essere convinti che abbiamo il potenziale di fare di meglio se indipendenti, perché questo lo sanno già. Quello che bisogna elaborare è che tipo di stato vogliamo e proponiamo. Non basta dire intanto arriviamo all’indipendenza e poi vedremo perché così non ci sbilanciamo. No, un programma politico indipendentista deve anche pensare e presentare in dettaglio cosa cambierà e come. Questo deve diventare parte integrante di una linea politica. Vogliamo uno stato che rispetti il singolo cittadino e che lo faccia sentire veramente sovrano, e non succube di uno stato che gli impone certe cose. Vogliamo uno stato dove percepiamo la polizia al nostro servizio, non una società dove ci si fa i fari per segnalare ad altri cittadini che le forze dell’ordine “foreste” sono dietro l’angolo.

Alcuni esempi illustrati a Santa Maria di Sala mi hanno stupito. Un commerciante segnala la terza rapina avvenuta nella sua bottega e le forze dell’ordine gli rispondono che sanno chi è stato ma che se lo prendono dopo questa banda gli farà ulteriori rapine per ripicca. Questo tipo di esempi abbondano, e potendo molti licenzierebbero in tronco chi gli risponde così. Il problema però non è tanto una scarsa formazione del personale o la mancanza di risorse per compiere il proprio dovere. È anche questo, certo, ma la soluzione a certi problemi può essere semplice se da subito impostiamo il nostro stato in maniera di dare il potere decisionale, la sovranità, direttamente in mano ai cittadini. Per fare un esempio negli Stati Uniti lo sceriffo di una contea, o il capo della polizia di una città, non devono la loro posizione a qualche generale o politico al di sopra di loro. Queste sono posizioni elette direttamente dalla cittadinanza locale. Il capo della polizia di un paese deve riferire direttamente alla cittadinanza, e se una comunità percepisce un livello di crimine fuori controllo licenziano il capo della polizia che si è rivelato inadatto e eleggeranno un nuovo candidato più determinato nel risolvere questi problemi. In un sistema dove le risorse fiscali rimangono in paese, i cittadini possono anche decidere di concentrare più risorse per la sicurezza se questa viene considerata una priorità, e tutto questo senza dover mandare politici in un parlamento distante per poi non concludere niente.

Difatti non deve essere solo un sindaco ad essere eletto, e sempre negli Stati Uniti anche i giudici vengono eletti dalla popolazione. Dobbiamo liberarci della mentalità che non si può lasciare queste decisioni “importanti” in mano alla gente. In America non c’è l’obbligo di essere laureati in giurisprudenza per essere giudici (e nella loro storia esistono casi esemplari di giudici rinomati che appunto non erano avvocati), però i cittadini hanno sempre la maturità di scegliere per questi incarichi persone preparate e affidabili. In questo esercizio di democrazia diretta alla fine i giudici eletti sono quasi sempre gente del mestiere, ma anche in questo caso sanno che devono la loro posizione ai cittadini stessi, e non è una coincidenza che la giustizia là è pi efficiente e comporta un costo molto inferiore.

In sintesi, nella mia visione di come deve essere strutturato un Veneto indipendente basta impostarlo con alcune regole di base e il resto viene da se. Non dobbiamo nemmeno inventarci molto perché tante cose possiamo o riscoprirle dal sistema che era quello della Repubblica Veneta, oppure impararlo da altri stati che già applicano un sistema vincente come nel caso della Svizzera. A mio avviso un Veneto indipendente dovrebbe essere una confederazione di provincie come appunto la Svizzera, dove nulla viene imposto dall’alto. I vantaggi di un sistema confederato non sono solo le risorse fiscali che rimangono nei comuni e nelle provincie, anziché venire concentrati in una capitale centralista (che sia Roma o Venezia). Ma i vantaggi sono anche l’efficienza che si crea quando ogni provincia o comune può decidere il proprio livello di tassazione e “competere” con i comuni e le provincie limitrofe.

Queste sono solo alcune brevi riflessioni dopo la serata a Santa Maria di Sala, e di sicuro i contenuti di un’attività politica indipendentista dovranno senzaltro concentrarsi su che tipo di stato vogliamo impostare, coinvolgendo persone preparate per diversi settori. Non si può rimanere vaghi o limitarsi solo a ragionamenti di contabilità o identitari. Bisogna avere il coraggio di saper vedere e descrivere come vogliamo venga impostata la nostra società.

Lodovico Pizzati Read more

Read more